Torino, cavalcavia corso Grosseto. Al via demolizione guidata da Despe

Torino, cavalcavia corso Grosseto. Al via demolizione guidata da Despe

Sono in pieno fermento i lavori di demolizione del cavalcavia di corso Grosseto, a Torino. Scr, la società che sta curando i cantieri della Torino-Ceres, ha iniziato lo smantellamento della zona centrale del gigante di calcestruzzo a luglio, e sta ora procedendo con le porzioni più basse della costruzione.

Dopo aver eliminato l’amianto, mediante processo di bonifica autorizzato dalle autorità di controllo competenti, i tecnici, con l’aiuto di gru, escavatori  e “cannon – fog” per evitare la dispersione di polveri, hanno iniziato a abbattere i blocchi del cavalcavia. I lavori sono stati affidati da SCR ad una Associazione Temporanea di Imprese in cui la mandataria è la società Despe S.p.A. di Bergamo, società leader nella demolizione e premiata a livello internazionale per l’innovativo metodo TopDownWay.

L’azienda ha garantito la fine dei lavori entro il 2018 e finora sono già state rimosse decine di campate, ad un ritmo impressionante. Novità importanti anche per i commercianti di zona, che evidentemente gravati nella loro attività dalle operazioni di smantellamento, potrebbero avere una sorta di risarcimento sotto forma di importanti sgravi fiscali, che verranno deliberati dal Comune entro due settimane, e ai nuovi parcheggi che dovrebbero sensibilmente favorire il commercio, previsti nella vicina via Terni.

Gli scavi per la galleria ferroviaria, che avranno inizio non appena sarà stata completata la demolizione, partiranno tra via Casteldelfino e via Paolo della Cella.

Questo slideshow richiede JavaScript.


Articoli correlati

Inaugurata a Roma una statua dedicata ad Angelo, il cane torturato e ucciso in Calabria

L’on. Michela Vittoria Brambilla, presidente della Lega Italiana Difesa Animali e Ambiente, scrive in una lettera ai militanti animalisti che hanno

Milano. Immigrato arrestato perchè implicato attacco Museo Bardo

Un giovane ventiduenne marocchino è stato arrestato dalla polizia italiana, nel milanese, per aver partecipato all’attentato mortale al museo del

Israele. Muore un giornalista, altri 31 uccisi negli scontri

Un giornalista palestinese è deceduto con altre nove persone negli scontri tra i manifestanti palestinesi e le forze israeliane lungo