Trizio Consulting

Egitto. Governo e società

Egitto. Governo e società
ilBuonsenso

L’Egitto ha vissuto sotto diverse costituzioni, sia come monarchia che, dopo il 1952, come repubblica. La prima e la più liberale di queste fu la costituzione del 1923, che fu promulgata subito dopo che la Gran Bretagna dichiarò l’indipendenza dell’Egitto.

Quel documento gettò le basi politiche e culturali per il moderno Egitto, dichiarandolo uno stato islamico sovrano indipendente con l’ arabo come lingua. Il voto è stato esteso a tutti i maschi adulti. Questa costituzione prevedeva un parlamento bicamerale, un potere giudiziario indipendente e un forte dirigente sotto forma di re. Nel 1930 questa costituzione fu sostituita da un’altra, che conferì ancora più poteri al re e ai suoi ministri. Dopo una vigorosa protesta, fu abrogata cinque anni dopo. La costituzione del 1923 tornò in vigore, ma fu definitivamente abolita dopo la rivoluzione del 1952. La Repubblica d’Egitto fu dichiarata nel 1953. La nuova giunta al potere, guidata da un ufficiale dell’esercito Gamal Abdel Nasser, annullò tutti i partiti politici che avevano operato con relativa libertà sotto la monarchia, e una nuova costituzione, in cui alle donne fu concesso il voto, fu introdotta nel 1956. Per sostituire gli aboliti partiti politici, il regime costituì l’Unione Nazionale nel 1957 – dal 1962 Unione socialista araba (ASU), che ha dominato la vita politica in Egitto per oltre 15 anni. Una costituzione provvisoria fu promulgata nel 1964.

Al centro del regime post-rivoluzionario c’era un impegno per il panarabismo, la filosofia nazionalista che prevedeva l’istituzione di un singolo stato arabo, e nei decenni seguenti l’Egitto si impegnò in numerosi tentativi di creare unioni transnazionali con altri paesi arabi. Nel 1958 l’Egitto e la Siria furono fusi in uno stato, chiamato Repubblica Araba Unita, un nome che fu conservato dall’Egitto per un decennio dopo la secessione della Siria nel 1961. Nel 1971 Egitto, Libia e Siria accettarono di istituire la Federazione delle Repubbliche Arabe, ma la federazione non si materializzò mai realmente. La capitale della federazione doveva essere il Cairo. Nel 1977, tuttavia, il deterioramento delle relazioni tra l’Egitto e altri stati arabi sui negoziati di pace dell’Egitto con Israele portò alla fine della federazione e alla sospensione dell’Egitto dalla Lega araba, un’organizzazione regionale di cui era stato membro fondatore.

Nel 1971 una nuova costituzione egiziana fu adottata per referendum per sostituire la costituzione provvisoria del 1964. Fu modificata nel 1980, 2005 e 2007. Nel 2005 l’Egitto tenne le sue prime elezioni presidenziali in cui numerosi candidati si contendevano la carica e che erano condotti da voto popolare. Prima di allora, un singolo candidato era stato scelto dal legislatore e poi confermato dal plebiscito nazionale.

La costituzione del 1971 è stata sospesa nel febbraio 2011, a seguito di una rivolta popolare che ha costretto le dimissioni del pres. Hosni Mubarak. Una dichiarazione costituzionale provvisoria è stata emessa il 30 marzo 2011 dal Consiglio supremo delle forze armate (governo militare provvisorio dell’Egitto). Ha incorporato disposizioni della costituzione del 1971 e nuove misure, approvate con referendum nel marzo 2011, per rendere le elezioni più aperte, imporre limiti di mandato presidenziali e limitare l’uso delle leggi di emergenza. La dichiarazione costituzionale comprendeva anche disposizioni per le elezioni legislative e presidenziali e per la stesura di una nuova costituzione permanente.

La nuova costituzione, approvata dagli elettori egiziani nel gennaio 2014, ha tralasciato gran parte della lingua religiosa conservatrice presente nel documento del 2012. Una serie di emendamenti è stata approvata in un referendum nel 2019. Tra le altre disposizioni, hanno esteso i termini presidenziali e ristabilito una camera alta del legislatore (originariamente eliminato dalla costituzione del 2014).

Il governo locale

Parlamento egiziano
Parlamento egiziano

Fino al 1960 tutta l’amministrazione governativa era fortemente centralizzata, ma in quell’anno fu istituito un sistema di governance locale per decentralizzare l’amministrazione e promuovere una maggiore partecipazione dei cittadini a livello locale. La legge sull’amministrazione locale del 1960 prevede tre livelli di amministrazione subnazionale: muḥāfaẓāt (governatorati; singolare muḥāfaẓah ), markaz (distretti o contee) e qariyyah(villaggi). La struttura combina le caratteristiche dell’amministrazione locale e dell’autogoverno locale. Esistono due consigli per ogni livello amministrativo: un consiglio popolare eletto e un consiglio esecutivo nominato. Sebbene questi consigli esercitino ampi poteri legislativi, sono controllati dal governo centrale.

Il paese è diviso in 27 governatorati. Quattro città – Il Cairo, Alessandria, Port Said e Suez – hanno lo status di governatorato. Il governatore è nominato e può essere revocato dal presidente della repubblica. Il governatore è la massima autorità esecutiva del governatorato, ha autorità amministrativa su tutto il personale governativo eccetto i giudici del governatorato ed è responsabile dell’attuazione della politica.

Il consiglio del governatorato è composto dalla maggioranza dei membri eletti. Secondo la legge, almeno la metà dei membri del consiglio del governatorato deve essere costituita da agricoltori e lavoratori. In pratica, tuttavia, non è stato possibile raggiungere questo rapporto, in parte perché gli agricoltori lavorano lunghe ore con poco tempo libero per candidarsi, per non parlare di partecipare a lunghe riunioni. Inoltre, molti agricoltori e lavoratori anziani non hanno un livello sufficientemente alto di istruzione formale per servire efficacemente. I consigli di città o di distretto e i consigli di villaggio sono stabiliti secondo gli stessi principi di quelli che stanno alla base dei consigli di governatorato.

I consigli governativi e locali svolgono una vasta gamma di funzioni in materia di istruzione, sanità, servizi pubblici, abitazioni, agricoltura e comunicazioni; sono anche responsabili della promozione del movimento cooperativo e dell’attuazione di parti del piano nazionale. I consigli locali ottengono i loro fondi dalle entrate nazionali, una tassa sugli immobili all’interno del governatorato, varie tasse locali, profitti da servizi pubblici e imprese commerciali e sussidi, sovvenzioni e prestiti nazionali.

La giustizia

Giustizia Egitto
Giustizia Egitto

Nel 2014 la costituzione sottolinea la natura indipendente della magistratura. Non ci devono essere interferenze esterne con i processi di giustizia. I giudici non sono soggetti ad alcuna autorità diversa dalla legge; non possono essere licenziati e sono disciplinati nei modi previsti dalla legge. I giudici sono nominati dallo stato, previa approvazione del Consiglio giudiziario supremo. Il consiglio è anche responsabile degli affari di tutti gli organi giudiziari; la sua composizione e le funzioni speciali sono specificate dalla legge.

La struttura giudiziaria può essere considerata suddivisa in quattro categorie, ognuna delle quali ha una divisione civile e penale. Questi tribunali di giurisdizione generale includono tribunali distrettuali, tribunali di primo grado, tribunali di appello e Corte di cassazione; quest’ultima è la più alta corte di appello e ha il potere di scavalcare le sentenze delle corti inferiori. Le sedute giudiziarie sono pubbliche, salvo laddove l’esame di questioni di ordine pubblico o decenza decida altrimenti.

Inoltre, ci sono tribunali speciali, come tribunali militari e tribunali di pubblica sicurezza, questi ultimi che si occupano di crimini contro il benessere o la sicurezza dello stato. Il Consiglio di Stato è un organo giudiziario separato, che si occupa in particolare di controversie amministrative e azioni disciplinari. La Corte costituzionale suprema al Cairo è la più alta corte in Egitto. Le sue funzioni comprendono il controllo giurisdizionale della costituzionalità di leggi e regolamenti e la risoluzione dei conflitti giudiziari tra i tribunali.

L’Egitto è stato il primo paese arabo ad abolire il sistema giudiziario della Sharīʿah (legge islamica) (1956); anche altri tribunali che si occupavano di minoranze religiose. Le questioni relative allo stato personale – come il matrimonio , il divorzio e l’ eredità – sono ora giudicate dai tribunali civili. I codici civili e penali e le procedure giudiziarie si basano sul diritto francese, ma sono influenzati dalla Sharīʿah.

Sicurezza e forze militari

Esercito egiziano
Esercito egiziano

L’Egitto mantiene una delle forze militari più grandi e forti della regione. Circa i tre quarti della sua forza militare complessiva è nell’esercito. Il resto è diviso tra aviazione (incluso il comando di difesa aerea) e la marina. L’esercito è dotato di un gran numero di carri armati all’avanguardia insieme all’artiglieria da campo e altre attrezzature corazzate. L’aeronautica dispone di diverse centinaia di velivoli da combattimento ad alte prestazioni e la marina ha una piccola flotta composta principalmente da mezzi di pattugliamento costiero, ma che comprende anche fregate, cacciatorpediniere e sottomarini. Ancora più importante, il paese è uno dei pochi nella regione con un proprio complesso industriale militare. Le aziende egiziane collegate al governo fabbricano veicoli corazzati leggeri e missili (a corto e medio raggio) e assemblano alcuni dei loro veicoli blindati pesanti sotto contratto con aziende straniere. Il corpo degli ufficiali ha tradizionalmente svolto un ruolo di primo piano in politica. Come parte del processo di pace con Israele, gli Stati Uniti hanno fornito al paese ingenti aiuti militari.

Esistono diverse unità paramilitari, che sono principalmente responsabili della sicurezza interna. Il più grande di questi, le forze di sicurezza centrali (CSF), riferisce al Ministero degli Interni e mantiene la forza delle truppe quasi pari all’esercito. Molto più piccoli sono la Guardia Nazionale, le Forze della Guardia di frontiera e la Guardia costiera. Come in molti paesi della regione, i servizi di intelligence sono onnipresenti e svolgono un ruolo importante nella sicurezza interna.

Sia i servizi militari che quelli paramilitari si affidano alla coscrizione per riempire i loro ranghi, con l’obbligo di servizio per i maschi a partire dall’età di 18 anni. Dopo la dimissione è generalmente richiesto un ulteriore periodo di servizio nella riserva militare. Le condizioni di vita, in particolare per i membri del QCS, sono scarse e la retribuzione è bassa. Una breve ribellione dei membri del CSF a metà degli anni ’80 causò diverse centinaia di morti.

Il Ministero degli Interni ha il controllo e la supervisione diretti su tutte le funzioni di polizia e di sicurezza a livello di governatorato, distretto e villaggio. A livello centrale, il viceministro della pubblica sicurezza è responsabile della sicurezza generale, dell’emigrazione, dei passaporti, della sicurezza dei porti, delle indagini penali, delle guardie ministeriali e dei servizi di emergenza. Il viceministro della polizia speciale è responsabile della protezione civile, del traffico, dell’amministrazione carceraria, della polizia turistica e del trasporto e delle comunicazioni della polizia.

Salute e benessere

La sanità in Egitto
La sanità in Egitto

Il bilancio del Ministero della sanità ha rispecchiato una crescente spesa per programmi di sanità pubblica, soprattutto dagli anni ’90. Il numero di centri sanitari governativi, letti negli ospedali pubblici, medici e dentisti è aumentato in modo significativo. Un aspetto importante dello sviluppo dell’assistenza sanitaria in Egitto è sempre stato l’espansione delle strutture nelle aree rurali. A metà del XX secolo, le popolazioni rurali avevano accesso all’assistenza sanitaria principalmente attraverso una struttura locale che fungeva contemporaneamente da centro sanitario, scuola, unità di assistenza sociale e stazione di estensione agricola. All’inizio del 21° secolo, centinaia di ospedali e migliaia di unità sanitarie più piccole servivano le comunità rurali. La qualità di queste strutture era spesso bassa, tuttavia, spingendo molti residenti rurali a cercare cure presso i centri di assistenza sanitaria islamici, che erano generalmente superiori a quelli del governo.

Medici e specialisti ben addestrati sono disponibili in gran numero nelle città più grandi. La professione medica ha prestigio e solo i diplomati delle scuole superiori meglio qualificati sono ammessi nelle scuole mediche.

Sono stati compiuti sforzi significativi per promuovere la medicina preventiva. La vaccinazione obbligatoria contro il vaiolo, la difterite, la tubercolosi e la poliomielite viene applicata a tutti i bambini durante i primi due anni. La schistosomiasi, una malattia parassitaria diffusa nella popolazione rurale, presenta un grave problema di salute. Tutti i centri sanitari offrono cure, ma può facilmente verificarsi la reinfezione. Le epidemie di malaria sono state eliminate, ma la malattia esiste ancora in forma endemica, principalmente nel sud dell’Egitto. Il trattamento per la malaria viene fornito in tutti i centri sanitari e la igienizzazione delle case nelle aree di riproduzione delle zanzare viene effettuata regolarmente. È stata inoltre prestata attenzione al problema della tubercolosi; centri sono stati istituiti in ogni governatorato e sono state condotte campagne di radiografia di massa e di immunizzazione.

Il governo ha tentato di socializzare la medicina attraverso misure come la nazionalizzazione e il controllo delle industrie farmaceutiche, la nazionalizzazione degli ospedali gestiti da organizzazioni e associazioni private e l’espansione dell’assicurazione sanitaria. Dagli anni ’70, tuttavia, gli ospedali e le cliniche private hanno superato la qualità delle strutture statali. Una legge sull’assicurazione sanitaria, approvata nel 1964, prevede una copertura sanitaria obbligatoria per i lavoratori delle aziende che impiegano più di 100 persone, nonché per tutti i dipendenti pubblici. Gli egiziani più poveri spesso cercano cure mediche in cliniche o ospedali gestiti da gruppi islamici.

Formazione scolastica

La scuola in Egitto
La scuola in Egitto

Alla fine del 19° secolo, c’erano solo tre scuole secondarie e nove superiori sponsorizzate dallo stato in Egitto; la struttura educativa ha continuato a basarsi su maktab s, o kuttāb s (scuole dedicate all’insegnamento del Corano), per l’istruzione primaria e su madrasa (collegi islamici) per l’istruzione superiore . Nel 1923 fu approvata una legge che prevedeva l’istruzione obbligatoria gratuita tra i 7 e i 12 anni, sebbene ciò non fosse stato completamente applicato fino agli inizi degli anni ’50. Vi fu un forte aumento dei finanziamenti per l’istruzione dopo la seconda guerra mondiale e in seguito alla rivoluzione del 1952 i progressi accelerarono. Una delle caratteristiche più significative di questi progressi è stata la diffusione dell’educazione delle donne e c’è stato un forte aumento del numero di donne che frequentano l’università. Le donne non sono più confinate a casa; molti settori dell’occupazione, comprese le professioni e persino la politica, sono ora aperti a loro. Un ulteriore risultato dell’espansione dell’istruzione è stato l’emergere di un’élite intellettuale e la crescita di una classe media, composta da membri delle professioni, funzionari del governo e uomini d’affari. A causa dei progressi nella fornitura di servizi di istruzione, i tassi di alfabetizzazione sono gradualmente aumentati; i due terzi in crescita degli uomini sono alfabetizzati, mentre la percentuale per le donne – sebbene aumenti rapidamente – è ancora circa la metà.

Esistono tre fasi dell’istruzione generale statale: primaria (sei anni), preparatoria (tre anni) e secondaria (tre anni). L’istruzione primaria tra i 6 e i 12 anni è obbligatoria. Gli alunni che hanno superato gli esami hanno l’opportunità di continuare la loro formazione prima a livello preparatorio e poi a livello secondario. Esistono due tipi di scuole secondarie, generale e tecnica. La maggior parte delle scuole tecniche sono commerciali, agricole o industriali.

Accanto al sistema di istruzione generale del Ministero della Pubblica Istruzione, esiste quello fornito dagli istituti associati Università di al-Azhar, incentrata sulla moschea di al-Azhar (fondata nel 970) nel vecchio quartiere del Cairo. Al-Azhar è un centro di insegnamento islamico da oltre 1.000 anni. L’istruzione viene impartita a livelli equivalenti a quelli delle scuole statali, ma al fine di consentire una maggiore enfasi sulle materie islamiche tradizionali, la durata della formazione viene prolungata di un anno nella fase preparatoria e due nella secondaria. Dal 1961 è stata effettuata una modernizzazione su larga scala del curriculum a livello universitario, che lo rende paragonabile a quello di altre università statali.

Negli anni ’50 c’erano quasi 300 scuole straniere in Egitto, la maggior parte delle quali francesi; molti di questi da allora sono diventati, a vari livelli, egiziano. Gli alunni che frequentano queste scuole, a tutti i livelli, sostengono gli stessi esami di certificazione statale di quelli del sistema statale normale.

Le più antiche università statali sono Il Cairo (1908), Alessandria (1942), ynAyn Shams (1950) e Asyūṭ (1957). Altre università furono aggiunte al sistema statale durante e dagli anni ’70. Ci sono anche diverse università private, la più antica delle quali è la American University al Cairo (1919).

Esistono molti istituti di istruzione superiore, come l’Accademia delle arti, che comprende istituti superiori di balletto, cinema, teatro, musica araba, musica occidentale, folklore, critica d’arte e cura dei bambini. Altri istituti sono specializzati in commercio, industria, agricoltura, arte, cultura fisica , servizio sociale, sanità pubblica , economia domestica e lingue. I corsi di studio portano a una laurea.