Il Pangolino. Da untore a specie protetta

Il Pangolino. Da untore a specie protetta

Il nuovo focolaio di coronavirus partito dalla Cina che ha poi colpito tutto il Mondo potrebbe finire per salvare uno degli animali più ricercati dai bracconieri del mondo dopo che Pechino ha annunciato un divieto totale di vendita e consumo del pangolino.

Il mammifero ricoperto di squame – elencato dall’International Union for Conservation of Nature (ICUN) come minacciato di estinzione – è considerato una prelibatezza tradizionale in tutta la Cina e gran parte del sud-est asiatico.

A seguito di una ricerca che collegava (poi si è visto che erano i pipistrelli della frutta) le creature con la trasmissione del coronavirus agli umani nell’epicentro dell’epidemia di Wuhan, i funzionari cinesi hanno messo al bando il divieto di mangiare animali selvatici.

Applaudo il divieto, poiché vediamo che il governo cinese è determinato a cambiare una tradizione millenaria che è così inappropriata nella società di oggi“, ha dichiarato Jeff He, direttore cinese dell’International Fund for Animal Welfare.

Penso che il divieto sia un passo importante per la conservazione della fauna selvatica in Cina“.

Ha chiesto “revisioni più forti e più progressiste” delle attuali leggi cinesi sulla protezione della fauna selvatica.

Il pangolino, il mammifero più venduto della Terra, è apprezzato per la sua carne e le sue squame uniche, che si dice abbiano proprietà medicinali.

Peter Knights, CEO dell’ente benefico WildAid, ha affermato che, sebbene il divieto della Cina fosse ben accetto, è stato necessario uno sforzo globale per porre fine al drastico declino delle popolazioni di pangolino nel mondo.

L’unica domanda è cosa accadrà a lungo termine“, ha detto. “Speriamo che la Cina possa guidare il mondo a vietare questi mercati a livello globale“.

L’epidemia di coronavirus dovrebbe servire da “avvertimento” per gli esseri umani nel cercare di conservare una maggiore quantità di natura o di affrontare la salute e i contraccolpi finanziari, ha affermato Knights.

Se seguiremo l’avvertimento non solo proteggeremo la vita umana, ma potremmo effettivamente salvare specie come i pangolini“, ha aggiunto.

La vendita internazionale di pangolini è stata dichiarata fuorilegge nel 2016 ai sensi della convenzione CITES contro lo sfruttamento delle specie.

Il segretario generale della CITES, Ivonne Higuero, ha accolto con favore la mossa della Cina di vietare il commercio interno, ma ha sottolineato che gli animali erano ben lontani dai boschi.

Il traffico illegale di specie selvatiche è stimato dal WWF per un valore di circa 15 miliardi di dollari all’anno, in particolare tra i mercati asiatici in forte espansione.

Quello che abbiamo visto è che c’è un sacco di commercio illegale di fauna selvatica in corso con la Cina come paese di destinazione“, ha detto Higuero.

Ha detto che un divieto al consumo di pangolino in Cina potrebbe notevolmente intaccare il traffico internazionale eliminando gli incentivi finanziari che spingono le bande criminali a contrabbandare le creature in massa.

Le persone potrebbero diventare più diffidenti nei confronti dei pangolini e quindi più sensibili al loro consumo e utilizzo“, ha affermato Ray Jansen, presidente del gruppo di lavoro africano sui pangolini e membro dell’ICUN.