Europa, leggi più severe sul clima

Europa, leggi più severe sul clima

L’Unione europea sta valutando di rafforzare la legge climatica pianificata in precedenza con obiettivi di emissioni a breve termine più rigorosi e un impegno vincolante per ogni Stato membro a decarbonizzare entro il 2050.

Tali obiettivi sono richiesti se il mondo deve rimanere entro i limiti che gli scienziati ritengono necessari per evitare devastanti conseguenze del riscaldamento globale, ha affermato l’autore principale del documento, il legislatore svedese Jytte Guteland.

La Commissione europea, l’esecutivo dell’UE, ha proposto la legge a marzo alcune settimane prima che la pandemia di coronavirus causasse una crisi economica e che l’Europa si era impegnata ad affrontare con investimenti “verdi”.

Incentrato su un obiettivo giuridicamente vincolante di ridurre a zero le emissioni nette di gas a effetto serra dell’UE entro il 2050, la legge deve essere concordata con i governi e gli Stati membri per entrare in vigore.

In base a un progetto di proposta del parlamento sulla legge, ogni singolo paese dell’UE dovrebbe ridurre le proprie emissioni nazionali a zero entro il 2050 e raggiungere “eliminazioni” nette di gas a effetto serra dopo tale data.

Il progetto chiede inoltre che l’obiettivo per il clima dell’UE per il 2030 sia ridotto a una riduzione del 65% delle emissioni rispetto ai livelli del 1990, anziché alla riduzione del 50% o del 55% presa in considerazione dalla Commissione.

Guteland, che guida i colloqui del parlamento sulla legge sul clima, ha affermato che la proposta si adatta al percorso delle emissioni che gli scienziati ritengono possa evitare i catastrofici cambiamenti climatici.

“Gli scienziati stanno parlando dei limiti planetari. Se non limitiamo le nostre emissioni più velocemente durante i primi 10 anni, potremmo effettivamente andare oltre i limiti planetari “.

L’obiettivo proposto per il 2030 potrebbe avere difficoltà a ottenere il sostegno della maggioranza da parte dei partiti e potrebbe affrontare la resistenza della Commissione, che non ha incluso un obiettivo del 65% nella sua valutazione dei possibili obiettivi per il 2030 per il clima.

Rendere vincolanti gli obiettivi climatici dell’UE a livello nazionale potrebbe anche dissuadere i paesi preoccupati dai costi per raggiungere lo zero netto, che secondo la Commissione richiederebbe fino a 290 miliardi di euro di investimenti aggiuntivi ogni anno.

La Polonia è stato l’unico paese dell’UE a rifiutare di impegnarsi a raggiungere l’obiettivo di zero emissioni nette a zero del 2050, ma la Repubblica ceca ha chiesto che gli obiettivi climatici vengano abbandonati a causa della pandemia.

Giorgio Muscas

Giorgio Muscas

Esperto in criptovalute mi dedico all'economia e alla politica. Il giornalismo è la mia vera passione