Google Analytics. Frequenza di rimbalzo, analisi per ecommerce

Google Analytics. Frequenza di rimbalzo, analisi per ecommerce

Ci sono molte metriche in Google Analytics. La frequenza di rimbalzo è tra le più importanti, ma è anche tra le più incomprese. In questo articolo, spiegheremo la metrica della frequenza di rimbalzo e indicazioni su come utilizzarla. Google Analytics include “Frequenza di rimbalzo” in molti rapporti in Pubblico> Panoramica.

Bounce Rate Analysis

Bounce Rate Analysis

Google Analytics registra un rimbalzo ogni volta che un utente atterra su una pagina di un sito web ed esce dal sito senza altre azioni di engagement aggiuntive. In genere, questo significa che l’utente non procede verso un’altra pagina. Ma le azioni possono anche essere Eventi, Azioni e-commerce e Transazioni e-commerce. Tutti influiscono sulla frequenza di rimbalzo.

L’analisi della frequenza di rimbalzo

Spesso viene chiesto “Qual è una frequenza di rimbalzo accettabile?” I commercianti online dovrebbero mantenere la frequenza di rimbalzo più bassa possibile per tutto il traffico, specialmente il traffico a pagamento. Le frequenze di rimbalzo superiori al 50 percento sono in genere equivalenti a bassi tassi di conversione. Ma i commercianti dovrebbero investigare anche su una percentuale di rimbalzo del 30 percento, specialmente per il traffico pagato. Ci sono delle eccezioni. Supponiamo che un utente atterra su una pagina di prodotto e-commerce e decide di acquistare il prodotto. Ma vuole chiamare prima l’azienda o il negozio. Può acquistare per telefono, completare la chiamata e lasciare il sito senza generare un altro hit. Google Analytics segnalerebbe questo come un rimbalzo. Ma è stata una sessione fantastica perché ha portato a una vendita!

Tempo sulla pagina

Se le frequenze di rimbalzo sono alte su determinate pagine, controlla: “Media-Tempo nella pagina” per vedere quanto tempo spendono i visitatori. Pagine separate che hanno un rendimento molto scarso con una frequenza di rimbalzo elevata e un valore medio basso. Questo indica l’uscita rapida dalle pagine e che hanno un rendimento migliore quando gli utenti leggono il contenuto. Una soglia ragionevole per il tempo medio può essere stimato misurando il tempo necessario per leggere almeno la metà del contenuto a un ritmo lento. Se vogliamo per forza quantificare il tempo ogni cosa che supera 1 minuto va abbastanza bene.

Per avere una media accurata relativa al tempo della pagina, create ulteriori punti di aggancio di coinvolgimento in Google Analytics, ad esempio lo scorrere la pagina verso il basso, fare clic sul pulsante di riproduzione su un video o su un altro evento. Esistono istruzioni per il tracciamento dello scorrimento su vari siti Web, incluso Google Tag Manager. Il monitoraggio dello scorrimento deve essere implementato su una vista Google Analytics duplicata in modo che la vista originale non veda una riduzione della frequenza di rimbalzo.

lo stesso tracciamento di scorrimento può essere applicato anche alle pagine con frequenze di rimbalzo elevate in modo che il contenuto possa essere ottimizzato per aumentare la lettura della pagina. Un valore medio basso di tempo sulla pagina può essere calcolato accuratamente con l’uso di più hit di engagement, come il tracking di scorrimento in grado di identificare le pagine con scarso rendimento. Stima una soglia ragionevole sulla pagina misurando il tempo necessario per leggere almeno la metà del contenuto a un ritmo lento. Per i siti di e-commerce, in media più di 1 minuto è buono nella mia esperienza. La strategia per ridurre al minimo le frequenze di rimbalzo e, quindi, aumentare il tempo a pagina varia. Per pagine con scarso rendimento (alta frequenza di rimbalzo e basso tempo sulla pagina), migliora il contenuto e gli inviti all’azione. Per prestazioni migliori (alta frequenza di rimbalzo e tempi più lunghi sulla pagina), migliorare gli inviti all’azione.

Tasso di conversione

Confronta i tassi di conversione e-commerce con le frequenze di rimbalzo per possibili correlazioni. Per fare ciò, vai su Comportamento> Contenuto del sito> Pagine di destinazione per visualizzare entrambe le metriche.

Se la frequenza di rimbalzo e quella di e-commerce sono basse, cerca i modi per ottimizzare il contenuto e gli inviti all’azione, oppure la proposta di prezzo se applicabile. Alcune pagine potrebbero avere frequenze di rimbalzo elevate (oltre il 50 percento) ma convertirsi ragionevolmente bene (3-5 percento o superiore). In questo caso, potrebbero esserci opportunità per identificare cosa manca ai visitatori che non convertono nel contenuto della pagina o nella proposta, specialmente se la pagina di destinazione si trova nel percorso di acquisto.

HAI DOMANDE? VUOI UN CONSIGLIO SULLE TUE ANALISI? SCRIVICI


Articoli correlati

Vuoi aprire un e-commerce di alimentari? cosa devi sapere

Vendere cibo online è difficile: se creare un e-commerce interessante è una sfida, assicurarsi che i vostri prodotti (che di solito sono deperibili)

Qual’è il migliore social network per gli e-commerce?

Facebook, Twitter, LinkedIn, Pinterest, Yelp e molti altri: ci sono dozzine di piattaforme social su cui la vostra azienda potrebbe

I testi di una scheda prodotto per l’e-commerce: scrivere bene per vendere meglio

I testi di una scheda prodotto per l’e-commerce giocano un ruolo fondamentale all’interno di una strategia di marketing. Una scheda