Twitter compra startup per rilevare la “manipolazione della rete”

Twitter compra startup per rilevare la “manipolazione della rete”

Twitter ha acquisito Fabula AI, una startup focalizzata sulla tecnologia di apprendimento automatico.

La startup londinese afferma che la sua tecnologia Geometric Deep Learning ha alti tassi di successo di individuazione di notizie false, come riportato da ZDNet.

Twitter ha comunicato che Fabula AI ha “un team di ricercatori sull’apprendimento di livello mondiale e impiegano l’apprendimento approfondito per rilevare la manipolazione della rete“.

“Il risultato è la capacità di analizzare set di dati molto grandi e complessi che descrivono relazioni e interazioni e di estrarre segnali che le tecniche ML tradizionali non sono in grado di fare”, ha scritto Parag Agrawal in un post sul blog .

Agrawal ha detto che Twitter sarà maggiormente in grado di “migliorare il valore della conversazione” e “aiutare le persone a sentirsi sicure su Twitter”.

TechCrunch aveva precedentemente riferito che il sistema Fabula AI era in grado di rilevare notizie false con un tasso del 93%.

L’acquisizione segue l’azione di Twitter della scorsa settimana che ha eliminato account falsi dall’Iran come avvenuto in Facebook.

Twitter ha detto di aver cancellato più di 2.800 account falsi legati all’Iran agli inizi di maggio. Secondo un rapporto diffuso dalla società di sicurezza informatica statunitense FireEye, alcuni account di Twitter simulavano l’identità di candidati al Congresso degli Stati Uniti repubblicani per inviare messaggi politici pro-iraniani.


Articoli correlati

Twitter lancia l’autoplay per video, GIF e vines

Twitter ha annunciato di avere integrato il caricamento in autoplay dei video, seguendo un trend reso popolare da piattaforme come Facebook e

Snapchat. Bitmoji padrone della chat. Il nostro avatar ovunque

Le Bitmoji sempre più presenti all’interno di Snapchat, ed è carica di nuovi avatar tridimensionali animati che si ‘integrano’ con

Ecco cosa i giovani nativi digitali si aspettano da voi nei Social network

Il grande enigma di questi giorni è come il marketing e gli inserzionisti possono ricorrere attivamente alla fascia cosiddetta “nativi digitali”.