Trizio Consulting

Il Messico in balia delle gang della droga

Il Messico in balia delle gang della droga
ilBuonsenso

Alla fine di giugno, più di due dozzine di uomini armati hanno lanciato un’imboscata sparando al capo della polizia di Città del Messico mentre il suo convoglio passava lungo la frondosa e iconica Reforma Avenue e spezzava la calma del quartiere più elegante della capitale, sede di ambasciatori, ministri del governo e magnati.

Usando fucili semiautomatici Barrett, gli assalitori hanno crivellato l’auto corazzata di Omar García Harfuch con oltre 400 colpi. Il capo della polizia, colpito tre volte, è sopravvissuto, riuscendo persino a inviare alcuni tweet dal suo letto d’ospedale dopo un intervento chirurgico di emergenza per assicurarsi che tutti sapessero chi aveva portato l’attacco: The Jalisco New Generation Cartel, considerato il più grande gruppo criminale in Messico.

Il cartello, che domina il commercio di fentanil e metanfetamine, è diventato la più potente organizzazione criminale del Messico, eclissando il più famoso cartello di Sinaloa, che un tempo era gestito dal signore della droga Joaquin “El Chapo” Guzman ed è ora gestito dai suoi figli. Attaccare direttamente le forze di sicurezza messicane e i dipendenti pubblici, lo ha reso il più grande pericolo per la fragile stabilità del paese, dicono ex e attuali funzionari della sicurezza.

La scorsa settimana, alcuni uomini armati hanno fatto irruzione in un centro di riabilitazione dalla droga nella città di Irapuato, nello stato messicano centrale di Guanajuato, e hanno ucciso 28 persone. Guanajuato, sede di migliaia di pensionati americani, nonché di importanti impianti di produzione automobilistica, è diventato il campo di battaglia più sanguinoso del Messico. È lì che il cartello di Jalisco sta combattendo le bande locali per strappare il controllo di un mercato da 3 miliardi di dollari di benzina.

Il cartello è diventato anche l’obiettivo n. 1 della US Drug Enforcement Administration, che ha messo in palio un premio di 10 milioni di dollari per avere informazioni per portare alla cattura del suo leader, Nemesio Oseguera, un ex ufficiale di polizia municipale messicano che era stato in Prigione in California per spaccio di eroina. Si ritiene che Oseguera si nasconda tra le montagne nel sud di Jalisco.

Nel suo rapporto annuale del 2019, la DEA ha affermato che il cartello ha hub di distribuzione a Los Angeles, New York, Chicago, Houston e Atlanta. Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti lo considera “il cartello più armato in Messico”.

Per i veterani delle lunghe guerre di droga dell’America Latina, gli attacchi alle forze di sicurezza messicane sono un inquietante promemoria della campagna condotta dal re della cocaina Pablo Escobar contro lo stato colombiano alla fine degli anni ’80, un’ondata di terrore che includeva l’assassinio di politici e giornalisti, l’abbattimento di un aereo di linea Avianca e il bombardamento di centri commerciali nella capitale.

Altri pensano che il cartello di Jalisco sia ancora molto lontano dagli attacchi mirati a civili innocenti come strumento per costringere il governo a ritirarsi. “Abbiamo ancora a che fare con criminali che vogliono fare soldi e non con narco-terroristi che vogliono imporre un’agenda politica“, ha dichiarato Manelich Castilla, ex capo della polizia federale del Messico. “Dovremmo fare di tutto per rafforzare l’agenda anti-criminale in modo da non dover affrontare in futuro un’agenda antiterroristica“.

Ciò che è chiaro, tuttavia, è che il cartello sta diventando sempre più audace.

Sin dai suoi inizi, il cartello di Jalisco non ha avuto paura di sfidare violentemente il governo messicano. Nel 2015, i membri del cartello hanno abbattuto un elicottero dell’aviazione messicana con una granata a propulsione, uccidendo otto soldati e una poliziotta. Era la prima volta che un gruppo criminale organizzato abbatteva un aereo militare.

Il CJNG, come è noto per le sue iniziali in spagnolo, ora opera in 27 dei 32 stati del Messico, rispetto a 16 stati nel 2015, secondo un recente rapporto dell’intelligence messicana. Mentre i cartelli rivali sono stati indeboliti dai conflitti interni, a volte divisi in dozzine di bande in guerra, il cartello di Jalisco ha mantenuto una leadership ampiamente unificata, ha detto un funzionario dell’intelligence messicana.

La banda è nota per l’addestramento e la tattica paramilitari. I soldati messicani hanno sequestrato fabbriche di fortuna nelle montagne di Jalisco dove i membri del cartello assemblano i loro fucili d’assalto, ha detto un ex capo della polizia di stato. In un campo abbandonato, le autorità locali hanno trovato una copia logora in inglese di “The Art of War” di Sun Tzu, il classico trattato militare cinese.

Alcuni analisti della sicurezza ritengono che il cartello stia rispondendo ai recenti colpi subiti da entrambe le parti del confine tra Stati Uniti e Messico.

Alcuni di quei colpi sono stati profondamente personali. A febbraio, Ruben Oseguera, 30 anni, figlio ed erede del leader del cartello, è stato estradato negli Stati Uniti per affrontare le accuse di droga a Washington. Il giovane Oseguera stava cercando di far annullare l’estradizione dal suo arresto nel 2015. Ma le estradizioni dal Messico agli Stati Uniti sono aumentate quest’anno dopo che il procuratore generale William Barr li ha resi prioritari nei colloqui con i principali funzionari messicani.

All’inizio di questo mese, un giudice federale e sua moglie sono stati uccisi a colpi d’arma da fuoco nello stato di Colima, che confina con Jalisco. Il giudice ha avuto un ruolo in una delle cause contro il giovane Oseguera.

Ruben Oseguera ha dichiarato di essere innocente di tutte le accuse contro di lui.

A giugno, il Ministero delle finanze messicano ha dichiarato di aver congelato quasi 2.000 conti bancari collegati al cartello di Jalisco. A marzo, gli Stati Uniti hanno dichiarato di aver arrestato oltre 600 persone negli Stati Uniti e di aver emesso circa 350 accuse di persone legate al cartello di Jalisco.

Per me il cartello di Jalisco sta facendo una crociata in nome della vendetta per le ingiustizie che ritengono di aver subito“, afferma Eduardo Guerrero, un analista di sicurezza messicano. “Siamo all’inizio di un’ondata di massacri e omicidi di funzionari di polizia e giudiziari. Fa parte di una strategia per mostrare forza al governo“.

Diversi analisti hanno affermato che la banda di Jalisco potrebbe anche essere stata aizzata dal favoritismo percepito dal presidente messicano Andrés Manuel López Obrador verso i loro principali rivali, la banda Sinaloa. Negli ultimi due anni, il presidente ha dichiarato di provare simpatia per “El Chapo” dopo che è stato condannato all’ergastolo negli Stati Uniti. Ha anche incontrato brevemente la madre del signore della droga, giurando di aiutarla a ottenere un visto negli Stati Uniti per visitare suo figlio. E l’anno scorso, ha ordinato il rilascio del figlio del Guzman, che le forze dell’esercito avevano arrestato, dopo che i sicari del cartello avevano attaccato la città. Il presidente ha detto che ha agito per evitare un bagno di sangue.

Finché il governo non attraversa una linea e favorisce un gruppo, alcune norme vengono mantenute“, ha affermato Sales. “Ma giustamente o erroneamente, il cartello di Jalisco ritiene che il governo abbia già superato quella linea. È così che sembra.

L’attentato alla vita del capo della polizia di Città del Messico, che comanda una forza di circa 90.000 ufficiali, rappresenta una sfida senza precedenti.

Il dipartimento di García Harfuch ha eseguito importanti arresti negli ultimi mesi nei confronti dei leader di due mafie in guerra a Città del Messico, una delle quali è alleata del cartello di Jalisco. Ma un alto funzionario di Città del Messico ha detto che l’attacco potrebbe essere stata una vendetta personale. García Harfuch era a capo della divisione di intelligence della polizia federale quando il figlio di Oseguera fu arrestato nel 2015.

La crescente assertività del cartello presenta a López Obrador un dilemma. Il presidente è entrato in carica nel 2018 con la promessa che avrebbe eliminato la spirale di violenza del Messico diminuendo la povertà. Finora, la violenza è aumentata ulteriormente e il Messico ha registrato un numero record di omicidi nel 2019.

Eliminare il cartello di Jalisco potrebbe portare alla frammentazione dell’organizzazione e ad una maggiore violenza interna, affermano alcuni analisti. Ma avvertono che se López Obrador non risponderà con forza, invierà un messaggio di debolezza al crimine organizzato.

López Obrador deve risolvere un enigma se agisce con forza, minerebbe la sua stessa retorica. Se non lo fa, i cartelli lo vedrebbero come un messaggio di impunità.