Gerard Depardieu accusato di stupro

Gerard Depardieu accusato di stupro

Il pubblico ministero francese ha aperto un’indagine preliminare sulle accuse di stupro e violenza sessuale contro l’attore Gérard Depardieu, secondo quanto riportato. Un’attrice di 22 anni ha fatto una denuncia alla polizia lunedì a Bouches-du-Rhône, nel sud della Francia, per uno stupro che si presume sia avvenuto a casa di Depardieu a Parigi tra il 7 e il 13 agosto.

I pubblici ministeri di Aix-en-Provence hanno inviato l’inchiesta alla polizia e ai procuratori della capitale francese. L’avvocato di Depardieu, Hervé Temime, ha detto che l’attore “assolutamente” ha respinto ogni accusa di aggressione o stupro. “Deploro la natura pubblica di questo processo che costituisce un grave pregiudizio per Gérard Depardieu, la cui innocenza sono convinto che verrà riconosciuta.”

Depardieu, 69 anni, è una delle più grandi star internazionali della Francia e ha realizzato più di 180 film. Ha lavorato con registi di alto livello tra cui François Truffaut e Jean-Luc Godard, mentre interpreta personaggi popolari come Obelix nei film Asterix. Ha vinto il miglior attore a Cannes per aver interpretato il ruolo principale nel film del 1990 Cyrano de Bergerac ed è stato candidato all’Oscar.

Depardieu ha ricevuto la cittadinanza russa nel 2013 dal presidente Vladimir Putin, dopo aver criticato pubblicamente le alte tasse francesi e aver preso residenza all’estero. Depardieu, che è cresciuto in una città nel centro della Francia, in precedenza ha raccontato delle sue brutte esperienze e della dura infanzia che lo ha portato a un fermo in carcere per furto d’auto. Ha fatto successo nel film del 1974 Going Places. Ha ottenuto il riconoscimento internazionale nel 1990 dopo aver recitato nella commedia in lingua inglese Green Card. Ha anche avviato progetti di ristorazione a Parigi ed è proprietario di un vigneto in Borgogna.


Articoli correlati

L’Isis rivendica l’attacco di Londra

L’attentato di Londra ha una firma, quella dell’Isis che ha rivendicato l’attacco all’ombra del palazzo di Westminster.  E il killer ora

Vaccini. Grillo, nessun cambiamento. Resta l’obbligo

«Sono un medico prima che un ministro, il resto sono chiacchiere da bar…». Il Ministro della Sanità Giulia Grillo non rimane in

Riforma della scuola. Pronta la fiducia

Matteo Renzi continua la sua linea di fermezza e di dialogo per portare avanti l’approvazione del Ddl scuola in tempo