Cina miniere di Litio

Il Litio è presente nella nostra vita di tutti i giorni in maniera molto più massiccia di quanto pensiamo. Le batterie al litio le troviamo nei nostri telefoni, nei computer e perfino nei veicoli elettrici. 

La Cina mira ad espandere la sua influenza nel “Triangolo del litio” come componente di una campagna più ampia per costruire un quasi monopolio nel mercato globale del litio. Il triangolo del litio, che comprende Argentina, Bolivia e Cile, rappresenta circa il 56% per cento della fornitura mondiale di litio. L’acquisizione da parte di Pechino di molteplici attività minerarie di litio in Argentina, Cile e Bolivia consente alla Cina di dominare le operazioni regionali di litio. Dal 2018 al 2020, la Cina ha investito circa 16 miliardi di dollari in progetti minerari nel triangolo del litio e probabilmente continuerà a investire nella regione.

La presenza molto importante della Cina nell’industria mineraria del litio argentina consente a Pechino di stabilire una posizione più forte nel mercato globale del litio che può minare le future operazioni minerarie statunitensi all’interno della regione. L’Argentina ospita il 21% delle riserve globali di litio. Il 17 maggio 2021, la cinese Ganfeng Lithium e il ministero minerario argentino hanno firmato un memorandum d’intesa, assicurando lo sviluppo sostenuto dalla Cina di un impianto di produzione di batterie al litio nella provincia di Jujuy. Il 4 febbraio 2022, il gruppo minerario cinese Zijin ha finanziato la costruzione di un impianto di raffineria di litio da 380 milioni di dollari nel progetto Tres Quebradas. L’11 luglio 2022, la cinese Ganfeng Lithium si è assicurata964 milioni di dollari per l’acquisizione della società mineraria di litio argentina Lithea. Il 28 luglio 2022, la cinese Zangge Mining e la Miner Ultra argentina hanno iniziato una collaborazione di investimento, investendo 290 milioni di dollari per il progetto Laguna Verde. Questi sviluppi amplieranno l’influenza economica della Cina nel settore del litio argentino.

La cooperazione economica di Pechino all’interno dell’industria mineraria della Bolivia espande la presenza della Cina nello stato con le più grandi riserve di litio non sfruttate del mondo. La Bolivia contiene 21 milioni di tonnellate di “oro bianco” non sfruttato. Il 18 settembre 2016, la Bolivia si è impegnata a esportare 10.000 tonnellate di litio lavorato in Cina entro il 2021. Il 17 maggio 2018, la Bolivia ha assegnato a una società di ingegneria cinese 96 milioni di dollari in fondi di costruzione per lo sviluppo di un impianto di carbonato di litio. La società statale boliviana Yacimientos de Litio ha avviato una joint venture con il gruppo cinese Xinjiang TBEA. Il gruppo cinese TBEA ha acquisito una partecipazione del 49% in YLB per 2,3 miliardi di dollari.

Lo sviluppo di impianti di produzione di litio cinese-boliviani può produrre 146.000 tonnellate di litio all’anno. L’investimento strategico della Cina consolida la cooperazione economica boliviana e assicura una presenza all’interno dei nove milioni di tonnellate stimate di riserve di litio non sfruttate nella salina Salar de Uyuni.

Il predominio economico di Pechino all’interno del triangolo del litio minaccia potenzialmente la base industriale della difesa degli Stati Uniti, influendo sulle forniture di litio per l’hardware militare. Dal 2016 al 2019, le esportazioni argentine e cilene hanno rappresentato il 90% della fornitura di litio degli Stati Uniti. La base industriale della difesa statunitense fa affidamento su una fornitura costante di litio; ad esempio, la maggior parte degli armamenti, dei sistemi di navigazione e di comunicazione militari statunitensi utilizza batterie agli ioni di litio. Il dominio cinese sui mercati del litio potrebbe consentire alla Cina di manipolare la produzione di litio a scapito degli Stati Uniti e rafforzare ulteriormente Pechino in questo mercato cruciale. La Cina controlla già circa il 76% della produzione globale di batterie agli ioni di litio e gli investimenti futuri rafforzeranno ulteriormente il suo dominio sui mercati globali del litio.

La strategia economica della Cina

La strategia degli Stati Uniti e della Russia è sempre stata un misto tra economia e azioni militari. Essere i “poliziotti del mondo” da parte degli Usa ha sempre garantito anche buoni rapporti e contrappesi economici importanti.

La Cina dal canto suo non sta cercando azioni militari, dove non è ancora leader mondiale, ma una presenza praticamente unica nei principali settori strategici. Dal petrolio alla produzione manifatturiera, dalle tecnologie alle risorse rare in Africa.

L’invasione della Cina è economica e non militare. E’ una invasione pacifica e soprattutto legale ma rimane un grande pericolo per gli attori internazionali come l’Italia e l’Europa in generale. La Cina ha ufficialmente citato l’esaurimento delle risorse e le preoccupazioni ambientali come ragioni di un giro di vite a livello nazionale sul suo settore di produzione di minerali di terre rare. Tuttavia, alla politica cinese delle terre rare sono state attribuite anche motivazioni non ambientali. Secondo The Economist, “Tagliare le loro esportazioni di metalli delle terre rare … significa spostare i produttori cinesi lungo la catena di approvvigionamento, in modo che possano vendere preziosi prodotti finiti al mondo piuttosto che materie prime scadenti”. Inoltre, la Cina ha attualmente un monopolio effettivo sulla catena del valore REE mondiale. Tutte le raffinerie e gli impianti di lavorazione che trasformano il minerale grezzo in elementi di pregio. Nelle parole di Deng Xiaoping, un politico cinese dalla fine degli anni ’70 alla fine degli anni ’80, “Il Medio Oriente ha il petrolio; abbiamo le terre rare … è di importanza strategica estremamente importante; dobbiamo essere sicuri di gestire le terre rare correttamente e sfruttare al meglio il vantaggio del nostro Paese nelle risorse delle terre rare“.

La Cina sta mantenendo la parola.

Lascia un commento