Trizio Consulting

Luis Sepulveda. Biografia

Luis Sepulveda. Biografia
Trizio Consulting

Luis Sepúlveda Calfucura (4 ottobre 1949 – 16 aprile 2020) è stato uno scrittore e giornalista cileno. Un comunista avversario e militante fervente contro il regime di Augusto Pinochet, è stato imprigionato e torturato dalla dittatura militare nel corso del 1970.

Sepúlveda è stato autore di libri di poesie e racconti; oltre allo spagnolo, sua madrelingua, parlava anche inglese, francese e italiano. Alla fine degli anni ’80, ha conquistato la scena letteraria con il suo primo romanzo, Il vecchio che leggeva romanzi d’amore.

Luis Sepúlveda è nato a Ovalle, nella provincia di Limarí, nel 1949. Suo padre, José Sepúlveda, era un militante del Partito Comunista Cileno; e sua madre, Irma Calfucura, era un’infermiera di origine mapuche. Dopo il liceo a Santiago, ha studiato produzione teatrale presso l’Università Nazionale del Cile.

Luis Sepulveda e la politica

Luis Sepúlveda è stato politicamente attivo prima come leader del movimento studentesco e nell’amministrazione Salvador Allende nel dipartimento degli affari culturali, dove era responsabile di una serie di edizioni economiche di classici per il grande pubblico. Ha anche agito come mediatore tra il governo e le società cilene.

Dopo il colpo di stato cileno del 1973 che portò al potere il generale Augusto Pinochet fu incarcerato per due anni e mezzo e poi ottenne un rilascio condizionale attraverso gli sforzi della filiale tedesca di Amnesty International e fu tenuto agli arresti domiciliari.

Riuscì a fuggire e si nascose per quasi un anno. Con l’aiuto di un amico che era a capo dell’Alleanza francese a Valparaíso, fondò un gruppo drammatico che divenne il primo centro culturale di resistenza. Fu nuovamente arrestato e condannato all’ergastolo (in seguito ridotto a ventotto anni) per tradimento e sovversione.

Luis Sepulveda e Amnesty

La sezione tedesca di Amnesty International intervenne di nuovo e la sua pena detentiva fu commutata in otto anni di esilio, e nel 1977 lasciò il Cile per volare in Svezia dove avrebbe dovuto insegnare letteratura spagnola. Alla prima sosta a Buenos Aires fuggì e riuscì a entrare in Uruguay. Poiché le situazioni politiche sia in Argentina che in Uruguay erano simili a quelle nel suo paese d’origine, Sepúlveda andò a San Paolo in Brasile e poi in Paraguay.

Dovette ripartire a causa del regime locale e alla fine si stabilì a Quito in Ecuador, ospite del suo amico Jorge Enrique Adoum. Ha diretto il teatro Alliance Française, ha fondato una compagnia teatrale e ha preso parte a una spedizione UNESCO per valutare l’impatto della colonizzazione sugli indiani Shuar.

Durante la spedizione ha condiviso la vita degli Shuar per sette mesi e ha raggiunto la comprensione dell’America Latina come continente multiculturale e multilingue in cui il marxismo che gli era stato insegnato non era applicabile a una popolazione rurale che dipendeva dal suo ambiente naturale circostante. Ha lavorato a stretto contatto con le organizzazioni indiane e ha redatto il primo piano di insegnamento per l’alfabetizzazione della federazione contadina di Imbabura, nelle Ande.

Nel 1979, si unì alla Brigata Internazionale Simón Bolívar che stava combattendo in Nicaragua e dopo la vittoria della rivoluzione iniziò a lavorare come giornalista e un anno dopo partì per l’Europa.

È andato ad Amburgo, in Germania, per la sua ammirazione per la letteratura tedesca (ha imparato la lingua in prigione), in particolare i romantici come Novalis e Friedrich Hölderlin e ha lavorato lì come giornalista viaggiando ampiamente in America Latina e Africa.

Greenpeace

Nel 1982 entrò in contatto con Greenpeace e lavorò fino al 1987 come membro dell’equipaggio su una delle loro navi. In seguito ha agito come coordinatore tra i vari rami dell’organizzazione.

Nel 1988 ha vinto il Tigre Juan Award per il suo romanzo Un viejo que leía novelas de amor, e nel 2009 ha vinto il Premio Primavera de Novela per il suo romanzo La ombra di lo fuimos.

Il 1° marzo 2020, è stato confermato come il primo uomo nella regione delle Asturie in Spagna ad essere infetto da COVID-19. L’ 11 marzo è stato riferito che Sepúlveda era in condizioni critiche, che era in coma indotto con respirazione assistita a causa dell’insufficienza multipla di organi in un ospedale di Oviedo. È morto il 16 aprile a causa del coronavirus.

I libri di Luis Sepulveda

  • Crónica de Pedro Nadie (1969; titolo inglese: Chronicle of Pedro Nobody )
  • Los miedos, las vidas, las muertes y otras alucinaciones (1986; Paura, vita, morte e altre allucinazioni ) [ citazione necessaria ]
  • Cuaderno de viaje (1987; diario di viaggio )
  • Mundo del Fin del Mundo (1989; Il mondo alla fine del mondo )
  • Un viejo que leía novelas de amor (1989; The Old Man Who Read Love Stories )
  • La frontera extraviada (1994; The Lost Frontier )
  • Nombre de torero (1994; Il nome di un torero )
  • Al andar se hace il camino se hace il camino al andar (1995; Patagonia Express )
  • Historia de una gaviota y del gato que le enseñó a volar (1996; La storia di un gabbiano e il gatto che le insegnò a volare )
  • Historias marginales (2000)
  • Hot line (2002)
  • La locura de Pinochet y otros artículos (2002)
  • Cuaderno de viaje
  • Diario di un assassino sentimentale seguido di Yacaré
  • Komplot: Primera parte de una antología irresponsable
  • Los peores cuentos de los hermanos Grim (con Mario Delgado Aparaín, 2004)
Niccolò Giraudo

Niccolò Giraudo

Torino è una città fantastica, specialmente per chi ama il design in tutte le sue forme. Chi non ci credesse può venire a casa mia: matite e pennelli non mancano. Si può anche suonare il violoncello. È l’ambiente ideale anche per recensire un film, un blog o un nuovo tostapane. Provare per credere.