Chi è Catiuscia Marini, di nuovo governatore dell’Umbria

Chi è Catiuscia Marini, di nuovo governatore dell’Umbria

Chi è Catiuscia Marini, candidata del centrosinistra, che si riconferma governatore della Regione Umbria con il 42,78% di voti? Non c’è stato niente da fare per gli altri tre candidati che non si aggiudicano la poltrona della Presidenza. In corsa, alle elezioni del 31 maggio, c’erano Claudio Ricci per il centrodestra, Andrea Liberati del Movimento5Stelle e Michele Vecchietti di Umbria per un’altra Europa.

Chi è Catiuscia Marini, neo governatore dell’Umbria

Catiuscia Marini, 48 anni, è laureata in Scienze Politiche. Dopo l’attività all’interno dei movimenti giovanili, ha iniziato la sua carriera politica nel 1998 quando è stata eletta sindaco di Todi per la coalizione di centrosinistra. Incarico che ha ricoperto per il secondo mandato nel 2002. Nel 2000 è stata nominata dall’UNICEF sindaco difensore ideale dei bambini, a seguito della promozione di progetti per la tutela dei diritti dell’infanzia con attività di cooperazione decentrata in Burkina Faso e Palestina.

Nel 2004 è stata eletta presidente regionale dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI) in Umbria. Dal 2008 al 2009 diventa eurodeputato al Parlamento europeo di Strasburgo iscritta al gruppo del Partito Socialista Europeo.

Il primo incarico alla presidenza della Regione arriva nel 2010 quando, vincendo le primarie del PD, diventa la candidata per l’area di centrosinistra. Alle elezioni si scontra con Fiammetta Modena del Popolo della Libertà e vince con il 57,23% di voti. Sempre nel 2010 diventa membro del Comitato delle regioni. È stata inoltre vicepresidente del gruppo PSE all’Europarlamento.

È coordinatrice vicario della Commissione salute e coordinatore della Commissione attività di cooperazione e iniziative per il dialogo e per la pace in Medio Oriente. Nel giugno del 2014 è stata rieletta primo vicepresidente del Comitato delle regioni.

Alle elezioni dello scorso 31 maggio viene riconfermata presidente ottenendo 159.869 voti con la coalizione formata da PD, Sinistra Ecologia Libertà e le liste Socialisti Riformisti e Civica e Popolare.

Le elezioni regionali 2015

Ecco alcuni dati sulle regionali 2015. Rispetto alle ultime elezioni nel 2010, si è registrato un calo del 10% dei votanti che domenica 31 maggio si sono recati alle urne per scegliere il governatore. L’affluenza è stata del 55,42%. Catiuscia Marini si è imposta sugli avversari con il 42,78%. Claudio Ricci del centrodestra ha raggiunto il 39,27%, Andrea Liberati del Movimento5Stelle ha guadagnato il 14,30%, mentre Michele Vecchietti di Umbria per un’altra Europa non è andato oltre l’1,56%.

 I commenti

«Ci tenevo – ha dichiarato Catiuscia Marini nella conferenza stampa indetta all’indomani dalla ri-elezione – a ringraziare tutti gli umbri e le umbre che mi hanno sostenuto, ma anche tutti quelli che, pur non votandomi, hanno esposto istanze che la prossima amministrazione si farà carico di rappresentare».

 Soddisfazione è stata espressa dal gruppo del Pse (Partito socialista europeo) al Comitato delle Regioni per la rielezione di Marini. «Le forze del centrosinistra hanno vinto le elezioni regionali in Umbria, regione tradizionalmente di sinistra». «Il programma vincente di Catiuscia Marini – dichiarano gli esponenti del Pse – è ancorato a una serie di priorità fondamentali,  con a cuore i giovani, e include il sostegno alle piccole e medie imprese, nonché misure volte a migliorare la salute pubblica, l’istruzione, ed i collegamenti di trasporto, anche tramite una utilizzazione efficace dei fondi strutturali europei».


Tag assegnati a questo articolo:
catiuscia marinigovernatoreumbria

Articoli correlati

Enrico Berlinguer: la storia di un grande statista

Enrico Berlinguer è stato un politico italiano; fu il segretario nazionale del partito Comunista Italiano (PCI) dal 1972 fino alla

Grillo. Nuovo direttorio dopo i problemi a Roma con Raggi

Novità in arrivo per il Movimento 5 Stelle. Il fondatore e leader Beppe Grillo ha pubblicato un articolo sul suo

Rai. No dal presidente all’accesso agli atti dell’elezione di Foa

Negato al Pd l’accesso agli atti della votazione di ieri con cui la commissione di Vigilanza sulla Rai ha eletto Marcello Foa alla