Luigi Pirandello. Biografia e opere

Luigi Pirandello. Biografia e opere

Luigi Pirandello (nato il 28 giugno 1867 ad Agrigento, in Sicilia, morì il 10 dicembre 1936 a Roma), drammaturgo, romanziere e scrittore di racconti famosissimi, vincitore del Premio Nobel per la letteratura nel 1934. Con la sua invenzione del “teatro nel teatro” nel gioco Sei personaggi in cerca d’autore, divenne un importante innovatore nel dramma moderno.

Pirandello era il figlio di un commerciante di zolfo che voleva che entrasse anche lui nel commercio. Dopo la scuola elementare impartitagli da maestri privati, andò a studiare in un istituto tecnico e poi al ginnasio. Qui si appassionò subito alla letteratura. A soli undici anni scrisse la sua prima opera, “Barbaro“, andata perduta. Per un breve periodo, nel 1886, aiutò il padre nel commercio dello zolfo, e poté conoscere direttamente il mondo degli operai nelle miniere e quello dei facchini delle banchine del porto mercantile.

Pirandello, tuttavia, non era interessato agli affari; voleva studiare. Prima andò a Palermo e nel 1887 all’Università di Roma. Dopo una lite con il direttore dell’Ateneo si recò nel 1888 all’Università di Bonn, in Germania, dove nel 1891 ottenne il dottorato in filologia per una tesi sul dialetto di Agrigento.

Il matrimonio

Dopo un breve soggiorno in Sicilia, tornò a Roma, dove divenne amico di un gruppo di scrittori-giornalisti tra cui Ugo Fleres, Tomaso Gnoli, Giustino Ferri e Luigi Capuana. Si sposò nel 1894. Seguendo il suggerimento di suo padre, sposò una timida ragazza ritirata di una buona famiglia di origine agrigentina educata dalle suore di San Vincenzo: Maria Antonietta Portulano. Figlia di un socio in affari del padre, un ricco commerciante di zolfo. Questo matrimonio gli ha dato l’indipendenza finanziaria, permettendogli di vivere a Roma e di scrivere.

I primi anni del matrimonio portarono in lui un nuovo fervore per i suoi studi e scritti: i suoi incontri con i suoi amici e le discussioni sull’arte continuarono, più vivaci e stimolanti che mai, mentre la sua vita familiare, nonostante la completa incomprensione della moglie rispetto alla vocazione artistica di suo marito, procedette relativamente tranquillamente con la nascita di due figli (Stefano e Fausto) e una figlia (Rosalia “Lietta”). Nel frattempo, Pirandello intensifica le sue collaborazioni con editori di giornali e altri giornalisti su riviste come La Critica e La Tavola Rotonda in cui pubblica, nel 1895, la prima parte dei Dialoghi tra Il Gran Me e Il Piccolo Me .

Nel 1897 accettò un’offerta per insegnare italiano all’Istituto Superiore di Magistero di Roma e nella rivista Marzocco pubblicò molte altre pagine dei Dialoghi. Nel 1898, con Italo Falbo e Ugo Fleres, fondò il settimanale Ariel, in cui pubblicò l’opera in un atto L’Elenco (in seguito cambiato in La Morsa ) e alcuni romanzi. La fine del XIX secolo e l’inizio del XX furono un periodo di estrema produttività per Pirandello. Nel 1900 pubblica a Marzocco alcune tra le più celebri delle sue novelle e, nel 1901, la raccolta di poesie Zampogna. Nel 1902 pubblica la prima serie di Beffe della Morte e della Vita e il suo secondo romanzo, Il Turno.

La frana e la povertà

Nel 1903 una frana chiuse la miniera di zolfo in cui era stato investito il capitale di sua moglie e di suo padre. Improvvisamente povero, Pirandello fu costretto a guadagnarsi da vivere non solo scrivendo ma anche insegnando italiano in una scuola a Roma. Come ulteriore risultato del disastro finanziario, sua moglie sviluppò una mania di persecuzione, che si manifestò in una frenetica gelosia verso suo marito. Il suo tormento terminò solo con il ricovero della povera donna in un sanatorio nel 1919 (morì nel 1959). Fu questa amara esperienza che alla fine determinò il tema del suo lavoro più caratteristico, già percettibile nei suoi primi racconti: l’esplorazione del mondo strettamente chiuso della personalità umana mutevole.

Il primo stile narrativo di Pirandello deriva dal verismo (“realismo”) di due romanzieri italiani della fine del XIX secolo: Luigi Capuana e Giovanni Verga. I titoli delle prime raccolte di racconti di Pirandello – Amori senza amore (1894) e Beffe della morte e della vita (1902–03) – suggeriscono la natura ironica della sua realismo che si vede anche nei suoi primi romanzi: L’esclusa (1901) e Il turno (1902). Il successo arrivò con il suo terzo romanzo, spesso acclamato come il suo migliore, Il fu Mattia Pascal(1904). Sebbene il tema non sia tipicamente “pirandelliano”, poiché gli ostacoli che affronta il suo eroe derivano da circostanze esterne, mostra già un’acuta osservazione psicologica che in seguito doveva essere diretta all’esplorazione del subconscio dei suoi personaggi.

La comprensione di Pirandello della psicologia fu acuita leggendo opere come Les altérations de la personnalité (1892), dello psicologo sperimentale francese Alfred Binet; e tracce della sua influenza sono visibili nel lungo saggio L’umorismo (1908), in cui esamina i principi della sua arte. Comune a entrambi i libri è la teoria della personalità subconscia, che postula che ciò che una persona conosce, o pensa di sapere, è la parte minima di ciò che è. Pirandello aveva iniziato a concentrare i suoi scritti sui temi della psicologia ancor prima di conoscere il lavoro di Sigmund Freud , il fondatore della psicoanalisi. I temi psicologici usati da Pirandello hanno trovato la loro espressione più completa nei volumi di racconti La trappola (1915) e E domani, lunedì. . . (1917), e in storie individuali come “Una voce”, “Pena di vivere così” e “Con altri occhi”.

Luigi Pirandello alla macchina da scrivere

Nel frattempo, aveva scritto altri romanzi, in particolare I vecchi e i giovani (1913) e Uno, nessuno e centomila (1925–26). Entrambi sono più tipici di Il fu Mattia Pascal. Il primo, un romanzo storico che riflette la Sicilia della fine del XIX secolo e l’amarezza generale per la perdita degli ideali del Risorgimento (il movimento che ha portato all’unificazione dell’Italia), soffre della tendenza di Pirandello a “scomporre” piuttosto piuttosto che “comporre” (per usare i suoi termini, in L’umorismo), in modo che singoli episodi si distinguano a spese dell’opera nel suo insieme. Uno, nessuno e centomila, tuttavia, è allo stesso tempo il più originale e il più tipico dei suoi romanzi. È una descrizione surreale delle conseguenze della scoperta dell’eroe che sua moglie (e altri) lo vedono con occhi molto diversi da lui. La sua esplorazione della realtà della personalità è di un tipo più noto dai suoi spettacoli.

Pirandello ha scritto oltre 50 opere teatrali. Si era rivolto per la prima volta al teatro nel 1898 con L’epilogo, ma gli incidenti che ne impedirono la produzione fino al 1910 lo trattenne da altri sporadici tentativi di recitazione fino al successo di Così è ( se vi pare ) nel 1917. Questo ritardo potrebbe essere stato fortunato per lo sviluppo dei suoi “ambienti” drammatici. L’epilogo non differisce molto dagli altri drammi del suo periodo, ma Così è se vi pare iniziò la serie di spettacoli che lo avrebbero reso famoso negli anni ’20.

Una dimostrazione, in termini drammatici, della relatività della verità e un rifiuto dell’idea di qualsiasi realtà oggettiva non in balia della visione individuale, anticipa le due grandi opere teatrali di Pirandello, Sei personaggi in cerca di un autore (1921) ed Enrico IV (1922). Sei personaggi è la presentazione più avvincente del tipico contrasto pirandelliano tra l’arte, che è immutabile, e la vita, che è un flusso incostante. I personaggi che sono stati respinti dal loro autore si materializzano sul palco, pulsando con una vitalità più intensa rispetto ai veri attori, che inevitabilmente distorcono il loro dramma mentre tentano la sua presentazione. Il tema di Enrico IV è la follia, che si trova proprio sotto la pelle della vita ordinaria ed è, forse, superiore alla vita ordinaria nella sua costruzione di una realtà soddisfacente. La commedia trova una forza drammatica nella scelta del suo eroe di ritirarsi nell’irrealtà preferendo la vita nel mondo incerto.

La produzione di Sei personaggi a Parigi nel 1923 fece conoscere all’Europa Pirandello e il suo lavoro divenne una delle influenze centrali del teatro francese. Il dramma francese dal pessimismo esistenzialista di Jean Anouilh e Jean-Paul Sartre alla commedia assurdista di Eugène Ionesco e Samuel Beckett si tinge di “Pirandellismo”. La sua influenza può essere rilevata anche nel dramma di altri paesi, anche nei drammi religiosi di TS Eliot.

Luigi Pirandello
Luigi Pirandello

Nel 1920 Pirandello disse della propria arte:

Penso che la vita sia un pezzo di buffoneria molto triste; perché abbiamo in noi stessi, senza essere in grado di sapere perché, pertanto o da dove, la necessità di ingannarci costantemente creando una realtà (una per ciascuno e mai la stessa per tutti), che di volta in volta si scopre essere vana e illusoria. . . La mia arte è piena di amara compassione per tutti coloro che si ingannano; ma questa compassione non può non essere seguita dalla feroce derisione del destino che condanna l’uomo all’inganno.

Questa prospettiva disperata raggiunse la sua espressione più vigorosa nelle opere teatrali di Pirandello, che all’inizio furono criticate per essere troppo “cerebrali”, ma in seguito riconosciute per la loro sensibilità e compassione. I temi principali delle commedie sono la necessità e la vanità dell’illusione e le molteplici apparenze, tutte irreali, di ciò che si presume sia la verità. Un essere umano non è ciò che pensa di essere, ma invece è “uno, nessuno e centomila”, in base al suo aspetto a questa persona o a quello, che è sempre diverso dall’immagine di se stesso nella sua mente. Le opere di Pirandello riflettono Capuana e Verga nel trattare principalmente con persone in circostanze modeste, come impiegati, insegnanti e guardiani, ma dalle cui vicissitudini trae conclusioni di significato umano generale.

L’acclamazione universale che seguì Sei personaggi e Enrico IV mandò Pirandello in tournée nel mondo (1925-1927) con la sua compagnia, il Teatro d’Arte di Roma. Lo ha anche incoraggiato a cambiare alcune delle sue opere successive ( ad esempio, Ciascuno a suo modo [1924]) richiamando l’attenzione su di sé, così come in alcuni dei racconti successivi sono accentuati gli elementi surreali e fantastici.

Dopo lo scioglimento, a causa di perdite finanziarie, del Teatro d’Arte nel 1928, Pirandello trascorse i suoi restanti anni in viaggi frequenti e lunghi. Nel suo testamento ha richiesto che non ci fossero cerimonie pubbliche che segnassero la sua morte – solo “un carro funebre per i poveri, il cavallo e il cocchiere”.


Articoli correlati

Enrico Berlinguer. La biografia

Enrico Berlinguer è considerato il leader più popolare del Partito comunista italiano, lo ha guidato come segretario nazionale dal 1972