Il bug di Google Ads che mostra troppi annunci è davvero un errore?

Il bug di Google Ads che mostra troppi annunci è davvero un errore?

L’abbiamo visto numerose volte, in cui un bug induce Google a mostrare troppi annunci pubblicitari nei risultati di ricerca o le schede organiche non vengono caricate e Google mostra solo annunci. È raro, ma lo vediamo ogni tanto. Google ha recentemente confermato un bug in cui mostrava troppi annunci nei risultati mobili.

Google ha dichiarato su Twitter “Grazie per aver capito tutto questo: non intendevamo mostrare questi annunci extra: si trattava di un bug che ha avuto un impatto su un numero molto basso di query ed è già stato risolto”.

Pensiamo male?

Ogni tanto bisogna anche lasciarsi andare a piccole idee di “complotti”.
Può essere stato un bug, come sicuramente sarà, ma è possibile anche che sia un test per vedere se gli utenti se ne accorgevano e come, in quale modo reagivano ad una prima pagina tutta di advertising senza nessun risultato organico?

E’ pensabile che Google voglia dirottare i propri utenti su ricerche completamente a pagamento, magari gestite in collaborazione con gli interessi stessi dell’utente?

E ancora, davvero gli utenti se ne sarebbero accorti e avrebbero deciso che non gli andava bene? Su questo inizio ad avere dei dubbi. L’utente Google è ormai così abituato ad accettare tutto quello che gli viene propinato dal web e dai giganti di internet che probabilmente non avrebbe nessuna remora ad usare un motore completamente pubblicitario.

Miliardi di ricerche gratuite diventerebbero improvvisamente una valanga di soldi per Google. Miliardi di clic regalati che ora potrebbero anche diventare oro puro e rendere profitto. Dopotutto potrebbero anche solo immettere il doppio delle Ads, da 3 a 6 iniziali. Davvero qualcuno di arrabbierebbe?

Se fossi in Google un pensierino ce lo farei.

Alessandro Trizio

Alessandro Trizio

Consulente Senior di diritto sul web e analisi informatiche forensi. E' direttore del reparto di bonifica reputazionale e crisis management.


Articoli correlati

Non dimenticare Bing per la pubblicità del 2017

Quasi tutti i nuovi inserzionisti pay-per-click invariabilmente iniziano con AdWords. Google detiene una quota dominante del volume di ricerca negli Stati

Intelligenza artificiale e blockchain: selezionati gli esperti

Si sono concluse le selezioni per i Gruppi di esperti di alto livello che insieme al Ministero dello Sviluppo Economico

Come contare i click di una campagna Facebook

Facebook, con il suo immenso potenziale di raggiungere il pubblico, è certamente uno dei canali ormai irrinunciabili per la propria