Hong Kong. La polizia non è in grado di fare il suo lavoro

Hong Kong. La polizia non è in grado di fare il suo lavoro

La polizia di Hong Kong non ha la capacità di condurre un’indagine interna sulla gestione da parte delle forze di polizia di mesi di proteste in città. Lo ha detto un gruppo di esperti nominato dal governo dell’enclave in un dossier poi pubblicato.

Le conclusioni del rapporto sono un duro colpo per Hong Kong, il direttore generale Carrie Lam, che ha insistito sul fatto che l’Independent Police Reclaints Council (IPCC) è in grado di condurre un’indagine indipendente è stato quindi contestato. I risultati rafforzeranno anche i manifestanti, che da mesi chiedono un’indagine indipendente sulla polizia. L’IPCC di Hong Kong ha una carenza di “poteri e capacità investigative indipendenti necessarie per far corrispondere la portata degli eventi e gli standard richiesti da un controllo internazionale della polizia che opera in una società che valorizza le libertà e i diritti“, questo quanto detto dal membro del panel Clifford Stott. “Rimangono limiti strutturali nella portata e nei poteri dell’indagine IPCC, che ne impediscono la capacità di stabilire un corpus di prove coerente e rappresentativo“, si legge nella nota.

Proteste ad Hong Kong

Ha continuato aggiungendo che l’IPCC potrebbe essere in grado di fornire solo una “relazione intermedia, con fatti limitati ma sufficienti per consentire di trarre conclusioni preliminari su alcuni dei partecipanti della protesta, la gestione di eventi chiave e l’evoluzione dei disordini ”. Un’indagine indipendente sulle forze di polizia è una delle cinque richieste chiave dei manifestanti di Hong Kong. Solo una richiesta – il ritiro totale di una controversa legge di estradizione che avrebbe permesso alla Cina di processare sospetti criminali nel sistema giudiziario continentale – è stata soddisfatta. Gli esperti affermano che i risultati del rapporto potrebbero costringere il governo a intraprendere ulteriori azioni. “Ciò eserciterà ulteriori pressioni su Hong Kong e sul governo centrale affinché concordino l’istituzione di una vera commissione d’inchiesta indipendente“, dice Jean-Pierre Cabestan, professore di scienze politiche all’Università battista di Hong Kong.

“E’ ormai dimostrato che l’IPCC è mal equipaggiato per condurre un’indagine indipendente sulla brutalità della polizia – una mancanza di capacità che molti nella comunità di Hong Kong hanno sospettato fin dal primo giorno”. Tuttavia, in una conferenza stampa Hong Il leader di Kong Carrie Lam ha respinto questi risultati.

Queste opinioni sono da prendere in considerazione per il consiglio dell’IPCC e non spetta a me commentare i consigli individuali forniti da esperti stranieri“, ha detto ai giornalisti. “Ciò che l’IPCC sta intraprendendo è un esercizio molto difficile e complesso e sono fiducioso che l’IPCC non risparmierà alcuno sforzo“. Il panel – composto da cinque esperti di tattiche di polizia di Regno Unito, Australia, Nuova Zelanda e Canada – è stato nominato da l’IPCC all’inizio di settembre per fornire consulenza sulle sue pratiche e procedure. Le forze di polizia di Hong Kong hanno dovuto affrontare contraccolpi pubblici per la gestione delle proteste. Il gruppo per i diritti umani Amnesty International ha criticato la “tattica sconsiderata e indiscriminata” della forza e l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha affermato che l’estensione della violenza durante i mesi di agitazione garantisce un’indagine indipendente e imparziale.

La dichiarazione del panel è stata emessa quando Hong Kong è stata presa dal suo 23° fine settimana consecutivo di proteste anti-governative. Le tensioni sono aumentate dopo che uno studente universitario di 22 anni è morto diversi giorni dopo aver riportato ferite durante una caduta dal terzo piano al secondo piano di un parcheggio, vicino alla scena di una battaglia di strada tra manifestanti e polizia. Un altro manifestante era in condizioni critiche dopo che la polizia aveva sparato poiché i manifestanti hanno causato gravi interruzioni alle reti di trasporto. “Dopo quello che è successo lo scorso fine settimana e questa mattina la commissione è più che mai necessaria come primo passo per trovare una soluzione all’attuale crisi“, afferma Cabestan.