Seo negativa e reputazione, la minaccia invisibile per la tua azienda

Seo negativa e reputazione, la minaccia invisibile per la tua azienda

Internet ha reso facile per le aziende attrarre più business e far crescere un pubblico globale. I social media, i siti di recensioni e i forum su Internet hanno permesso a persone precedentemente disconnesse di condividere le loro opinioni online. Basta un errore alle aziende per scoprire che la loro web reputation viene trascinata nel fango proverbiale di Internet, grazie a una condivisione su Facebook o al tweet diventato virale.

Mentre il costo di tali disavventure è ben compreso dalla maggior parte delle marche, anche altri metodi più dannosi devono essere presi in considerazione – la negative SEO, per esempio. La maggior parte delle aziende con una presenza online ha almeno una idea di cosa sia la Search Engine Optimization (SEO), il processo di cercare di aumentare la visibilità del proprio sito sui principali motori di ricerca, ma la maggior parte dei proprietari di attività commerciali e dirigenti di marketing sono completamente inconsapevoli della minaccia e potenziale impatto della SEO negativa.

Cos’è la SEO negativa?

La SEO è la pratica di aumentare il traffico verso il sito web di un’azienda attraverso risultati organici (non a pagamento) dei motori di ricerca. Mentre la SEO richiede molti investimenti in anticipo e potrebbe richiedere diversi mesi o addirittura anni prima che i suoi risultati siano pienamente realizzati, la maggior parte delle persone che cercano online preferiscono fare clic su risultati di ricerca organici rispetto alla pubblicità online. Tuttavia, mentre un buon SEO (comunemente indicato come White Hat SEO) tenta di creare una presenza web forte naturalmente con contenuti di alta qualità, Black Hat SEO cerca di manipolare le falle negli algoritmi dei motori di ricerca per scalare le classifiche più velocemente.

I motori di ricerca stanno recuperando terreno su queste pratiche di Black Hat SEO e stanno penalizzando i siti web che utilizzano queste tattiche spingendo questi domini lontano dalla prima pagina o deindicizzandoli del tutto. La SEO negativa è essenzialmente quando qualcuno cerca intenzionalmente di abbattere un concorrente dirigendo le tecniche di Black Hat verso un sito web. Poiché i motori di ricerca non hanno modo di sapere che i link vengono pubblicati da terzi, penalizzano il sito Web a cui stanno puntando. Ecco quali sono le tattiche SEO negative più comuni:

  • Creare link contenenti spam, collegamenti di bassa qualità a un sito Web
  • Copia e incolla del contenuto del sito web del concorrente in moltissimi altri siti per creare contenuti duplicati
  • Creazione di profili di social media falsi e diffusione di informazioni false sull’azienda
  • Far puntare link da siti Web e reti di blog non correlati a un sito concorrente

Mentre Google ha detto che il loro motore di ricerca non può essere ingannato attraverso tali tecniche, hanno anche menzionato che la SEO negativa non è impossibile. La loro posizione si è evoluta dopo il recente aggiornamento che penalizza i link di bassa qualità o la velocità di collegamento innaturale.

Dovresti essere preoccupato?

Anche se Google ha ripetutamente affermato che le aziende non devono preoccuparsi del potenziale impatto della SEO negativa, gli esperti di web marketing online sanno cosa succede in realtà. È estremamente facile trovare “specialisti SEO” su siti come Fiverr disposti a inviare milioni di link di spam per soli 5 dollari. Questo comportamento non era raro che nei giorni pre-Panda portasse Google penalizzare il sito target per i collegamenti di spam. A gennaio, tuttavia, Google ha lanciato il suo aggiornamento Penguin 4 che sceglie di svalutare lo spam dei link piuttosto che diminuire il sito a cui è indirizzato.

In altre parole, i collegamenti irrilevanti non hanno alcun effetto sulle classifiche di un sito. Se viene rilevata una massa di link di lo spam, è possibile che venga avviata una revisione manuale del sito. Questo non significa che le persone non stiano ancora provando a manomettere il sistema. Se lo spammer ha fatto un buon lavoro, allora il tuo sito potrebbe essere penalizzato, anche dopo una revisione manuale.

Mentre i motori di ricerca si evolvono, lo fanno anche gli spammer che stanno ora spostando la loro strategia a rovinare l’esperienza utente del tuo sito per ridurre i posizionamenti acquisiti nel tempo. Un proprietario di un sito Web, ad esempio, ha rilevato che uno spammer stava inviando traffico falso al suo sito, aumentando la frequenza di rimbalzo (numero di visitatori che lasciano la prima pagina visitata). In tal modo, lo spammer stava cercando di erodere l’esperienza utente percepita del sito, riducendo così le sue classifiche nel tempo.

Come sapere se sei stato attaccato con la negative SEO?

Il più grande problema con la SEO negativa è che è abbastanza difficile da scoprire fino a quando non è quasi troppo tardi. Di solito, il primo allarme di un’azienda colpita dalla SEO negativa si verifica quando il traffico del sito web diminuisce improvvisamente o se viene colpito da una penalità manuale da parte di Google. I cambiamenti di traffico del sito web possono verificarsi a causa di molti motivi: un errore nell’algoritmo dei motori di ricerca o un errore di codifica involontario è di solito la motivazione più classica. Tuttavia, ci sono un certo numero di segni rivelatori per cui il tuo sito è vittima di SEO negativa.

Ecco cosa cercare:

  • Un improvviso aumento esponenziale del numero di link al tuo sito web.
  • Collegamenti da siti non collegati e / o stranieri. Ad esempio, se hai un blog di fitness in inglese e improvvisamente inizi a ricevere link da porno, giochi online o siti Web in altre lingue, è probabile che qualcuno ti stia inviando spam.
  • Un numero insolitamente alto di collegamenti riempiti con parole chiave da post di blog o siti Web non collegati alla tua attività

Non tutti i collegamenti non correlati sono cattivi. Il tuo sito Web attirerà inevitabilmente alcuni link non naturali e i motori di ricerca lo sanno. Quello a cui devi stare attento è quanto velocemente e quanti link “spammy” appaiono.

Esistono numerosi strumenti che puoi utilizzare per monitorare il profilo del backlink del tuo sito, ecco alcuni dei più popolari:

Google Search Console: fornisce un esempio del profilo totale del backlink del sito. È anche utile sapere se il tuo sito è stato violato, infettato o ha ricevuto una penalità manuale.

Cognitive SEO: rende molto facile vedere i backlink del tuo sito e disconoscere i link che ritieni siano spam.

Authority Labs: fornisce un’istantanea delle classifiche del tuo sito per varie parole chiave. Se vedi un improvviso calo nelle classifiche, è probabile che ciò sia dovuto a un attacco di spam.

Monitor Backlinks: invia regolarmente rapporti di nuovi collegamenti a ritroso al tuo sito web, rendendo molto facile catturare lo spam dei link in atto

Cosa fare in caso di un attacco

Fortunatamente, i motori di ricerca hanno reso facile, o almeno più facile, per le aziende affrontare la SEO negativa. Google ha uno strumento di rinnegazione di link in entrata di scarsa qualità che puoi utilizzare per dire al motore di ricerca che non desideri che i collegamenti selezionati siano inclusi come parte dell’algoritmo di ranking per il tuo sito web. Quindi, se dovessi trovare collegamenti non naturali, puoi semplicemente disconoscerli. La strategia migliore consiste nell’eseguire verifiche periodiche dei link per rimanere in cima al profilo del backlink del sito. Google Search Console è la soluzione ideale in questi casi, tuttavia rivela solo un esempio del profilo di collegamento totale di un sito. Per un elenco completo, gli strumenti a pagamento come Ahrefs, SEOMoz e Majestic SEO sono migliori.

Prevenire è sempre meglio che curare. Mentre alcuni spammer Black Hat possono manipolare il tuo posizionamento nei motori di ricerca, non possono facilmente spostare la fiducia che i tuoi clienti hanno già posto in te. Pensaci: qualcuno potrebbe cercare di abbattere le classifiche di ricerca del sito web di un sito come Wikipedia.it noto per fornire contenuti di alta qualità su ogni genere di informazioni, ma influenzerà davvero la sua reputazione? Altamente improbabile.

La brand reputation è la stessa sia online che offline, nel senso che è guadagnata giorno per giorno. Il servizio clienti, i rapporti con la comunità, la comunicazione e il marketing contribuiscono tutti alla reputazione del marchio di un’azienda. E i suoi premi sono duraturi. Un pubblico che ripone fiducia nella propria attività non consentirà ad una revisione negativa di un sito ad abbandonare l’azienda, soprattutto quando si risponde seriamente al problema e si assumono la responsabilità per risolvere veramente il problema.

Puoi iniziare a fare alcuni passi immediati oggi per costruire una reputazione online creata su una solida base. Un’efficace strategia di gestione della reputazione online adotterà un approccio olistico, tenendo conto dei risultati di ricerca organici, dei social media e del sito web di un marchio.

Ecco come procedere:

  1. Innanzitutto, crea profili su tutti i principali canali di social network tra cui Facebook, Twitter, LinkedIn, YouTube e Google My Business. Altri canali come Instagram, Pinterest e SnapChat possono anche essere considerati, a seconda del pubblico di destinazione.
  2. Successivamente, interagisci in modo proattivo con le persone su questi canali social. Non lasciare i tuoi canali di social media fermi. Dovresti pubblicare cose interessanti a cui il tuo pubblico può riferirsi e iniziare a costruire una comunità.
  3. La regola 70-20-10 è la strategia più consigliata per interagire con il pubblico online. Ecco come funziona: il 70 percento di tutti i contenuti che pubblichi sui social media dovrebbero concentrarsi sulla fornitura dei contenuti più pertinenti, utili e interessanti per il tuo pubblico. Pensa a post di blog, infografiche, suggerimenti e trucchi relativi al tuo mercato di riferimento. Il 20 percento dovrebbe essere condiviso da altre fonti autorevoli nel proprio settore. Non aver paura di collaborare con altre fonti. Condividi post di esperti e commenta questi post per coinvolgere anche il loro pubblico. Il 10% di tutti i tuoi post dovrebbe essere promozionale, raccontando a tutti i tuoi prodotti e servizi.
  4. Tieni traccia delle menzioni del tuo brand online. Anche se cercare sempre la tua attività su Google ogni tanto è sempre una buona idea, ci sono alcuni strumenti di gestione della reputazione che puoi usare.
  5. FTTT: If This Then That consente di creare “what if workflow” in cui è possibile attivare una risposta in base a un evento. Quindi, una determinata parola chiave su un determinato sito può attivare un avviso e-mail per farti sapere che il tuo marchio è stato menzionato lì.
  6. Me On The Web: uno strumento di Google che avvisa che il tuo nome o indirizzo e-mail sono stati menzionati online.
  7. Incoraggia i clienti soddisfatti a lasciare recensioni positive sul tuo sito o sui tuoi canali di social media. Facebook e LinkedIn rendono molto facile per le persone lasciare recensioni sulle pagine aziendali.
  8. Quando un cliente acquista per la prima volta dalla tua attività, chiedi di informarti di eventuali problemi prima di lasciare un commento negativo online.
  9. Se ottieni una recensione negativa, non incolpare mai il recensore. Chiedi cosa è andato storto educatamente e come puoi aiutarli. Una volta risolto il problema, chiedi un feedback positivo o la modifica di quello negativo.

Mentre lo spettro della SEO negativa sembra spaventosa, le probabilità che qualcuno stia colpendo il tuo business sono basse. Detto questo, è altamente raccomandato seguire le migliori pratiche sopra descritte in modo da essere proattivo e rimanere un passo avanti rispetto a chiunque cerchi di danneggiare il tuo marchio online.

HAI DUBBI O PENSI CHE TU SIA SOTTO ATTACCO? VUOI CAPIRE COME MIGLIORARE LA TUA REPUTAZIONE ONLINE? CHIEDI AI NOSTRI ESPERTI IN REPUTAZIONE


Articoli correlati

Proteggere i dati di un Ecommerce – Il Backup, responsabilità

I backup sono una polizza assicurativa per il tuo e-commerce che speri di non usare mai. Sfortunatamente, molti backup non sono

Cessioni di unità navali alla Libia. Ecco gli accordi stipulati

Il Trattato di Amicizia, partenariato e cooperazione tra la Repubblica italiana e la Grande Giamahiria libica popolare socialista firmato a

Buste paga in contanti. Stop dal 1 luglio

Addio busta paga in contanti. Dal 1° luglio scatta l’obbligo della tracciabilità dello stipendio previsto dalla legge di bilancio, salvo