I selfie sexy possono essere redditizi, ma fanno comandare gli uomini

I selfie sexy possono essere redditizi, ma fanno comandare gli uomini

Una donna deve guardare continuamente se stessa“, è una citazione di John Berger un ricordo per chi ha studiato arte a scuola o guarda la moda degli anni ’70  su YouTube. La teoria (dalla sua serie di documentari del 1972, Ways of Seeing ) dice: “fin dalla prima infanzia ad ogni donna è stato insegnato di guardare continuamente se stessa … il modo in cui appare agli uomini è di cruciale importanza per ciò che viene normalmente considerato il successo della sua vita … Questo determina non solo la maggior parte delle relazioni tra uomini e donne, ma anche il rapporto delle donne con se stesse “.

È una citazione utile da ricordare se stai scrivendo un saggio sull’ubiquità di dipinti femminili nudi nel corso della storia. Funziona bene anche come risposta alla domanda posta da un nuovo studio accademico: “Perché ci sono così tanti selfie sexy di donne al giorno d’oggi?

Il tema della vanità femminile è stato una costante nella creazione di immagini, e nella loro analisi, per secoli. Prima di arrivare ai selfie delle donne che pubblicano se stesse su Instagram, c’erano artisti di sesso maschile che esponevano quadri di donne che guardavano negli specchi per vedere le loro fattezze. Gli uomini di Berger “Guardano le donne. Le donne guardano se stesse studiandosi” è un bel riassunto delle società che creano e distribuiscono così tante immagini di donne nude, come la nostra. Una conclusione aggiornata ma simile che viene proposta ora, dal regno dello studio scientifico piuttosto che della teoria dell’arte, viene dal dott. Khandis Blake dell’Università del New South Wales.

Per Blake, la ragione per cui le donne postano così tanti selfie sessuali su Instagram è questa: “Questi comportamenti sono completamente razionali, anche adattivi … dipende tutto da come le donne competono e sul perché stanno gareggiando … Quando una giovane donna si aggiusta il bikini provocatoriamente con il suo telefono davanti… pensate a lei come ad un giocatore in un complesso gioco sociale ed evolutivo. È lì per massimizzare la sua vita, proprio come tutti noi.

È come è sempre stato, allora. Il corpo femminile viene offerto per essere guardato. Offrirsi per essere viste può portare benefici alle donne che partecipano a questo gioco. Questa è l’industria del glamour, questa è la pornografia, è la pole dance. Quelle sono le donne che mostrano i loro follower su Instagram in sponsorizzazioni di marchi e apparizioni mediatiche. Apparentemente, non si tratta del potere di uno sguardo maschile o della pressione patriarcale. Riguarda l’economia.

Analizzando 68.560 selfie su Instagram e Facebook taggate con parole come “sexy” e “hot” da 113 paesi in tutto il mondo, lo studio di Blake ha concluso che le donne hanno maggiori probabilità di pubblicare selfie sexy in luoghi in cui “la disuguaglianza economica sta aumentando, e non in luoghi in cui gli uomini detengono più potere sociale“.

Il punto ormai consolidato è che le immagini sessuali di donne attraenti hanno un valore – monetario e sociale – senza tener conto del perché hanno quel valore che ignora così il punto più importante. Sì, le donne che usano questa strategia per guadagnare influenza e denaro non dovrebbero essere tacciate per narcisismo, considerate stupide o pietose – stiamo tutti operando in un sistema che ci offre certe opzioni e lavoriamo per ottenere una ricompensa.

Ma cosa ha creato il sistema? Quella giovane donna che tira fuori il telefono per pubblicare una foto di se stessa in bikini sta lavorando all’interno di una struttura – una che le è stata trasmessa nel tempo. Non l’ha creato e non ha il pieno controllo su di esso, non proprio. E questo non è un pensiero #hot o #sexy, ma, quindi, siamo di fronte alla realtà e ai limiti delle strutture patriarcali di lunga data. Sono donne che sono sottomesse all’uomo.


Articoli correlati

Account pubblici di Instagram presto potranno rimuovere i follower

Instagram ha confermato che sta testando un modo per cui gli account pubblici potranno rimuovere i follower, ma la rete

Google Plus in crisi. Ecco dove ha sbagliato il social network

Anche i giganti fanno un passo indietro: con un annuncio sul blog, Google sembra aver abbandonato – o se vogliamo essere

Snapchat. Bitmoji padrone della chat. Il nostro avatar ovunque

Le Bitmoji sempre più presenti all’interno di Snapchat, ed è carica di nuovi avatar tridimensionali animati che si ‘integrano’ con