Trizio Consulting

L’India controlla 50 proposte di investimento di aziende cinesi

L’India controlla 50 proposte di investimento di aziende cinesi
Trizio Consulting

In base alle nuove regole annunciate dall’India, tutti gli investimenti di aziende con sede nei paesi vicini devono essere approvati dal governo indiano, sia per finanziamenti nuovi che aggiuntivi. La Cina è il più grande di questi investitori e queste nuove regole hanno suscitato critiche da parte degli investitori cinesi e di Pechino, che hanno definito la politica discriminatoria.

Le nuove regole di investimento miravano a frenare le acquisizioni opportunistiche durante l’epidemia di coronavirus. Tuttavia, i dirigenti del settore affermano che un deterioramento delle relazioni bilaterali a seguito di uno scontro lungo il confine in cui sono stati uccisi 20 soldati indiani, potrebbe ritardare ulteriormente le approvazioni.

“Sono richiesti vari parametri. Siamo un po’ più cauti”, ha detto un alto funzionario del governo indiano a Nuova Delhi, quando gli è stato chiesto in merito all’impatto sulle domande di investimento dopo lo scontro di confine.

Il dipartimento delle industrie indiane sotto il ministero del commercio, che ha redatto la nuova politica, non ha risposto a una richiesta di commento.

Le fonti hanno rifiutato di nominare le società i cui investimenti sono in attesa di approvazione, a causa di problemi di riservatezza.

Il funzionario, e altre due fonti, hanno affermato che circa 40-50 domande di finanziamento da parte di investitori cinesi sono state presentate dopo la modifica della regola e sono attualmente in fase di revisione.

Una delle fonti ha affermato che diverse agenzie governative indiane, compresi i consolati indiani in Cina, hanno comunicato con gli investitori e i loro rappresentanti per chiedere chiarimenti sulle proposte.

Alok Sonker, partner dello studio legale indiano Krishnamurthy & Co, ha dichiarato che almeno 10 clienti cinesi hanno chiesto il suo consiglio nelle ultime settimane per investire in India, ma stavano aspettando una maggiore chiarezza sulle prospettive politiche in India.

L’incertezza nelle scadenze per l’approvazione degli investimenti sta dissuadendo le parti, sia indiane che cinesi, dal procedere normalmente” ha dichiarato Sonker.

La scorsa settimana l’India ha bandito 59 app mobili, principalmente cinesi, tra cui TikTok di Bytedance e WeChat di Tencent, nella sua mossa più forte ma mirando alla Cina nello spazio online da quando è scoppiata la crisi dei confini il mese scorso. La mossa ha potenzialmente disturbato i piani di espansione delle grandi imprese cinesi per il mercato dell’Asia meridionale.

Gli investimenti esistenti e pianificati delle società cinesi in India ammontano a oltre 26 miliardi di dollari, ha detto il gruppo di ricerca Brookings.