Il Regno Unito lascia ufficialmente l'UE

Il Regno Unito lascia ufficialmente l'UE

Il Regno Unito ha lasciato l’ Unione europea.

Allo scadere della mezzanotte l’Inghilterra ha ufficialmente eseguito il più grande cambiamento costituzionale e, nel farlo, è diventato il primo stato membro in assoluto a lasciare l’UE.

Il passaggio epocale segue più di tre anni di conflitti politici che hanno visto lasciare due primi ministri e provocato un cambiamento radicale all’interno dei due principali partiti politici.

Il Regno Unito entra ora in un periodo di transizione che dovrebbe durare fino alla fine dell’anno e durante il quale il governo è incaricato di ridisegnare le relazioni del paese con i suoi vicini.

Nigel Farage salendo  sul palco del raduno celebrativo della Brexit nel centro di Londra ha detto:

Tra soli 14 minuti succederà qualcosa di veramente straordinario. Qualcosa per cui ho combattuto per 27 anni e qualcosa per cui molte migliaia di voi hanno dedicato tempo e denaro.

Tra 13 minuti lasceremo l’ Unione Europea . Ce l’abbiamo fatta. Abbiamo trasformato il paesaggio del nostro paese. Alcuni dicono che non dovremmo festeggiare stasera, ma stasera festeggeremo.

C’è una cosa soprattutto che dobbiamo festeggiare stasera ed è questa: la ragione per cui siamo qui stasera è perché Westminster si è staccato dalla gente di questo paese. Le persone hanno battuto l’establishment. Il vero vincitore di questa sera è la democrazia. E sono una persona che crede che dovremmo essere pro-Europa, ma non l’Unione europea.

Boris Johnson promette che la Brexit porterà alla rinascita nazionale

Quasi quattro anni dopo il voto sulla Brexit, la Gran Bretagna ha lasciato l’Unione Europea, chiudendo un capitolo rancoroso nella storia del paese e iniziandone un altro visto da alcuni con ottimismo e altri con sgomento.

Parlando in vista dell’uscita ufficiale della Gran Bretagna Boris Johnson ha riconosciuto che “ci sono molti … che provano un senso di ansia e perdita”, ma ha promesso che questo passo avrebbe determinato il rilancio del “potere di decisione e azione indipendenti” del Regno Unito.

I leader dell’UE hanno cercato di usare la partenza del Regno Unito come un avvertimento per gli altri, insistendo sul fatto che la decisione della Gran Bretagna avrebbe mostrato che “la forza non sta nell’isolamento“.

Mentre un orologio veniva proiettato su Downing Street per il conto alla rovescia del momento in cui i 47 anni di appartenenza del Regno Unito all’Unione Europea si sono ufficialmente conclusi, Johnson ha rilasciato un videomessaggio, dicendo che avrebbe inaugurato “un vero rinnovamento e un cambiamento nazionale”.

Johnson non ha menzionato la parola “Brexit”, che Downing Street ha eliminato dalle comunicazioni del governo, promettendo invece di “diffondere speranza e opportunità in ogni parte del Regno Unito”.

Il primo ministro ha brindato con dello spumante inglese in Downing Street, che è stato illuminato da uno spettacolo di luci rosse e blu, così come i dipartimenti del governo lungo Whitehall, e la piazza del parlamento è stata decorata con bandiere per il momento storico; ma il Big Ben non ha suonato, contrariamente alle speranze degli ardenti Brexiters.

Le parole di Macron

Ma quell’umore celebrativo non è stato eguagliato in Europa, dove il presidente francese Emmanuel Macron ha avvertito che la Brexit era un “segnale di allarme” di enorme significato storico.

Parlando a Parigi, Macron ha fatto riferimento alla natura determinante della decisione britannica di voltare le spalle a 47 anni di affiliazione. “C’è una lunga storia tra Francia e Gran Bretagna, fatta di sangue, libertà, coraggio e battaglie, non lo dimenticherò”, ha detto.

Le reazioni europee

Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, ha dichiarato: “Vogliamo avere le migliori relazioni possibili con il Regno Unito, ma non sarà mai buono come l’adesione. La nostra esperienza ci ha insegnato che la forza non sta nello splendido isolamento, ma nella nostra unione”.

È chiaro che l’ Europa difenderà i suoi interessi in modo determinato. Solo coloro che riconoscono le regole del mercato interno possono beneficiare del mercato comune “, ha aggiunto.

All’Aia, quando gli è stato chiesto se avesse chiamato Boris Johnson per esprimere le sue congratulazioni, il primo ministro olandese, Mark Rutte, ha risposto dicendo ai giornalisti che non c’erano motivi per congratularsi.

Ma il governo britannico era determinato a considerare il momento come un’opportunità per portare a casa una visione ottimistica del futuro del paese. I ministri di gabinetto si sono incontrati venerdì a Sunderland in un gesto simbolico del loro piano per “far salire di livello” le regioni fuori Londra.

Johnson ha aperto l’incontro dicendo che il Regno Unito stava “girando pagina sulla divisione degli ultimi tre anni e mezzo e andando avanti a tutta forza per riunire la nazione“.

Nella sua dichiarazione video, Johnson ha insistito sul fatto che la Brexit segnerà un momento di “rinnovamento nazionale”, dopo di che il Regno Unito potrebbe diventare contemporaneamente “una grande potenza europea e veramente globale”.

Nella nostra diplomazia, nella nostra lotta contro i cambiamenti climatici, nelle nostre campagne per i diritti umani o l’educazione femminile o il libero scambio, riscopriremo muscoli che non usiamo da decenni. Il potere del pensiero e dell’azione indipendenti “, ha detto.

Il leader laburista Jeremy Corbyn ha rilasciato la sua dichiarazione video dicendo che ci sarebbero “punti di vista e sentimenti diversi” sulla Brexit “proprio nel nostro paese”.

La domanda ora è quale direzione prendiamo?“, Ha chiesto, chiedendo ai politici di “costruire una Gran Bretagna veramente internazionalista, diversa e rivolta verso l’esterno“.

Gli accordi con l’Europa

Oltre a segnare la fine di una situazione di stallo di tre anni e mezzo a Westminster, la partenza del Regno Unito dall’UE dà il via a una lotta per garantire un accordo commerciale con l’UE in tempo per la fine del periodo di transizione dello status quo, il 31 dicembre.

Downing Street ha chiarito alle imprese del Regno Unito che dovrebbero prepararsi ad affrontare ulteriori “processi” al confine con l’UE, poiché il governo conserva il diritto di divergere dalle norme dell’UE.

È stata volontà di Theresa May di firmare un “regolamento comune” per settori chiave, limitando il diritto del Regno Unito di stabilire le proprie regole.

I leader dell’UE che hanno parlato a Bruxelles venerdì hanno promesso di lottare per gli interessi del blocco nei prossimi negoziati.