Come migliorare la velocità di caricamento delle pagina web senza diminuire il contenuto

Come migliorare la velocità di caricamento delle pagina web senza diminuire il contenuto

Non è un segreto che i tempi di caricamento delle pagine hanno un impatto importante sul successo di un sito web. Gli algoritmi di ricerca di Google favoriscono i tempi di caricamento rapidi, e ogni giorno si cerca sempre di più e il più piccolo aumento dei tempi può avere un effetto negativo sulle conversioni.

Le velocità di caricamento delle pagine non sono l’unica cosa che incoraggia un aumento delle conversioni: è necessaria anche una ricchezza di contenuti, immagini e interattività . Queste due cose sono in conflitto, tuttavia, poiché il contenuto porta a pagine più grandi, il che rallenta il tempo di caricamento.

La costante battaglia tra la necessità di velocità e la richiesta di contenuti completi può portare a molti progetti di web design. È imperativo che venga raggiunto un equilibrio per soddisfare entrambi questi requisiti.

Come migliorare la velocità di caricamento. Modificare la velocità della pagina in base al suo scopo

I tempi di caricamento delle pagine sono impossibili da prevedere fino a quando un sito Web non è stato sviluppato in una fase matura. Pertanto, è meglio adottare un approccio iterativo per misurare e migliorare la velocità. Dovresti iniziare identificando le pagine di destinazione SEO del sito e le sue pagine con contenuti ampi. Una volta che hai distinto i due settori, puoi iniziare a ridurre le dimensioni della pagina e la velocità di caricamento delle pagine SEO.

Allo stesso modo, puoi consentire alle pagine di destinazione avanzate, quelle dove l’utente deve agire, un po ‘più di spazio per l’interazione dell’utente.

Ecco un processo da seguire:

  1. Identifica le pagine di destinazione chiave che avranno una ridotta velocità di caricamento.
  2. Progetta le migliori azioni che ti portino a tempi di caricamento ridotti.
  3. Decidi le funzionalità relative alle best practice per i bassi tempi di caricamento.
  4. Sviluppa la pagina/pagine.
  5. Misura e cerca opportunità per risparmiare tempo di caricamento.
  6. Ripeti 4-5 fino alla massima velocità.

Tuttavia, questo copre solo la prima parte della sistemazione, poiché le pagine di destinazione SEO fondamentali richiedono un monitoraggio continuo per garantire che i tempi di caricamento delle pagine continuino a funzionare come previsto. Questo è particolarmente importante se il sito web su cui stai lavorando utilizza un sistema di gestione dei contenuti che consente a chiunque di modificare le pagine.

Per monitorare in modo efficace questo aspetto una volta avviato il sito Web, è possibile seguire questi due passaggi:

  • Controlla le pagine chiave una volta al mese per assicurarti che siano ancora in esecuzione.
  • Utilizza uno strumento di monitoraggio della velocità della pagina che viene attivato una volta che la pagina si sta eseguendo al di sotto di un livello concordato.
  • Ottimizzazione della velocità di caricamento: considerazioni sulla progettazione
    Il design del sito globale gioca un ruolo fondamentale nel determinare quanto ottimizzati possano essere i tempi di caricamento delle pagine. Quando si tratta di pagine web, le dimensioni contano davvero. Dovresti mirare idealmente a mantenere le dimensioni di caricamento delle pagine inferiori a 500k, ma al massimo di 1 MB.

Come migliorare la velocità di caricamento. Attenersi alla seguente procedura per ridurre al minimo i tempi di caricamento:

Riduci il più possibile l’uso di immagini sulle pagine di destinazione principali. L’iconografia e il design più sofisticato possono far apparire le pagine altrettanto ricche di contenuti.
Dove usi le immagini, assicurati che siano ottimizzate senza degrado della qualità.
Utilizza le pagine di destinazione ottimizzate per la ricerca organica e mantieni i contenuti multimediali su pagine più profonde che non vengono indirizzate alla ricerca organica.
Evita layout unici e complessi su più modelli. Più semplice è il codice HTML, più piccoli saranno i file.
Evita elementi complessi e interattivi basati su pesanti librerie JavaScript. Sì, potrebbe sembrare interessante vedere qualcosa muoversi sullo schermo, ma è necessario?

Come migliorare la velocità di caricamento. Aspetti tecnici da considerare durante l’implementazione

Una volta che questi due aspetti sono stati affrontati, puoi guardare le parti più tecniche della velocità di caricamento della pagina, che dovrebbero essere considerate come parte di una scelta di hosting:

  • Ove possibile, rimuovere la dipendenza da script di terze parti. Questi possono essere problematici in quanto non solo sei dipendente da quegli script che vengono caricati prima che la pagina del tuo sito venga letta, a volte sono sottoposti a un carico elevato e quindi più lenti del solito. Questo può portare a tempi di caricamento “grumosi”.
  • Utilizza tecniche di caricamento lente per garantire che le immagini non appaiano above the fold quando l’utente scorre nella visualizzazione.
  • Fai un uso migliore delle immagini responsive. Recentemente ci sono stati progressi nel modo in cui le immagini responsive sono gestite dai browser. Ciò significa che non è necessario fornire una singola immagine di grandi dimensioni che funzioni su tutte le finestre e che invece possa offrire un’immagine migliore per risoluzioni specifiche.
  • Assicurati che i video incorporati vengano visti dopo che la pagina è stata caricata, piuttosto che come parte del caricamento della pagina. Ciò significa che gli utenti vedranno un’immagine di anteprima per un video e, una volta cliccato sul link, vedranno il video effettivo.
  • Evita file htaccess di grandi dimensioni per reindirizzamenti 301 e combina le regole in reindirizzamenti di categoria di massa, piuttosto che singoli reindirizzamenti da pagina a pagina.
  • Utilizza un CDN per le immagini. Ciò dovrà essere misurato, in quanto i CDN possono essere dannosi per le prestazioni se la base utente del sito è particolarmente localizzata.
  • Riduci i file CSS e JavaScript. Dovresti già farlo comunque, ma ci sono ulteriori opportunità per ridurre alcuni dei file sulle pagine chiave. Questa è una parte centrale quando si decide se installare nuovi plug-in.
  • Abbandona il supporto per i browser più vecchi. Questo perché i browser più vecchi richiedono specifici file CSS e JS per essere creati e caricati nel sito in modo condizionale. Rimuovendo completamente queste vecchie versioni, è una richiesta in meno da fare al server.
  • Riduci al minimo il numero di plug-in utilizzati dal tuo sito. Molti siti web soffrono di bloat di plugin, e anche se non è un problema quando si lavora con un CMS, è un impedimento alla velocità di carimento.
  • Rimuovi qualsiasi dipendenza da requisiti di hosting non essenziali, come l’hosting di immagini per le firme via e-mail.
  • Esegui query di ottimizzazione del database. Se il tuo sito web è online da un po’, allora ci sarà un certo numero di tecniche di database che possono essere utilizzate per ottimizzare il tempo in cui le query vengono eseguite.

Per finire, un sito altamente ottimizzato è quello che bilancia le specifiche, il design e l’implementazione. Il fattore chiave è quello di differenziare le pagine SEO altamente ottimizzate dalle altre pagine, in modo da poter continuare a ottimizzarle il più possibile.

HAI PROBLEMI DI VELOCITA’ COL TUO SITO?
CHIEDI AI NOSTRI ESPERTI


Articoli correlati

Arriva in Italia l’Apple Watch

Il 26 giugno arriverà in Italia l’Apple Watch, l’ultima creazione di casa Cupertino. Lo scorso 24 aprile è stato lanciato

Whatsapp si aggiorna. Ora invia qualsiasi tipo di file

D’ora in poi con WhatsApp si potrà condividere ogni tipo di file o documento, non solo pdf, foto e video.

4 trucchi per creare contenuti ottimizzati per la ricerca vocale

La voce è il futuro della ricerca sul web. Sia Google che Bing hanno dichiarato che la maggior parte delle query