Bolivia. Jeanine Añez promette presto nuove elezioni

Bolivia. Jeanine Añez promette presto nuove elezioni

Jeanine Añez era la vicepresidente del Senato e poco conosciuta anche nella sua nativa Bolivia prima che il presidente Evo Morales si dimettesse insieme al suo vice presidente e ai due capi del congresso.

Ora presidente ad interim, si ritrova a provare a tenere insieme la Bolivia abbastanza a lungo da organizzare nuove elezioni, mentre Morales, la più potente figura politica del paese, giura di tornare dopo essere fuggito in Messico.

Il paese ora richiede la pace. Il paese ora richiede elezioni eque e trasparenti “, ha detto la signora Añez, 52 anni, in una conferenza stampa venerdì. “Vogliamo vivere con la libertà e la democrazia“.

Anez, la cattolica

Conservatrice cattolica romana, Añez rappresenta un contrasto rispetto a Morales, un socialista indiano Aymara in una nazione in cui quasi la metà della popolazione è indigena. Dopo aver indossato la fascia presidenziale, portò con sé una Bibbia di grandi dimensioni mentre entrava nel palazzo nazionale.

Anez

Morales ha portato avanti obiettivi in gran parte secolari durante i suoi quasi 14 anni al potere. Una revisione costituzionale, tra le altre misure, rimosso il cattolicesimo romano come religione ufficiale. Il presidente aveva anche ordinato che tutte le Bibbie fossero portate fuori dal palazzo nazionale, sostituendole con cerimonie religiose indigene.

Sono una donna di fede, sono una donna di Dio“, ha detto la signora Añez, una madre divorziata di due figli. “Se sono nel palazzo, anche la Bibbia ci sarà.

Il nuovo potere

La Añez si è mossa rapidamente per consolidare il potere. Ha nominato un nuovo gabinetto e ha promesso di reprimere i manifestanti filo-morales che, cantando “guerra civile ora”, hanno minacciato di far cadere il suo governo. Si è impegnata a tenere nuove elezioni il prima possibile, dicendo: “La Bolivia non deve tornare ad avere un uomo forte“.

Una transizione turbolenta.

Gli scontri tra manifestanti pro-Morales e polizia sembravano intensificarsi venerdì notte quando almeno cinque persone sono state trovate morte e quasi 30 ferite vicino alla città centrale di Cochabamba.

Poiché Morales si è dimesso poco dopo che il comandante delle forze armate gli ha suggerito di farlo, i critici accusano la signora Añez di volersi impadronire della presidenza. La signora Añez ha respinto quelle accuse, dicendo che Morales ha minato la democrazia della Bolivia cercando di mantenere il potere attraverso la frode elettorale.

Il colpo di stato è stato di Evo Morales“, ha detto. “Ha un debito in sospeso con il paese“.

Molte persone la vedono come sprezzante rispetto gli indigeni del paese.

Ruben Hilari, un linguista Aymara nella città indigena di El Alto, ha affermato che il nuovo presidente sta governando con una Bibbia in una mano e una pistola nell’altra.

Presto vedrai la loro vera faccia“, ha detto a El Alto, dove le proteste contro la signora Añez hanno impedito alla compagnia petrolifera statale YPFB di trasportare carburante a La Paz.

In aggiunta alle preoccupazioni degli indigeni ci sono dichiarazioni apparentemente razziste che sono state pubblicate sull’account Twitter della Añez prima che diventasse presidente.

Razzismo o attacchi di Morales?

Un post sembra riferirsi alle credenze del popolo Aymara come “satanico” affermando che “nessuno ha sostituito Dio”. In un altro, una foto mostra un indigeno in abiti tradizionali con scarpe occidentali. Il messaggio, che sembra mettere in discussione la sua eredità indigena, dice: “I nativi? Guarda.”

Storyful, una società di intelligence sui social media di proprietà di News Corp, la società madre del Wall Street Journal, ha confermato che entrambi i tweet, uno pubblicato nel 2013 e l’altro all’inizio di questo mese, potevano essere visti sul suo profilo Twitter fino a mercoledì ma sono stati da poco rimossi.

Añez ha affermato di rispettare le culture indigene della Bolivia. Ha negato di scrivere i tweet, ha detto che sono falsi e fanno parte di una più ampia campagna diffamatoria – che include video pornografici volgari che circolano sui social media – orchestrata dai seguaci di Morales.

Ho visto alcuni di quei tweet, che non ho mai scritto“, ha detto la signora Añez. “Respingo tali azioni vili … Questa è una pratica che l’ex governo ha usato con i suoi famigerati guerrieri digitali.

Le contraddizioni di Anez

La Añez sta anche affrontando delle critiche sul fatto che non è stata una presidente neutrale. Il suo gabinetto è pieno di politici conservatori mentre il suo ministro delle comunicazioni ha minacciato di accusare i giornalisti di sedizione per aver suscitato tumulti.

Venerdì, il suo governo ha espulso i diplomatici venezuelani, accusando il regime di sinistra di sostenere proteste violente. Il leader venezuelano Nicolás Maduro è un alleato del signor Morales.

Questo presidente, dopo 48 ore, si comporta come se qualcuno l’avesse eletta“, ha affermato Jim Shultz, direttore esecutivo dell’organizzazione del Centro Democratico in Bolivia, che è stato in frequente contatto con i leader della Bolivia. “Questo è esattamente ciò di cui la Bolivia non ha bisogno in questo momento.

La sua storia

La più giovane di otto figli, la signora Añez è nata a San Joaquin, una cittadina agricola di 7000 abitanti nello stato settentrionale di Beni. Dopo aver conseguito la laurea in legge nella vicina città di Trinidad, ha lavorato come conduttrice Tg per le notizie TV. La sua crescente popolarità ha dato una spinta quando, seguendo le orme di suo padre e suo nonno, che ha anche prestato servizio nel congresso della Bolivia, è entrata in politica.

Nel 2006, l’anno in cui Morales ha prestato giuramento per la prima volta come presidente, è stata eletta in un’assemblea incaricata di scrivere una nuova costituzione. Mentre cercavano di fermare le misure che avrebbero messo più potere nelle mani del presidente, la Añez e altri delegati dell’opposizione furono molestati dai sostenitori del governo, compresi alcuni attivisti che tentarono di bloccare il loro ingresso nell’assemblea.

Sono stati giorni davvero difficili“, ha dichiarato Jorge Quiroga, ex presidente che ha lavorato con la Añez in campagne politiche. “È abituata alla pressione. Ha iniziato la sua carriera pubblica sotto il fuoco “.

Il suo tempo sotto i riflettori potrebbe però essere breve. Oltre alla minaccia di essere espulsa dai manifestanti, la Añez si è impegnata a tenere nuove elezioni presidenziali all’inizio del prossimo anno.

Ora, il suo governo deve revisionare il Supremo tribunale elettorale, molti dei cui membri sono stati arrestati dopo aver sorvegliato una votazione di ottobre che l’Organizzazione degli Stati americani ha dichiarato che era stata segnata da irregolarità. La nomina di un nuovo tribunale richiederà l’approvazione del Congresso, ma i membri del partito Movimento verso il socialismo di Morales, noto come MAS (che significa “più” in spagnolo), stanno boicottando le sessioni, impedendo ai legislatori di raggiungere un quorum.

Nuove elezioni a forza

Carlos Mesa, il leader dell’opposizione che è arrivato secondo rispetto a Morales nel voto di ottobre, ha affermato che se l’ostruzionismo continua, la Añez dovrebbe nominare il nuovo consiglio elettorale tramite decreto. Ha aggiunto che è vitale per la signora Añez convocare presto nuove elezioni, che dovrebbero svolgersi entro aprile.

Venerdì, Añez ha dichiarato che il suo governo sta discutendo con i funzionari della MAS, i quali vogliono che Morales ritorni in Bolivia. Il governo vuole che MAS annulli le proteste e cooperi nella nomina di un nuovo tribunale elettorale.

Manifestanti pro Morales
Manifestanti pro Morales

Il nuovo tribunale determinerebbe se il MAS può schierare un candidato presidenziale alle elezioni a causa del presunto ruolo del partito nella manipolazione delle votazioni del mese scorso, ha affermato la signora Añez. Giurò che se Morales fosse tornato in Bolivia, non gli sarebbe stato permesso di correre alle elezioni e avrebbe dovuto affrontare accuse penali.

C’è stato un crimine elettorale“, ha detto. “Se ritorna, ritorna. Ma sa che dovrà rispondere alla giustizia.

Solo poche settimane fa la Añez aveva programmato di abbandonare la politica, rinunciando al suo incarico al Senato boliviano per dare l’esempio di come i politici avrebbero dovuto cedere il potere. Tale piano è stato ritardato.

Se avesse corso per la rielezione avrebbe fatto quello che stava facendo Evo“, ha detto suo fratello, Juan Carlos Añez. Invece, “ha pianificato di trovare un lavoro come avvocato“.