Il Panda gigante. Storia, origine, alimentazione e socialità

Il Panda gigante. Storia, origine, alimentazione e socialità

Panda gigante, (Ailuropoda melanoleuca), chiamato anche orso panda, è un mammifero orsino che abita foreste di bambù nelle montagne della Cina centrale. Il suo sorprendente mantello bianco e nero, combinato con un corpo voluminoso e un viso tondeggiante, conferisce un aspetto accattivante che lo ha reso famoso alle persone di tutto il mondo. Secondo la Lista Rossa IUCN delle specie minacciate, si pensa che meno di 1.900 panda siano in libertà.

I maschi di grandi dimensioni possono raggiungere 1,8 metri di lunghezza e pesare più di 100 kg; le femmine sono generalmente più piccole. Spighe nere e toppe nere si stagliano su un viso e collo bianchi. Arti neri, coda, gambe e spalle contrastano con il busto bianco. Le zampe posteriori sono rivolte verso l’interno, il che conferisce ai panda un’andatura ondeggiante. I panda possono stare facilmente sulle zampe posteriori e si osservano comunemente salti mortali, capriole e bagni di polvere.

Anche se un po’ goffi come scalatori, i panda salgono prontamente sugli alberi e, in base alla loro somiglianza con gli orsi, sono praticamente in grado di nuotare. Una caratteristica anatomica insolita è un osso del polso ingrandito che funziona un po’ come un pollice, consentendo ai panda di manipolare il cibo con una notevole destrezza.

Alimentazione dei Panda

Fino al 90-98 percento della dieta del panda consiste in foglie, germogli e steli di bambù, un tipo di alimento disponibile tutto l’anno in gran parte delle regioni boscose della Cina. Nonostante gli adattamenti delle zampe anteriori, dei denti e delle mascelle per il consumo di bambù, il panda gigante ha conservato il sistema digestivo della sua discendenza carnivora e non è quindi in grado di digerire la cellulosa, un costituente principale del bambù.

Panda e alimentazione

Panda e alimentazione

I panda risolvono questo problema passando rapidamente quantità prodigiose di erba attraverso il tratto digestivo. Fino a 16 ore su 24 vengono impiegate per l’alimentazione e l’eliminazione dei rifiuti avviene fino a 50 volte al giorno. I resti dentali fossilizzati indicano che il panda gigante si è dedicato al bambù come principale fonte di cibo almeno tre milioni di anni fa. Anche se non sono in grado di catturare la preda, i panda conservano il gusto per la carne, che viene usata come esca per catturarli per la radiocollatura e occasionalmente li ha resi infestanti in campi umani. Le specie non possono sopravvivere naturalmente al di fuori delle foreste di bambù, anche se in cattività sono state mantenute su cereali, latte e frutta e verdura da giardino. Il bambù è la dieta più sana per i panda in cattività.

Socialità e accoppiamento

La natura solitaria del panda gigante è sottolineata dalla sua dipendenza dal suo senso dell’olfatto. Ogni animale confina le sue attività in un intervallo di circa 4-6 km quadrati, ma queste aree di origine spesso si sovrappongono in modo sostanziale. Una grande ghiandola aromatica situata appena sotto la coda e che circonda l’ano viene utilizzata per lasciare messaggi olfattivi per altri panda. La ghiandola viene sfregata contro alberi, rocce e ciuffi d’erba, con il profumo trasmette informazioni sull’identità, il sesso e, eventualmente, lo status sociale dell’individuo.

L’analisi chimica delle marcature è coerente con una differenza di funzione per maschi e femmine. I maschi sembrano usare il profumo per identificare le aree in cui vivono, mentre le femmine lo usano principalmente per segnalare l’estro. Fatta eccezione per la cura dei piccoli da parte delle madri, l’unica attività sociale dei panda avviene durante l’estro delle femmine, che si verifica ogni anno durante la primavera e dura da uno a tre giorni.

Una stagione degli amori primaverili (marzo-maggio) e una stagione delle nascite autunnali (agosto-settembre) sono presenti nelle popolazioni selvatiche e in cattività. I maschi sembrano individuare le femmine prima per odore e infine per vocalizzazioni. Sono stati registrati unioni da uno a cinque maschi per femmina. In questo momento i maschi possono diventare molto aggressivi mentre competono per l’opportunità di accoppiarsi.

La nascita dei piccoli

Come gli orsi, i panda giganti subiscono un ritardo nell’impianto dell’ovulo fecondato nella parete dell’utero, un periodo di due o tre mesi dopo l’accoppiamento. I livelli di ormoni nell’urina femminile indicano che il periodo di crescita / sviluppo embrionale / fetale dura solo circa due mesi. Complessivamente, la media della gestazione è di 135 giorni (con un intervallo di 90-184 giorni), ma, a causa della breve fase di crescita, un feto pesa solo circa 112 grammi in media. Rispetto alla madre, i panda giganti producono la più piccola prole di qualsiasi mammifero placentare (circa 1/800 del peso della madre).

Per le prime due o tre settimane di vita, la madre usa le sue zampe anteriori e le sue ossa del polso simili a un pollice per coccolare e posizionare il bambino contro se stessa in un modo piuttosto incarnato e quasi umano. Quasi la metà delle 133 nascite in cattività registrate prima del 1998 erano di gemelli, ma le madri panda di solito non sono in grado di prendersi cura di più di un piccolo.

Piccolo di Panda

Piccolo di Panda

Il panda appena nato è cieco e coperto solo da un sottile mantello bianco. È praticamente indifeso, essendo in grado solo di succhiare e vocalizzare. Dipende da sua madre per il calore, il nutrimento e il posizionamento al seno. Lo sviluppo è lento durante i primi mesi. Gli occhi iniziano ad aprirsi a circa 45 giorni, e i primi passi traballanti sono verso i 75-80 giorni. Il suo stato vulnerabile obbliga la nascita in una tana, un ambiente in cui vive per i primi 100-120 giorni. Dopo circa 14 mesi, all’età in cui i denti da latte sono cambiati, il piccolo consuma prontamente bambù, e a 18-24 mesi avviene lo svezzamento dalla madre. La separazione dalla madre deve avvenire prima che una femmina possa intraprendere la produzione della sua prossima cucciolata. I panda in cattività possono vivere oltre 30 anni, ma la durata della vita in natura è stimata in circa 20 anni.

Storia e antenati del Panda

I fossili del nord del Myanmar e del Vietnam e gran parte della Cina a nord di Pechino indicano che il panda gigante era ampiamente diffuso in tutta l’Asia orientale durante la prima epoca del Pleistocene (da 2,6 milioni a 11.700 anni fa). La distruzione da parte degli uomini del suo habitat forestale, combinato con il bracconaggio, ha limitato la specie in frammenti remoti di habitat montuoso lungo il margine orientale dell’altopiano tibetano nelle province cinesi del Sichuan (Szechwan), dello Shaanxi (Shensi) e del Gansu (Kansu). L’area totale di queste zone è di circa 13.000 km quadrati, e in tempi recenti la fioritura massiva periodica e la morte di bambù hanno portato alla fame alcune popolazioni. Per i boschi di bambù occorrono da 5 a 10 anni per riprendersi da questi eventi naturali. Dagli anni ’90 la Cina ha notevolmente ampliato i suoi sforzi di conservazione, e ora considera il panda un tesoro nazionale. Il sistema di riserva è stato esteso da 14 siti a oltre 40 e sono stati implementati accordi internazionali cooperativi per fornire formazione nella gestione delle riserve e nell’allevamento in cattività. Il panda era stato a lungo considerato una specie in via di estinzione dalla IUCN, ma l’organizzazione ambientale ha cambiato lo stato del panda in “vulnerabile” nel 2016, a causa del successo della Cina nel ripristino degli habitat delle foreste di bambù.

I Panda sono tesoro nazionale cinese

I Panda sono tesoro nazionale cinese

Le prime epoche di considerare i Panda come regali e prestiti commerciali a breve termine ai giardini zoologici hanno lasciato il posto ad accordi di prestito che generano fondi per la conservazione della popolazione selvaggia. Più di 120 panda sono mantenuti in cattività in Cina, e altri 15 a 20 si trovano in altri zoo. Le popolazioni in cattività stanno aumentando. Su-Lin, il primo dei panda giganti in Occidente, raggiunse gli Stati Uniti da piccolo nel 1936 ed era un’attrazione popolare allo Zoo di Brookfield, vicino a Chicago, fino alla sua morte nel 1938. Nessun europeo ha osservato un panda gigante in natura fino alla spedizione Walter Stötzner del 1913-15, anche se Armand David, un missionario vincenziano, scoprì alcune pellicce di panda nel 1869.

La classificazione dei panda giganti è stata a lungo oggetto di controversie. Dati anatomici, comportamentali e biochimici sono stati usati per classificare i panda con orsi (famiglia Ursidae), con procioni (Procyonidae) o in una famiglia a loro volta (Ailuridae). Le migliori analisi molecolari effettuate negli anni ’90 suggeriscono fortemente gli orsi come i parenti più stretti del panda gigante e molte delle loro caratteristiche comportamentali e riproduttive sono coerenti con questo posizionamento.


Articoli correlati