La Turchia colpisce aeroporti siriani. Lotta a Idlib

La Turchia colpisce aeroporti siriani. Lotta a Idlib

La Turchia ha abbattuto due aerei da guerra siriani su Idlib e ha colpito un aeroporto militare durante una forte escalation delle sue operazioni militari a seguito della morte di dozzine di soldati turchi la scorsa settimana.

Ankara ha intensificato i suoi attacchi, compresi gli attacchi dei droni, contro le forze siriane appoggiate dalla Russia quando 33 soldati turchi sono stati uccisi in un attacco aereo di Damasco.

Ha già schierato migliaia di truppe e veicoli militari nella provincia di Idlib, nel nordovest della Siria, per arginare i progressi delle forze governative siriane che hanno sfollato 1 milione di persone vicino al confine meridionale della Turchia.

Ospitando già 3,6 milioni di rifugiati siriani, Ankara è determinata a prevenire qualsiasi ulteriore afflusso dalla Siria. Ha anche permesso ai migranti di attraversare i suoi confini nell’Unione europea, in uno sforzo evidente per sollecitare il sostegno dell’UE nell’affrontare la crisi siriana.

Il ministro della Difesa Hulusi Akar ha dichiarato che negli ultimi quattro giorni le forze turche hanno distrutto otto elicotteri, 103 carri armati, 72 howitzer, lanciarazzi, un drone e sei sistemi di difesa aerea. Ha soprannominato l’operazione turca, la sua quarta incursione in Siria in quattro anni, “Operation Spring Shield”.

In risposta, l’esercito siriano ha detto che ha abbattuto tre droni turchi e ha avvertito che avrebbe abbattuto qualsiasi aereo che avesse tentato di violare lo spazio aereo sul nord-ovest, che è stato controllato per anni dal principale alleato della Russia, il presidente siriano Bashar al-Assad.

Nonostante l’avvertimento, gli aerei da guerra turchi hanno abbattuto due aerei da guerra siriani, mentre l’agenzia turca Anadolu dichiara che i militari turchi hanno preso di mira e reso inutilizzabile l’aeroporto di Nayrab, a ovest della città di Aleppo.

I comandanti dell’opposizione sostenuti dalla Turchia hanno anche affermato che l’aeroporto di Kuweires, a est di Nayrab, è stato bombardato. Entrambi gli aeroporti sono ben all’interno del territorio controllato dal governo siriano, segnando una significativa espansione degli obiettivi di Ankara.

I combattimenti hanno rischiato di mettere in contrasto la Russia e la Turchia, che hanno collaborato per anni per contenere i combattimenti nonostante appoggiando siano parti rivali nella guerra di nove anni della Siria.

Non abbiamo né l’intenzione né l’idea di affrontare la Russia. La nostra unica intenzione è che il regime (siriano) ponga fine al massacro e prevenga quindi … la radicalizzazione e la migrazione “, ha dichiarato Akar in Turchia.

Ha detto che 2.212 membri delle forze siriane erano stati “neutralizzati”, un termine usato per designare uccisi, feriti o catturati. L’Osservatorio siriano, un osservatore di guerra con base in Gran Bretagna, ha dichiarato che dal 27 febbraio 74 soldati e combattenti filo Damasco sono stati uccisi.

Cinquantacinque truppe turche sono state uccise a Idlib a febbraio.

Giorgio Muscas

Giorgio Muscas

Esperto in criptovalute mi dedico all'economia e alla politica. Il giornalismo è la mia vera passione