Il capitalismo. Storia ed evoluzione dell’economia di mercato

Il capitalismo. Storia ed evoluzione dell’economia di mercato

Il capitalismo, chiamato anche economia di libero mercato o economia d’impresa libera, è il sistema economico dominante nel mondo occidentale dopo la disgregazione del feudalesimo, in cui la maggior parte dei mezzi di produzione sono di proprietà privata e la produzione è guidata e il reddito distribuito in gran parte attraverso l’operazione dei mercati.

Sebbene il continuo sviluppo del capitalismo come sistema risale solo al XVI secolo, gli antecedenti delle istituzioni capitaliste esistevano nel mondo antico, e fiorenti sacche del capitalismo erano presenti durante il tardo Medioevo europeo. Lo sviluppo del capitalismo fu guidato dalla crescita dell’industria tessile inglese durante i secoli XVI, XVII e XVIII. La caratteristica di questo sviluppo che distingueva il capitalismo dai sistemi precedenti era l’uso dell’eccesso di produzione rispetto al consumo per ampliare la capacità produttiva piuttosto che investire in imprese economicamente improduttive, come monumenti o cattedrali. Questa caratteristica è stata incoraggiata da diversi eventi storici.

Nell’etica favorita dalla Riforma Protestante del XVI secolo, il tradizionale disprezzo per gli sforzi acquisiti è diminuito, mentre il duro lavoro e la frugalità hanno ricevuto una più forte sanzione religiosa. La disuguaglianza economica era giustificata dal fatto che i ricchi erano più virtuosi dei poveri.

Un altro fattore che ha contribuito è stato l’aumento in Europa della fornitura di metalli preziosi e la conseguente inflazione dei prezzi. I salari non aumentarono velocemente come i prezzi in questo periodo, e i principali beneficiari dell’inflazione furono i capitalisti. I primi capitalisti (1500-1750) godettero anche dei benefici dell’aumento di stati nazionali forti durante l’era mercantilista. Le politiche di potere nazionale seguite da questi stati sono riuscite a fornire le condizioni sociali di base, come sistemi monetari uniformi e codici legali, necessari per lo sviluppo economico e alla fine rese possibile il passaggio dall’iniziativa pubblica a quella privata.

Industria antica

Industria antica

A partire dal XVIII secolo in Inghilterra, il fulcro dello sviluppo capitalistico è passato dal commercio all’industria. La costante accumulazione di capitali dei secoli precedenti fu investita nell’applicazione pratica delle conoscenze tecniche durante la rivoluzione industriale. L’ ideologia del capitalismo classico è stata espressa in uno studio sulla natura e le cause della ricchezza delle nazioni (1776), dell’economista e filosofo scozzese Adam Smith, che raccomandava di lasciare le decisioni economiche al libero gioco delle forze di mercato autoregolatrici. Dopo che la Rivoluzione francese e le guerre napoleoniche avevano spazzato via i resti del feudalesimo, le politiche di Smith furono messe sempre più in pratica. Le politiche del liberalismo politico del XIX secolo includevano il libero scambio, il denaro solido (il gold standard), bilanci equilibrati e livelli minimi di scarso rilievo. La crescita del capitalismo industriale e lo sviluppo del sistema industriale nel diciannovesimo secolo creò anche una nuova classe di lavoratori industriali le cui condizioni generalmente misere ispirarono la filosofia rivoluzionaria di Karl Marx. La previsione di Marx dell’inevitabile rovesciamento del capitalismo in un proletario di classe si è poi mostrato anche questa una strada sbagliata.

La prima guerra mondiale ha segnato un punto di svolta nello sviluppo del capitalismo. Dopo la guerra, i mercati internazionali si sono ridotti, il gold standard è stato abbandonato a favore delle valute nazionali gestite, l’egemonia bancaria passata dall’Europa agli Stati Uniti e le barriere commerciali che si sono moltiplicate. La Grande Depressione degli anni ’30 portò alla fine la politica del laissez-faire (non interferenza dello stato in materia economica) nella maggior parte dei Paesi e per un periodo mise in dubbio il sistema capitalista nel suo insieme.

Nei decenni immediatamente successivi alla seconda guerra mondiale, le economie dei maggiori paesi capitalistici, che avevano adottato una versione del welfare state, si comportarono bene, ripristinando una parte della fiducia nel sistema capitalista che era stato perso negli anni ’30. A partire dagli anni ’70, tuttavia, i rapidi aumenti della disuguaglianza economica, sia a livello internazionale che all’interno dei singoli Paesi, hanno riacceso i dubbi sulla redditività a lungo termine del sistema, così come la Grande recessione del 2007-09, una recessione economica mondiale quasi severa come la grande Depressione.


Articoli correlati

FCA, ecco il manifesto sulla sostenibilità ambientale

“Ogni giorno – dicono a Torino – contribuiamo attivamente per la transizione verso un’economia circolare”. Ecco come “Negli ultimi decenni

Gdpr – Nuovo regolamento europeo sulla protezione dei dati – Legge integrale

Il voto del Parlamento europeo ha posto fine a più di quattro anni di lavoro che hanno riguardato una revisione

Fca: alleanza con Bmw per guida autonoma

Nelle ore in cui si parla di un interessamento cinese, Fca annuncia che si unirà al Gruppo Bmw, Intel e