Stati Uniti e Cina riusciranno a rispettare gli accordi?

Stati Uniti e Cina riusciranno a rispettare gli accordi?

L’ accordo commerciale USA-Cina stabilisce un programma molto impegnativo riguardo gli acquisti cinesi di prodotti agricoli americani, manufatti, servizi alle imprese, petrolio e gas naturale a livelli mai visti prima – un aumento di 200 miliardi di dollari in due anni.

La Cina può assorbire così tanto dagli Stati Uniti, e in tal caso gli Stati Uniti possono produrlo?

I due governi rispondono affermativamente a entrambe le domande. Ma gli esperti del settore credono che gli obiettivi per il 2020 e il 2021 siano così ambiziosi da poter mettere in crisi la capacità di produzione anche delle due maggiori economie del mondo.

Inoltre, affermano che il raggiungimento degli obiettivi richiederebbe probabilmente significativi mandati governativi sull’economia della Cina da 14 trilioni di dollari, il che sarebbe in contrasto con il sostegno di Washington alle decisioni commerciali guidate dal mercato.

Gli obiettivi non sono impossibili dal momento che i cinesi controllano gli acquisti nella maggior parte della loro economia“, ha dichiarato Derek Scissors, studioso all’American Enterprise Institute. Ma altri notano che se le merci statunitensi venissero semplicemente dirottate da altri paesi verso la Cina, potrebbero esserci pochi benefici netti per l’economia americana.

Il testo dell’accordo, firmato mercoledì a Washington, illustra per la prima volta gli acquisti concordati in quattro grandi categorie: agricoltura, energia, produzione e servizi. Per ogni categoria, l’aumento si intensifica nel secondo anno dell’accordo, con le esportazioni statunitensi in Cina che quasi raddoppiano entro il 2021.

Storicamente gli accordi commerciali statunitensi si sono concentrati sull’apertura dei mercati esteri per consentire scambi più liberi tra le imprese, non fissando i livelli di scambio su base governo-governo.

L’accordo specificava obiettivi per gli acquisti cinesi, misurati rispetto ai livelli del 2017. Nel 2020, la Cina deve acquistare almeno 77 miliardi di dollari in più di beni e servizi statunitensi e nel 2021 almeno 123 miliardi in più, per raggiungere in due anni 200 miliardi di dollari.

Nel 2017, gli Stati Uniti hanno esportato 186 miliardi di dollari in beni e servizi in Cina e i dati più recenti per il 2019 indicano una cifra di circa 160 miliardi di dollari. Per raggiungere gli obiettivi, le esportazioni in Cina dovrebbero salire a circa 262 miliardi nel 2020 e 309 miliardi nel 2021 secondo un’analisi del Wall Street Journal. Per quest’anno, ciò equivale a un aumento di circa il 60%, in quello che sarebbe un salto senza precedenti nel commercio bilaterale.

L’accordo commerciale non specificava quali categorie di produzione avrebbero dovuto fornire le vendite aggiuntive. I negoziatori hanno detto che esistono obiettivi specifici ma che vengono mantenuti riservati per evitare di disturbare i mercati.

I gruppi commerciali hanno affermato che la firma è stata un passo positivo, ma che sono necessarie ulteriori riduzioni tariffarie da entrambe le parti prima che le società statunitensi possano aspettarsi di realizzare grandi guadagni nelle esportazioni.

Dennis Slater, presidente dell’Associazione dei produttori di apparecchiature tecnologiche, ha dichiarato che il suo gruppo spera che il patto “spianerà la strada all’eliminazione delle tariffe rimanenti e aumenterà le esportazioni statunitensi verso il mercato cinese”.

Nathan Jeppson, amministratore delegato di Northwest Hardwoods Inc., uno dei maggiori produttori statunitensi di legname, ha dichiarato che la sua azienda non prevede un aumento a breve termine degli acquisti da parte di produttori cinesi di mobili e altri prodotti in legno.

La guerra commerciale ha frenato il commercio tra Stati Uniti e Cina, ma il valore delle merci scambiate è ancora aumentato di oltre il 40% rispetto ai livelli del 2017, anno che funge da base per gli obiettivi dell’accordo.

SCARICA IL TESTO ORIGINALE DELL’ACCORDO USA CINA

La maggior parte dei 200 miliardi di dollari in maggiori acquisti da parte della Cina verrebbe dai produttori statunitensi. L’accordo prevede che nel 2020 il commercio manifatturiero salirà di 32,9 miliardi rispetto al livello di base e supererà i 44,8 miliardi rispetto al basale nel 2021.

Il presidente Trump ha spesso propagandato gli acquisti agricoli nell’accordo come uno dei suoi capisaldi. Per raggiungere l’obiettivo per il 2021, la Cina dovrebbe importare poco più di 40 miliardi di dollari di beni agricoli statunitensi, un aumento di quasi il 90% rispetto al 2017.

Oltre agli obiettivi di acquisto, la Cina ha concordato misure che consentono un maggiore accesso al mercato per i prodotti lattiero-caseari, pollame, manzo, pesce, riso e persino alimenti per animali domestici statunitensi.

Gli obiettivi molto imponenti hanno incontrato lo scetticismo di alcuni gruppi di aziende agricole. Michelle Erickson-Jones, una coltivatrice di grano del Montana e portavoce di Farmers for Free Trade ha affermato che resta da vedere se l’accordo fornirà un aiuto significativo “agli agricoltori come me”.

Questo accordo non pone fine ai dazi di ritorsione sulle esportazioni agricole americane, rende gli agricoltori americani sempre più dipendenti dagli acquisti cinesi controllati dallo stato e non affronta i grandi cambiamenti strutturali che la guerra commerciale si aspettava di realizzare“, ha detto.

Molti commercianti di cereali hanno dichiarato che sono scettici sull’accordo fino a quando gli acquisti non saranno effettivamente realizzati.

Vogliamo vedere i dettagli esatti per ogni merce e vogliamo vedere gli acquisti“, ha affermato Rich Nelson capo mediatore di materie prime Allendale Inc.

Nonostante l’impegno di maggiori acquisti dalla Cina, il contratto futures sulla soia più attivamente scambiato nel Chicago Board of Trade è terminato in calo dell’1,4% a circa 9,29 al barile, mentre il mais è sceso dello 0,4% a circa 3,87 al barile.

Mentre il presidente Trump ha propagandato gli acquisti agricoli da parte dei cinesi, gli obiettivi sono ancora più aggressivi in ​​termini di energia.

Nel 2017, gli Stati Uniti hanno esportato in Cina circa 7,6 miliardi di dollari di prodotti energetici. Il raggiungimento dei suoi obiettivi richiederebbe esportazioni di energia di 26 miliardi di dollari nel 2020 e di oltre 41 miliardi di dollari nel 2021. Quella cifra quintuplica le esportazioni di energia.

La capacità americana di esportare energia, in particolare il gas naturale liquefatto, è cresciuta negli ultimi anni, ma fornire quel volume potrebbe richiedere un investimento significativo nelle infrastrutture energetiche.

Oltre il 2021, gli Stati Uniti e la Cina hanno dichiarato che i loro accordi prevedono un rapido aumento degli acquisti.

Le parti prevedono che gli aumenti delle quantità di manufatti, prodotti agricoli, prodotti energetici e servizi acquistati e importati in Cina dagli Stati Uniti continuerà negli anni dal 2022 al 2025“, secondo il testo dell’accordo .

Alessandro Capuano

Alessandro Capuano

Romano d’adozione, mi occupo di digitale da quando, a 12 anni, mi hanno regalato la prima console. Sono un fotografo incompetente ma curioso. La politica economica mi appassiona da sempre.