Youtube rimuoverà migliaia di account con argomenti vietati

Youtube rimuoverà migliaia di account con argomenti vietati

YouTube ha annunciato che opererà per rimuovere migliaia di video e canali che sostengono il neo-nazismo, la supremazia bianca e altre ideologie estremiste nel tentativo di ripulire i canali d’odio nel suo portale.

La nuova politica vieterà “video che sostengono che un gruppo è superiore per giustificare la discriminazione, la segregazione o l’esclusione“, ha detto la società in un post sul blog. Il divieto riguarderà anche i video che negano che siano avvenuti episodi violenti, come le sparatorie di massa alla Sandy Hook Elementary School nel Connecticut o l’olocausto.

YouTube non ha assegnato comunicato nessun nome a specifici canali o video che sarebbero vietati.

“È nostra responsabilità proteggere gli utenti e impedire che la nostra piattaforma venga utilizzata per incitare all’odio, alle molestie, alla discriminazione e alla violenza”, ha affermato la società nel post del blog.

La decisione di YouTube, che è di proprietà di Google, è l’ultima azione di una società della Silicon Valley per arginare la diffusione di incitamento all’odio e disinformazione sul suo sito. Un mese fa, Facebook ha chiuso sette dei suoi utenti più controversi, tra cui Alex Jones, il teorico della cospirazione e fondatore di InfoWars. Twitter ha bandito Jones l’anno scorso.

I social media sono stati oggetto di intense critiche per la loro reazione lenta o nulla alla diffusione di contenuti di odio o falsi. Allo stesso tempo, il presidente Trump e altri sostengono che le gigantesche piattaforme tecnologiche censurano le opinioni di destra, e le nuove politiche messe in atto dalle compagnie hanno infiammato grandi dibattiti.

La tensione è aumentata quando YouTube ha affermato che un importante creatore di contenuti di destra che ha usato linguaggio razziale e insulti omofobici per molestare un giornalista in video su YouTube non ha violato le sue politiche. La decisione ha scatenato una tempesta online.

Nei video Steven Crowder, un commentatore conservatore con quasi quattro milioni di abbonati al suo canale YouTube, ha insultato ripetutamente Carlos Maza, un giornalista di Vox. Crowder ha usato insulti riguardo all’etnia e all’orientamento sessuale di Maza.  Crowder ha detto che i suoi commenti erano innocui e YouTube ha determinato che non ha infranto le sue regole.

“Le opinioni possono essere profondamente offensive, ma se non violano le nostre politiche, rimarranno sul nostro sito”, ha detto YouTube in una dichiarazione sulla sua decisione sul signor Crowder.

Le decisioni back-to-back hanno illustrato un tema centrale che ha definito le lotte di moderazione delle aziende dei social media: fare le regole è spesso più facile che farle rispettare.


Articoli correlati

Pokemon go e problemi di server. In vendita account di alto livello

Quattro anni fa, uno sviluppatore poco conosciuto chiamato Niantic creò Ingress. Era un gioco mobile basato sui luoghi reali, un gioco che pose le

Facebook. Cala il traffico verso i siti dei publisher

SimpleReach una grande agenzia di misurazione e analisi web ha effettuato una ricerca sul traffico portato da Facebook verso i

Facebook modifica le proporzioni delle Ads

Facebook sta modificando le proporzioni per i post e gli annunci nel suo feed notizie mobile. A partire dal 19 agosto, i post