Alitalia in vendita. Il decreto e i testi della discussione originali

Alitalia in vendita. Il decreto e i testi della discussione originali

E’ stata messa in vendita quando il governo in carica era ancora quello di Gentiloni, ma il decreto passato più volte sia al Senato che alla Camera è stato votato da questo parlamento eletto pochi mesi fa. Ora l’Alitalia può essere definitivamente ceduta.

Viene spostato dal 30 aprile 2018 al 31 ottobre 2018, il termine previsto relativo all’espletamento della procedura di cessione delle attività industriali facenti capo all’amministrazione straordinaria di Alitalia – Società Aerea Italiana S.p.a.; La proroga è disposta in relazione “agli sviluppi intervenuti nel quadro della procedura di cessione, che non può a oggi essere definita mediante l’individuazione di un soggetto aggiudicatario“, al fine di “consentire la massimizzazione dei risultati conseguibili a beneficio dei creditori sociali, dell’occupazione e della conservazione del patrimonio produttivo dell’impresa.”

Il contratto di governo firmato dalla Lega e dal Movimento 5 Stelle prevede che Alitalia “non vada semplicemente salvata in un’ottica di mera sopravvivenza economica bensì rilanciata, nell’ambito di un piano strategico nazionale dei trasporti che non può prescindere dalla presenza di un vettore nazionale competitivo”.

Matteo Salvini ha più volte detto però che Alitalia non deve essere venduta a pezzi e, se necessario, il governo deve intervenire per rilanciare la compagnia aerea.

Per il presidente dell’Enac, Vito Riggio, lo Stato ha garantito il monopolio ad Alitalia nel passato ma oggi non lo si può più fare. È “illusorio pensare alla salvezza stando da soli. Bisogna entrare in una grande alleanza strategica”, ha concluso.

SCARICA IL DOSSIER SULLA VENDITA ALITALIASCARICA IL DECRETO VOTATO ORIGINALE


Articoli correlati

Molise. Campobasso continua lo sciame sismico

Il Molise è ancora sotto paura dopo lo sciame sismico che ha colpito la zona da cinque giorni a questa

Il capitalismo. Storia ed evoluzione dell’economia di mercato

Il capitalismo, chiamato anche economia di libero mercato o economia d’impresa libera, è il sistema economico dominante nel mondo occidentale

La pizza di Cracco costa 16 euro e non piace ai napoletani

La pizza da ‘Cracco’ in Galleria Vittorio Emanuele a Milano, ristorante del famoso chef, inaugurato il 20 febbraio scorso, propone una versione rivisitata