Presidente Ramaphosa alla resa dei conti con i sindacati su South African Airways

Presidente Ramaphosa  alla resa dei conti con i sindacati su South African Airways

Il presidente Cyril Ramaphosa è alla resa dei conti con i potenti sindacati del Sudafrica che hanno indetto uno sciopero a tempo indeterminato per i tagli ai posti di lavoro e alle retribuzioni della compagnia di bandiera di proprietà statale South African Airways.

Migliaia di persone sono state bloccate dalle cancellazioni dei voli negli aeroporti sudafricani mentre il personale dell’ASA vuole tagliare circa un quinto dei posti di lavoro presso la compagnia aerea ormai quasi in fallimento, una volta la più grande dell’Africa.

Perdite per 1,6 miliardi di dollari

Lo sciopero di SAA, che ha subito perdite di 1,6 miliardi di dollari dal 2011, è il primo punto di scontro tra il governo Ramaphosa e i sindacati sui suoi piani di ristrutturazione delle società statali distrutte del Sudafrica.

I costi di gestione dell’ASA, il monopolio del potere a rischio di blackout Eskom e le imprese afflitte dalla corruzione stanno pesando pesantemente sulle difficili finanze pubbliche del paese. I salari del settore pubblico sudafricano si sono gonfiati di due terzi in un decennio e con il costo dei prestiti in aumento dopo successivi declassamenti, Ramaphosa ha pochi margini di manovra.

La madre di tutti gli scioperi

Le associazioni di categoria aeroportuale e il sindacato nazionale dei metalmeccanici hanno promesso “la madre di tutti gli scioperi” per chiedere sicurezza sul lavoro e salari più elevati. “Questo è uno sciopero indefinito. Se pensano che stiamo scherzando non hanno capito nulla ”, ha detto Irvin Jim, capo del sindacato dei metalmeccanici.

Ma il governo ha risposto con una linea dura. Alla vigilia dello sciopero Pravin Gordhan, il ministro incaricato della supervisione dei gruppi statali, ha parlato agli investitori statunitensi della compagnia aerea: “Se è necessario prendere alcune decisioni difficili, le prenderemo“, ha dichiarato Gordhan.

È probabile che lo sciopero sia il primo di una serie di scontri previsti tra il governo e il potente movimento sindacale sudafricano.

È la prima indicazione che abbiamo dal governo che sono pronti a portare la battaglia dai sindacati all’interno delle imprese statali“, ha dichiarato Daniel Silke, analista politico.

Una lotta ancora più grande si profila sull’impegno di Ramaphosa di dividere Eskom, che genera quasi tutto il valore che guida la nazione più industriale dell’Africa.

Saa è sacrificabile

Contrariamente a Eskom, SAA è più piccola e considerata più sacrificabile, ha affermato Silke. Ha aggiunto che SAA è stato “un test in un certo senso per il governo, dato lo stato molto precario dei suoi conti“.

SAA non è riuscita a produrre nessun profitto negli ultimi due anni e i membri del consiglio affermano che è tecnicamente insolvente. Sta tentando di rifinanziare i suoi debiti e raccogliere capitale circolante per sopravvivere.

La compagnia aerea è stata devastata sotto la presidenza di Dudu Myeni, un amico intimo dell’ex presidente Jacob Zuma, secondo un’indagine giudiziaria sulla cattiva condotta sotto l’ex leader. Myeni, che è arrivata nel 2017, ha negato qualsiasi illecito.

Gli scandali hanno portato SAA ha lottare per adattarsi alla concorrenza internazionale sempre più dura, in particolare da altri vettori statali in Africa come Ethiopian Airlines.

Tito Mboweni, il ministro delle finanze, ha dichiarato di non essere disposto a continuare a salvare SAA in quello che dice essere un efficace sussidio per la classe media in una delle società più disuguali del mondo.

I dirigenti di SAA hanno affermato che il crollo della compagnia avrebbe innescato richieste per il rimborso immediato di 2,7 miliardi di dollari di debiti che il governo Ramaphosa avrebbe dovuto pagare, date le garanzie statali su alcuni prestiti della compagnia aerea.

Giorgio Muscas

Giorgio Muscas

Esperto in criptovalute mi dedico all'economia e alla politica. Il giornalismo è la mia vera passione