M5S, l’assemblea contro l’alleanza col centrosinistra. Decisione rinviata

M5S, l’assemblea contro l’alleanza col centrosinistra. Decisione rinviata

E’ dalla Liguria che sale il pressing filo-Pd sui vertici del M5S. In una lunga assemblea dei portavoce regionali è soprattutto la posizione di chi vuole le alleanze a farsi sentire e lo strumento per piegare chi pretende la corsa solitaria è soprattutto uno: il voto online Rousseau.
Voto che fino ad ora il capo politico Vito Crimi ha escluso.
   

Nelle prossime ore si vedrà. Ma dall’assemblea esce un dato chiaro: i pentastellati liguri vogliono che ci sia un voto online su cosa fare. Il sì al Pd potrebbe aprire alla candidatura di Ferruccio Sansa. Una linea che, all’interno del Movimento, vede un nocciolo duro contrario, quasi interamente identificabile con l’ala dimaiana. Un nocciolo che, a Genova, è rappresentato da Alice Salvatore, da anni “occhi” dei vertici del Movimento in Liguria e votata, su Rousseau, nuovamente candidata M5S alle Regionali. “E’ sbagliato far passare come maggioritaria l’idea di essere favorevoli all’alleanza con il centrosinistra, con il Pd ci sono divergenze“, dice Salvatore.