Bolivia. Elvo Morales si dimette

Bolivia. Elvo Morales si dimette

Il presidente della Bolivia Evo Morales, che è salito al potere più di un decennio fa, si è dimesso dopo implacabili proteste di una popolazione infuriata che lo ha accusato di aver indebolito la democrazia e di estendere il suo dominio con affari e politica.

Morales e il suo vice presidente, Álvaro García Linera, che ha anche lui rassegnato le dimissioni, hanno affermato che la loro decisione è maturata per fermare lo spargimento di sangue che si è diffuso in tutto il paese nelle ultime settimane. Ma non hanno ammesso alcuna colpa, anzi: “Il colpo di stato è stato portato a termine“, ha dichiarato García.

Morales era molto popolare ed è rimasto alla presidenza più a lungo di qualsiasi altro capo di stato in America Latina. Fu il primo presidente locale in un paese che era stato guidato per secoli da una piccola élite di discendenza europea e ha guidato la Bolivia attraverso un’era di crescita economica e riduzione delle disuguaglianze, ottenendo il sostegno dei boliviani che lo videro come il primo vero rappresentante del popolo.

Il discorso di Morales

Voglio dire a voi, fratelli e sorelle, che la lotta non finisce qui“, ha dichiarato Morales in un discorso televisivo. “I poveri, i movimenti sociali, continueranno in questa lotta per l’uguaglianza e la pace.” “Fa molto male“, ha aggiunto.

La riluttanza di Morales a rinunciare al potere – prima piegando le leggi del paese per sostenere una quarta elezione, poi insistendo sul fatto di aver vinto nonostante le preoccupazioni diffuse su brogli elettorali – lo ha lasciato scoperto alle proteste, abbandonato dagli alleati e incapace di contare sulla polizia e sulle forze armate, che si sono schierate con i manifestanti. Mentre il paese scivolava in un tumulto più profondo i manifestanti hanno espresso la loro paura della traiettoria della Bolivia sotto Morales. “Questa non è Cuba, non è il Venezuela!” hanno cantato a La Paz, la città principale della Bolivia. “Questa è la Bolivia, e la Bolivia sarà rispettata“. La partenza di Morales è un risultato di grande valore per ristabilire una pace sociale, che manca all’America Latina negli ultimi mesi. Le proteste in strada, atti di vandalismo e approfondimento della polarizzazione politica – sono dinamiche esacerbate da economie sottoperformanti e crescente indignazione per la disuguaglianza.

La fine di Morales

L’inizio della fine per Morales è arrivato quando alcune piccole unità di polizia hanno annunciato in modo drammatico che si sarebbero staccate dal governo e si sono poi uniti ai manifestanti arrabbiati per il sospetto che le elezioni del 20 ottobre fossero state truccate. Gli ufficiali di La Paz sono stati tra i primi a unirsi alla rivolta. Inizialmente, molti sono scesi in strada con bandane o maschere chirurgiche che coprivano il viso, apparentemente spaventati di essere identificati. Ma man mano che i loro numero cresceva, hanno abbandonato le maschere e hanno usato i megafoni per rivolgersi ai manifestanti.

La polizia a fianco del popolo

Il nostro dovere sarà sempre la difesa del popolo“, ha detto una donna ufficiale in un discorso televisivo. “La polizia è con il popolo!

Quando i boliviani sono andati alle urne in ottobre, molti avevano espresso la speranza che il presidente sarebbe stato battuto in una tornata elettorale dopo la sua schiacciante vittoria nel 2005. Scritte sui muri denunciavano che Morales era in pratica un “dittatore” quetse scritte erano dappertutto nella capitale. L’opposizione si è sentita vittoriosa quando i primi risultati hanno mostrato che Morales avrebbe dovuto affrontare un forte calo di consensi, non riuscendo a ritagliarsi il margine di 10 punti percentuali necessario per una vittoria assoluta. Quello scenario era potenzialmente rovinoso per Morales perché altri candidati dell’opposizione avevano appoggiato invece Mesa.

Disordini e manifestazioni in Bolivia
Disordini e manifestazioni in Bolivia

Senza spiegare perché, i funzionari elettorali hanno smesso di rilasciare informazioni sul conteggio dei voti per 24 ore. La sera dopo le elezioni, hanno annunciato un aggiornamento straordinario: Morales aveva vinto in modo definitivo, con abbastanza voti per evitare un secondo turno. I leader dell’opposizione e gli osservatori internazionali hanno gridato allo scandalo, dicendo che la svolta di Morales era una assoluta falsità. I mob arrabbiati hanno attaccato gli edifici elettorali in tutto il paese, dando fuoco ad alcuni. Nei giorni successivi, grandi manifestazioni e scioperi hanno paralizzato gran parte del paese. Morales ha difeso il suo trionfo elettorale come legittimo e ha invitato i sostenitori a scendere in piazza come atto di forza. L’Organizzazione degli Stati americani, che ha monitorato le elezioni del 20 ottobre, ha pubblicato una relazione preliminare che delineava le irregolarità e ha affermato che il voto doveva essere annullato.

La richiesta di dimissioni

Lo stesso giorno, Morales ha chiesto una nuova elezione, in una concessione straordinaria di fronte alla furia del suo stesso popolo e alle crescenti prove di frode elettorale – ma queste mosse avevano scarsi risultati. Inarrestabili, manifestanti e leader dell’opposizione hanno rinnovato le richieste di dimissioni di Morales. “Evo Morales ha infranto l’ordine costituzionale – deve andarsene”, ha dichiarato Luis Fernando Camacho, uno dei principali leader della protesta.

La presa sul potere del presidente è apparsa sempre più tenue con il proseguire delle proteste. Diverse figure di spicco del suo partito si sono dimesse e le forze armate hanno lanciato operazioni che sembravano intese a proteggere i manifestanti da bande violente di sostenitori di Morales che hanno ucciso diversi manifestanti e ne hanno ferito decine. Mesa, ex presidente arrivato secondo nelle elezioni falsate da Morales, ha affermato che i partiti politici del Paese avrebbero dovuto riunirsi e organizzare un nuovo voto.

Quindi si è scagliato contro il presidente e il vicepresidente per “questa frode e i disordini sociali che hanno portato a diverse morti e centinaia di feriti“. Michael Kozak, il massimo diplomatico presso il Dipartimento di Stato che sovrintende alla politica dell’America Latina, ha approvato la chiamata ad una nuova elezione.

Molti boliviani hanno visto la quarta offerta presidenziale di Morales come un affronto alle norme democratiche del paese. Nel 2016, Morales aveva chiesto agli elettori di eliminare il limite di due termini stabilito dalla Costituzione del 2009, che è stata redatta e approvata durante il primo mandato del presidente. Gli elettori hanno respinto in modo netto la proposta in un referendum – che, secondo la legge boliviana, avrebbe dovuto essere vincolante. Ma Morales ha trovato una soluzione alternativa. La Corte costituzionale, che è formata dai suoi fedelissimi, ha ritenuto che questo termine limiti i diritti umani, dando a Morales il diritto di candidarsi a tempo indeterminato.

Le dimissioni

Morales, un membro degli indigeni Aymara
Morales, un membro degli indigeni Aymara

Durante la campagna elettorale di quest’anno, Morales ha dichiarato alla giornalista brasiliana Silvia Colombo che pensava che il suo paese avesse bisogno di lui al timone. “Non so cosa farei se non fossi presidente“, ha dichiarato Morales. “La Bolivia è la mia vita e la mia famiglia“. Morales, un membro degli indigeni Aymara, è diventato famoso come leader sindacale per i coltivatori di foglie di coca. La sua ascesa verso la capitale fu un momento di trasformazione per un paese in cui gli indigeni avevano subito anni di abusi, violenze e discriminazione. A suo avviso, la struttura di potere del paese è stata ribaltata. Oggi le donne occupano quasi la metà dei seggi al Congresso e gli indigeni dominano più che mai. Il suo primo mandato coincise anche con un boom delle materie prime che permise a lui e ad altri leader di sinistra in America Latina di sollevare milioni di persone dalla povertà attraverso sussidi e patrocinio politico.

Una delle nazioni più povere del mondo, la Bolivia, ha utilizzato i proventi delle esportazioni di gas naturale per sovralimentare la sua economia. Il suo partito, il Movimento per il socialismo, è stato a lungo la forza politica dominante del paese, controllando entrambe le aule del Congresso. Gli oppositori hanno lottato per competere con Morales a causa del suo enorme supporto nella popolazione, ma hanno anche affrontato un enorme rischio personale. Morales ha inserito alleati nella magistratura e li ha scatenati contro i rivali politici, molti dei quali sono stati messi in prigione o sono andati in esilio.

Alessandro Capuano

Alessandro Capuano

Romano d’adozione, mi occupo di digitale da quando, a 12 anni, mi hanno regalato la prima console. Sono un fotografo incompetente ma curioso. La politica economica mi appassiona da sempre.

Leggibilità
20di 5
Fact Checking
20di 5

5

5 di 5
Eccellente