Iran. E’ stato lanciato in orbita il primo satellite militare

Iran. E’ stato lanciato in orbita il primo satellite militare

Il Corpo delle guardie rivoluzionarie iraniane ha dichiarato di aver lanciato con successo il primo satellite militare del paese in orbita, in un momento di forti tensioni con gli Stati Uniti sui programmi nucleari e missilistici di Teheran.

Funzionari statunitensi temono che la tecnologia balistica a lungo raggio utilizzata per mettere in orbita i satelliti possa essere utilizzata anche per il lancio di testate nucleari. Teheran nega le affermazioni statunitensi secondo cui tale attività è una copertura per lo sviluppo di missili balistici e afferma che non ha mai perseguito lo sviluppo di armi nucleari.

“Il primo satellite militare iraniano, Noor, è stato lanciato questa mattina dal deserto centrale dell’Iran. Il lancio ha avuto successo e il satellite ha raggiunto l’orbita ”, ha dichiarato la TV di stato.

Il satellite, il cui nome Noor significa “Luce”, stava orbitando a 425 km (264 miglia) sopra la superficie terrestre, hanno affermato in una nota sul loro sito web.

Hanno utilizzato il corriere satellitare Qased, o “Messenger”, per lanciare Noor, senza fornire dettagli sulla tecnologia.

“Il lanciatore satellitare Qased a tre stadi utilizza una combinazione di combustibili solidi e liquidi”, hanno comunicato.

Le riprese televisive hanno mostrato che il vettore satellitare era inciso con un verso del Corano che i musulmani recitano spesso quando viaggiano: “Gloria a Colui che ci ha sottoposto questo, poiché non avremmo mai potuto farlo con i nostri sforzi“.

Le tensioni regionali sono state elevate dall’inizio dell’anno.

Nell’ultimo clamore, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha detto mercoledì di aver incaricato la Marina degli Stati Uniti di sparare sulle navi iraniane se molestate, una settimana dopo che gli Stati Uniti hanno riferito che 11 navi della Guard Corps Navy (IRGCN) si sono avvicinate pericolosamente agli Stati Uniti navi nel Golfo.

Ho incaricato la Marina degli Stati Uniti di abbattere e distruggere qualsiasi cannoniera iraniana se molestasse le nostre navi in ​​mare“, ha scritto Trump in un tweet, ore dopo l’annuncio di Teheran del lancio del satellite.

L’Iran ha immediatamente reagito dicendo che gli Stati Uniti dovrebbero concentrarsi sul salvataggio dei propri militari dalla malattia del coronavirus “invece di opprimere gli altri”.

All’inizio di gennaio, il principale comandante militare iraniano Qassem Soleimani è stato ucciso in uno sciopero dei droni negli Stati Uniti a Baghdad. L’Iran ha fatto ritorsioni il 9 gennaio sparando missili contro le basi in Iraq dove erano di stanza truppe statunitensi.

Francesco Salassa

Francesco Salassa

Vivo nel senese con tre gatti ma sono originario della Val Grande (per chi non lo sapesse, è l’area più selvaggia d’Europa). Il magnifico mondo dei freelance mi ha aperto le sue porte nel 2009, quando ho cominciato a collaborare con un giornale locale. Ora, anche volendo, non potrei più uscirne - ma forse è un bene.