Putin consolida il suo potere

Putin consolida il suo potere

Il primo ministro russo Dmitry Medvedev ha presentato le sue dimissioni come parte di un cambio di governo diretto dal presidente Vladimir Putin. Queste mosse portano a un’eventuale transizione di potere e a garantire l’influenza di Putin dopo la fine del suo mandato nel 2024.

Putin ha accettato le dimissioni di Dmitry Medvedev, un alleato di lunga data e partner politico. Medvedev, tuttavia, rimarrà come vicepresidente del Consiglio di sicurezza, che è molto simile a una vice presidenza.

Meno di tre ore dopo le dimissioni di Medvedev, Putin ha offerto l’incarico di primo ministro a Mikhail Mishustin, il capo del servizio fiscale russo che è considerato un possibile prestanome mentre Putin rimodella la struttura di potere della Russia.

Le mosse di Putin

Le grandi manovre arrivano poco dopo che Putin aveva fatto il suo discorso annuale ai deputati russi e proposto importanti cambiamenti costituzionali che includevano il trasferimento di più potere al parlamento, inclusa la capacità di nominare il primo ministro del paese. Attualmente, la nomina è decisa dal presidente.

Cosa vuole cambiare Putin

Le dimissioni di Medvedev significano che l’intero gabinetto ministeriale è fuori gioco, ma si prevede che rimarrà in vigore fino alla formazione di un nuovo governo.

Da parte mia, voglio anche ringraziarvi per tutto ciò che è stato fatto in questa fase del nostro lavoro congiunto, voglio esprimere soddisfazione per i risultati raggiunti“, ha detto il presidente ai membri del gabinetto in una riunione.

Medvedev è stato il primo ministro della Russia dal 2012 e ha trascorso quattro anni come presidente. Ha affermato di essersi dimesso perché i cambiamenti costituzionali, una volta approvati, influenzeranno l’equilibrio dei rami dell’esecutivo, legislativo e giudiziario del governo.

In questo contesto, è ovvio che noi come governo dovremmo consentire al presidente del nostro paese di prendere tutte le decisioni necessarie“, ha aggiunto Medvedev.

Quella di Mishustin è stata una scelta a sorpresa per sostituire Medvedev a causa della sua natura relativamente di basso profilo. Ciò ha suggerito che Putin potrebbe non considerare Mishustin il suo erede politico alla presidenza dopo il 2024 e potrebbe scegliere tra un altro funzionario di alto rango.

Andrei Kolesnikov, un membro anziano e presidente del programma russo di politica interna e delle istituzioni politiche presso il Carnegie Moscow Center, ha definito gli eventi del giorno “assolutamente senza precedenti“.

Non c’è stato nulla di simile nella storia dell’Unione Sovietica o della Russia post-sovietica“, ha detto.

Il modello kazako

Il passaggio di Medvedev al Consiglio di sicurezza della Russia, secondo solo a Putin, ha aggiunto valore all’idea che Putin potrebbe voler copiare il percorso seguito dal Kazakistan, e mantenere il potere oltre la scadenza della sua presidenza. Lo scorso marzo, Nursultan Nazarbayev, presidente di lunga data del Kazakistan, si è dimesso ma è diventato membro del Consiglio di sicurezza a vita.

Nel suo discorso al parlamento Putin ha nuovamente suggerito di limitare a due i mandati presidenziali, indicando che non tenterà di cercare un terzo mandato consecutivo. Ha poi stabilito anche piani per spostare il potere dalla presidenza alla camera bassa del parlamento, una mossa per indebolire l’influenza del suo successore.

Questo è per influenzare le prerogative del futuro presidente“, ha dichiarato Tatiana Stanovaya, capo di R. Politik, un think tank. “Putin vorrebbe avere potere finanziario, e qualche meccanismo per controllare e essere coinvolto nel caso in cui il suo successore commetta errori o abbia dei disaccordi con lui.”

Dopo che Putin ha passato due mandati presidenziali dal 2000 al 2008, ha cambiato posto con Medvedev che era ampiamente considerato un prestanome, consentendo a Putin di mantenere il potere dietro le quinte, ma si credeva anche che ci fosse una spaccatura tra i due a metà della presidenza di Medvedev. Putin ha poi assunto la presidenza nel 2012 ed è stato rieletto l’anno scorso.

Stanovaya ritiene improbabile che Putin vorrebbe tornare a essere il primo ministro dopo la sua presidenza, ma sia lei che Kolesnikov hanno affermato che presiedere un consiglio di stato rinforzato potrebbe fargli gola.

Non vuole impegnarsi nella normale politica sociale ed economica, come il budget – è noioso per lui“, ha detto Stanovaya. “Vuole concentrarsi sulla politica estera e penso che il consiglio di stato sia molto più conveniente per lui. Ma dovrà renderlo un organo costituzionale e ampliare significativamente le sue possibilità. “

Putin ha concluso il suo discorso al parlamento, che è durato poco più di un’ora, raccomandando che il pacchetto di emendamenti fosse approvato con un passaggio al voto quasi certo. Ha in programma di firmare un decreto speciale che stabilisce una data e le regole per la votazione delle modifiche, ha detto il portavoce presidenziale Dmitry Peskov.

Le altre modifiche

  • Altre modifiche costituzionali includevano la limitazione della supremazia del diritto internazionale, aumentando i requisiti di residenza per i candidati alla presidenza da 10 a 25 anni
  • dando alla corte costituzionale russa il diritto di verificare se le leggi adottate siano conformi alla costituzione prima che vengano firmate dal presidente
  • vietando ai dipendenti pubblici di avere la cittadinanza straniera e aggiungendo una disposizione per mantenere il salario minimo e la pensione al di sopra della soglia di povertà ufficiale.

La nostra società sta chiaramente dimostrando una domanda di cambiamento“, ha detto Putin all’inizio del discorso.

Il discorso annuale ai principali funzionari e parlamentari russi si è concentrato in gran parte su come migliorare gli standard di vita domestici. Le valutazioni di approvazione di Putin rimangono alte – circa il 68 percento, secondo un sondaggio di dicembre ma sono gradualmente diminuite a causa di mosse impopolari negli ultimi anni per aumentare l’età pensionabile e aumentare le tasse su beni e servizi.

Kolesnikov pensa che la decisione di Putin avrebbe potuto essere il tentativo di evitare il “malcontento pubblico per la sua politica economica” con l’economia russa in gran parte stagnante e dilagante nella corruzione.

Dobbiamo accelerare il raggiungimento delle grandi sfide sociali, economiche e tecnologiche che il nostro paese deve affrontare“, ha affermato Putin.

Giorgio Muscas

Giorgio Muscas

Esperto in criptovalute mi dedico all'economia e alla politica. Il giornalismo è la mia vera passione