Come vendere vino online: la guida completa

Come vendere vino online: la guida completa

Il vino, ecco una delle bevande più apprezzate in tutto il mondo e di cui l’Italia vanta prodotti di qualità eccellente da Nord a Sud! Ma come vendere vino online, oltre che farlo attraverso il metodo tradizionale?

In questa guida verrà spiegato passo per passo quali strumenti utilizzare per riuscire a sfruttare al massimo il web ed ottimizzare le vendite in questo settore, ma prima di tutto è utile vedere quali siano i numeri attuali di tale prodotto.

Si sta parlando di un mercato in crescita e sempre più affollato, basti pensare che circa 150 mila aziende vinicole nel 2017 hanno prodotto vino per circa 250 milioni di ettolitri e non è di certo semplice riuscire ad emergere ed ottenere risultati importanti.

Nonostante internet sia uno dei canali preferiti da numerose aziende per ampliare i propri affari, ancora oggi tanti produttori di vino ed enoteche non lo utilizzano a dovere per fare la differenza.

Eppure il mercato online di vino in Italia ha grandi margini di crescita!

Se ci si sofferma a pensare per un attimo che in America circa l’82% delle cantine vende tale bevanda alcolica attraverso l’e-commerce, raccogliendo una media del 12% del proprio fatturato, si comprenderà meglio di cosa si stia parlando.

In Italia ancora oggi, invece, la vendita di vino online non raggiunge neanche lo 0,5% di quelle totali, ragion per cui, è giunto il momento di sfruttare al massimo le potenzialità del web, utilizzando i tanti strumenti messi a disposizione e che a breve verranno illustrati.

Come vendere vino online: norme e adempimenti

Per vendere vino su internet è indispensabile conoscere quali siano gli adempimenti burocratici necessari per avviare il commercio elettronico, in modo tale da essere in regola sin dall’inizio ed in caso di controlli successivi.

Il consiglio è quello di tenersi sempre aggiornati sulle norme che regolano l’e-commerce, magari affidandosi ad un professionista esperto nel settore.

Ciò che bisogna tenere presente, infatti, è che aprire un’enoteca online costituisce a tutti gli effetti l’avvio di una normale attività commerciale, la quale richiede:

  • Apertura di partita IVA
  • Iscrizione Camera di Commercio
  • Iscrizione alla Gestione Commercianti Inps
  • Scia per il SUAP (Sportello Unico delle Attività produttive).

A tutto ciò si aggiunge l’obbligo di comunicare tempestivamente all’Agenzia delle Entrate:

  • L’indirizzo web del sito e-commerce
  • I dati dell’Internet Service Provider
  • L’indirizzo di posta elettronica
  • Recapiti telefonici e fax.

Inoltre, per poter vendere il proprio vino in anche all’interno di altri Paesi dell’Unione Europea, bisogna iscriversi alla Banca dati VIES.

Chi sta ricercando informazioni su come vendere vino online deve anche ricordare che sull’Homepage del sito devono sempre apparire:

  • Nome e ragione sociale dell’attività
  • Indirizzo fisico
  • Email
  • Numero di partita Iva
  • Numero di iscrizione alla Camera di Commercio.

L’unica differenza tra un negozio tradizionale e la gestione di un sito e-commerce, che sia ben chiaro, risiede nella mancanza di uno spazio fisico, sostituito da un indirizzo web.

Cosa sapere sui diritti dei consumatori

Nel momento in cui si decide di iniziare la vendita di alcolici online, oltre a svolgere tutti gli adempimenti appena elencati, è necessario anche venire a conoscenza di ulteriori leggi sul commercio elettronico che tutelano i consumatori.

Le novità introdotte, infatti, riguardano:

  • Diritto di recesso
  • Vendita onesta
  • Inserimento sul sito dell’informativa legata alla privacy
  • Informazioni agli utenti circa i cookie che si intendono memorizzare.

Quest’ultimo provvedimento è entrato in vigore da giugno per volere del Garante della Privacy.

Come vendere vino online: le regole pubblicitarie da rispettare

Non si dimentichi, inoltre, che per la vendita di alcolici online esistono regole precise da rispettare.

Ogni piattaforma, infatti, ha le sue, a cominciare da Facebook che impone il rispetto delle leggi locali vigenti per le inserzioni riguardanti la promozione di bevande alcoliche o fanno riferimento ad esse.

Inoltre, tale Social vieta l’apparizione di alcolici nelle pubblicità con offerta e nei prodotti della vetrina della propria pagina.

Per Instagram valgono le medesime regole, mentre Pinterest pur consentendo di pubblicizzare alcolici, impone che l’inserzione rimandi direttamente alla pagina di acquisto dei prodotti sul sito del venditore e tenendo sempre conto delle leggi vigenti nel paese in cui si intende fare pubblicità.

Per tutti gli altri social network valgono più o meno le medesime regole, ragion per cui, è indispensabile studiare bene in che modo pubblicizzare la vendita di vino, tenendo conto di tutte le normative di riferimento.

Come vendere vino online

Come vendere vino online – La scelta è importante

Come vendere vino online: l’importanza di affidarsi ad un team di esperti

Affinchè un sito e-commerce che induca più clienti all’acquisto di vini online sia vincente, non è sufficiente lanciare qualche pubblicità su internet o lasciare post sulla propria pagina di Facebook, Instagram o Twitter.

In realtà per farlo funzionare correttamente ed ottenere risultati in termini di guadagni, è importante affidarsi ad un team di professionisti del settore, che coprano tutte le fasi di marketing online:

  • Gestire e coordinare l’attività di vendita;
  • Selezionare contenuti, produrre post accattivanti e seguire tutte le attività pubblicitarie sui Social;
  • Produrre testi efficaci ed ottimizzati per il web, descrivere prodotti ed articoli che vengono pubblicati su altre testate online;
  • Aggiornare prodotti, schede tecniche e prezzi, contattare ed acquisire fornitori;
  • Gestire campagne pubblicitarie su Google attraverso un’attenta analisi per ottimizzare i costi;
  • Analizzare promozioni, realizzare newsletter;
  • Soddisfare le richieste di informazione del cliente, raccogliere osservazioni, segnalazioni o reclami.

La guida su come vendere vino online vuol mettere in risalto questo aspetto, sottolineando che tutte le attività appena elencate non devono obbligatoriamente essere presenti all’interno dell’azienda, ma pure gestite da agenzie di comunicazione e marketing.

Come vendere vino online: dare la giusta importanza anche alla vendita offline

Per vendere vino su internet ed ottenere i risultati sperati, vi è un’altra cosa da non sottovalutare, ossia, il fatto che tutte le attività di marketing debbano partire dal punto vendita fisico.

Ciò significa valorizzare la cantina, la produzione di vino e di chi se ne occupa, perché è proprio da tali fattori che proviene la qualità ed il successo del proprio prodotto.

Un’idea potrebbe essere quella di creare sul sito una pagina dedicata ad eventi proposti in cantina, in cui siano elencati i vini ed i cibi proposti e riportare sul coupon il link a questa stessa pagina.

In tal modo sarà più semplice per i clienti acquistare il prodotto dopo che lo avranno assaggiato.

Un’altra iniziativa interessante è quella di organizzare delle degustazioni virtuali, preparando alcuni video su You Tube o Facebook, in cui si raccontano le caratteristiche dei vari vini e si mostra ai clienti in che modo assaggiarli.

Come vendere vino online: ultimi suggerimenti

La guida su come vendere il vino online si conclude con alcuni suggerimenti preziosi, il primo dei quali consiglia di semplificare il più possibile la navigazione sul proprio sito.

Sono sempre più numerosi, infatti, gli utenti propensi ad acquistare utilizzando uno smartphone oppure un tablet e per tale motivo è importante che il sito dedicato all’acquisto di vini online sia utilizzabile anche da tali dispositivi.

Rapidità e semplicità sono ormai essenziali per chi acquista prodotti sul web, vino compreso, ecco perché è fondamentale tenere presenti questi due fattori quando si decide di aprire un’enoteca online di successo!

Roberto Trizio

Roberto Trizio

Dopo una robusta preparazione in giornalismo scientifico e digitale, secondo le tecniche anglosassoni in forza ad USA Today, dirige i portali del gruppo ExpoItalyWeb. Su ExpoitalyOnline firma diversi approfondimenti di digital marketing.


Articoli correlati

Brexit e alimentazione in Inghilterra

Il 18 maggio, l’ufficio di collegamento del Parlamento europeo nel Regno Unito ha organizzato un dibattito per esaminare l’impatto della

Il capitalismo. Storia ed evoluzione dell’economia di mercato

Il capitalismo, chiamato anche economia di libero mercato o economia d’impresa libera, è il sistema economico dominante nel mondo occidentale

Gdpr. Dopo un mese la spesa pubblicitaria ha iniziato a recuperare

La spesa pubblicitaria ha iniziato a recuperare un mese dopo l’arrivo del Regolamento generale sulla protezione dei dati che l’ha