Palestina: Trump vuole cancellare la causa palestinese

Palestina: Trump vuole cancellare la causa palestinese

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump dovrebbe divulgare i dettagli del suo piano di pace in Medio Oriente ai leader israeliani in questi giorni, ma i funzionari palestinesi lo hanno etichettato come un tentativo di “chiudere” la causa palestinese.

Trump si incontrerà separatamente con il Primo Ministro israeliano di destra Benjamin Netanyahu e il leader dell’opposizione centrista Benny Gantz a Washington.

I palestinesi temono che il piano spezzerà le loro speranze per uno stato indipendente in Cisgiordania, Gerusalemme est e Striscia di Gaza. I leader palestinesi non sono stati invitati a Washington e affermano che nessun piano di pace può funzionare senza di loro. In vista degli incontri israelo-americani, il primo ministro palestinese Mohammad Shtayyeh ha accusato Trump e Netanyahu di usare il piano come una distrazione dai loro problemi interni.

Trump è sotto processo al Senato per abuso di potere. Netanyahu è accusato di corruzione Entrambi gli uomini negano di aver commesso illeciti.

Questo piano è per proteggere Trump dall’impeachment e di proteggere Netanyahu dall’andare in prigione, e non è un piano di pace“, ha detto Shtayyeh lunedì durante una riunione del gabinetto a Ramallah nella Cisgiordania occupata da Israele.

Lo respingiamo e chiediamo alla comunità internazionale di non esserne complice perché contraddice le basi del diritto internazionale e i diritti inalienabili dei palestinesi“, ha aggiunto.

“Non è altro che un piano per bloccare la causa palestinese”.

La vicina Giordania, che insieme all’Egitto è uno dei due stati arabi che hanno trattati di pace con Israele, ha detto che l’annessione della Valle del Giordano occupata farà esplodere il processo di pace.

Le riunioni di Washington

L’iniziativa di Trump, il cui autore principale è suo genero Jared Kushner, segue una lunga serie di sforzi per risolvere uno dei problemi più complicati del mondo.

I colloqui di pace israelo-palestinesi sono crollati nel 2014. Le Nazioni Unite e la maggior parte dei governi di tutto il mondo appoggiano un progetto per una soluzione a due stati: uno stato palestinese indipendente che vive fianco a fianco con Israele, il fondamento di ogni piano di pace per decenni.

Trump sperava di presentare il proprio piano l’anno scorso, ma fu costretto a rimandare mentre Netanyahu ha tentato due volte senza successo di formare una coalizione di governo dopo elezioni inconcludenti.

Dopo gli incontri con Netanyahu e Gantz, martedì Trump presenterà osservazioni congiunte con Netanyahu alla Casa Bianca, dove il presidente potrà rivelare i dettagli della sua proposta.

Ma se ciò farà veramente saltare lo sforzo di lunga data di riunire israeliani e palestinesi è tutt’altro che certo.

Il rifiuto palestinese

I palestinesi si sono rifiutati di seguire l’amministrazione Trump e hanno denunciato il suo primo stadio come un piano di risanamento economico da 50 miliardi.

La speranza della Casa Bianca era che se Trump riuscisse ad ottenere il sostegno di Netanyahu e Gantz per il piano, questo avrebbe contribuito a dare un po’ di slancio alla sua linea politica. 

Gantz, principale rivale politico interno di Netanyahu, la scorsa settimana ha sollevato la sua obiezione di pubblicare il piano prima delle elezioni israeliane di marzo.

“Non vedo l’ora di incontrare il presidente – un presidente amico dello Stato di Israele – su una questione molto importante per lo Stato di Israele – con ramificazioni nazionali, strategiche e di sicurezza”, ha detto Gantz mentre atterrava a Washington.

Ma Trump, preoccupato per la rielezione di novembre, non può permettersi di aspettare mesi affinché Israele decida il suo prossimo primo ministro.

Mediatore onesto?

I palestinesi hanno definito la proposta di Trump morta ancor prima della sua pubblicazione.

Il presidente palestinese Mahmoud Abbas ha affermato che Washington non può più essere considerata un onesto mediatore, accusandolo di pregiudizi a favore di Israele. Ciò ha fatto seguito a una serie di decisioni di Trump che hanno portato sgomento nei palestinesi.

Tra questi, il riconoscimento di Gerusalemme come capitale di Israele, il trasferimento dell’ambasciata americana da Tel Aviv a Gerusalemme e il taglio di centinaia di milioni di dollari in aiuti umanitari ai palestinesi.

Gli ostacoli a un accordo di pace includono l’espansione degli insediamenti israeliani sulle terre occupate e l’ascesa al potere a Gaza del movimento islamista Hamas, che è formalmente impegnato nella distruzione di Israele.

L’amministrazione Trump a novembre ha invertito decenni di politica americana quando il segretario di stato Mike Pompeo ha annunciato che Washington non considerava più gli insediamenti israeliani in Cisgiordania incompatibili con il diritto internazionale.

I palestinesi e la maggior parte della comunità internazionale considerano gli insediamenti illegali. Israele lo contesta.