Come gli editori stanno monetizzando i loro gruppi di Facebook

Come gli editori stanno monetizzando i loro gruppi di Facebook

Quando il CEO di Facebook Mark Zuckerberg ha indicato che i gruppi di Facebook erano una nuova priorità, gli editori si sono buttati a crearne in quantità.  Per monetizzarli, sono diventati creativi, vendendo sponsorizzazioni ai marchi, usando i loro membri per focus group e utilizzando i membri come potenziali abbonati.

I gruppi sono di piccole dimensioni, spesso raggiungono solo poche migliaia di persone, rispetto alla copertura che gli editori possono ottenere attraverso le loro pagine di feed di notizie di Facebook. La principali pagine Facebook di quotidiani, ad esempio, hanno centinaia di migliaia di Mi piace, mentre il gruppo Facebook medio conta 4/6mila utenti. I gruppi di Facebook esterni hanno collettivamente poco più di 10.000 membri.

I gruppi richiedono un’attenzione costante, non solo da parte dello staff di sviluppo del pubblico, ma da editor di alto livello e altre persone che rappresentano il volto del marchio di un editore. I gruppi rischiano anche di essere effimeri, come  un sacco di cose che fa Facebook.

Ma i gruppi danno ai marchi la possibilità di connettersi direttamente con le persone, il che li ha resi una prospettiva di monetizzazione intrigante per gli editori.

La sponsorizzazione dei gruppi viene generalmente venduta come parte di acquisti più grandi. Oltre alla sponsorizzazione del gruppo, un inserzionista riceverà menzioni editoriali e alcuni annunci display sui suoi siti.

“Su Facebook, raggiungere le persone è più difficile di quanto si dica, e alcuni dei problemi con questo obiettivo stanno diventando chiari. Per i gruppi, il focus è che sono un ottimo modo per provare qualcosa che è davvero focalizzato sull’impegno'”.

Altri editori monetizzano i loro gruppi usando i membri del gruppo per ricerche di mercato. Clique Media non esegue alcun gruppo che sia esplicitamente legato ai suoi marchi principali e non inserisce collegamenti o pubblicità nei gruppi, al fine di “preservare la natura” dell’ambiente sicuro ha affermato Michelle Plantan, Il direttore esecutivo della strategia creativa di Clique. Ma l’editore che è focalizzato sulla bellezza e il benessere interroga i suoi lettori sui prodotti per conto di grandi inserzionisti. Plantan ha detto che i moderatori dicono chiaramente ai lettori quando quelle discussioni e le loro risposte saranno condivise con i marchi.

Poiché i membri del gruppo tendono ad essere lettori molto impegnati, anche gli editori vedono i gruppi come mezzi di sottoscrizione. The Times vede i gruppi di Facebook come un luogo in cui coltivare gli abbonati, qualcosa che prevede di iniziare a testare entro la fine di quest’anno.


Articoli correlati

Il local marketing digitale è più importante che mai

Ricordo quando ho iniziato a lavorare nel mondo del local marketing digitale nel 2009. Era davvero straordinario che io potessi

AdWords: aggiornato il monitoraggio URL. Il nuovo sistema

Google Adwords ha aggiornato il monitoraggio degli URL: l’indirizzo impostato nell’annuncio dovrà essere uguale a quello della landing page – un modo più facile

Google Adwords non funziona? I 3 errori più comuni

Se una campagna di Google AdWords non funziona è normale che l’inserzionista entri nel panico. E’ comprensibile. Tuttavia ci sono