Elezioni in Spagna. Primi sondaggi: ancora tanta confusione

Elezioni in Spagna. Primi sondaggi: ancora tanta confusione

Le elezioni spagnole sembrano non aver spezzato l’impasse politico, dando il primo posto ai socialisti su una quota ridotta del voto, mentre il partito Vox di estrema destra ha fatto un grande progresso, secondo un sondaggio.

Un altro sondaggio effettuato su 15.000 persone per la televisione di stato ha indicato che i socialisti sarebbero scesi da 123 seggi nella Camera dei deputati che ha in totale 350 seggi tra 114 e 119. Il sondaggio non era un exit poll anche perché precedenti sondaggi di questo tipo non avevano sempre previsto accuratamente i risultati. Portavoce dei socialisti hanno dichiarato alla televisione che i risultati del sondaggio non erano però in linea con i loro dati. Ma le tendenze dell’indagine, se confermate, complicherebbero enormemente la formazione di un governo stabile dopo una campagna oscurata dalla crisi in Catalogna e dall’ascesa dell’estrema destra.

Le elezioni sono state innescate dal fallimento di Pedro Sánchez, primo ministro, nella conquista del sostegno del parlamento per formare un governo. Secondo i risultati del sondaggio, Vox sarebbe diventata la terza più grande forza in parlamento, con 56-59 seggi, più del doppio dei 24 conquistati nelle ultime elezioni, appena sei mesi fa. Il principale partito di opposizione sarebbe aumentato a 85-90 seggi, da 66 – un aumento considerevolmente più piccolo di quanto si aspettasse – mentre il partito Ciudadanos sarebbe crollato da 57 seggi a 14-15, secondo il sondaggio GAD3. Il numero di deputati del partito Podemos della sinistra radicale scenderà a 30-34 seggi da 40, ma un partito di sinistra più piccolo, Más País, entrerebbe al Congresso con tre deputati. L’affluenza è diminuita di circa 1,5 milioni rispetto le ultime elezioni di aprile, quando hanno votato oltre 26 milioni di persone.

Alle 18 ora locale spagnola, con ancora due ore di votazione, il tasso di partecipazione alle elezioni era di circa il 56,5 per cento. Circa quattro punti percentuali al di sotto della cifra registrata alla stessa ora alle elezioni di aprile, quando la forte affluenza della base del partito socialista lo aiutò a raggiungere il primo posto. È in gioco la composizione della camera dei deputati e del Senato di 208 membri. “Vi sono 100 seggi che dipendono da margini di voto molto stretti“, ha dichiarato Ignacio Torreblanca del Consiglio europeo per le relazioni estere. “Il fatto che le parti abbiano qualche punto percentuale in più o in meno, in particolare intorno al livello del 12% o, per la parte che arriva per prima, circa il 30%, può avere un impatto molto alto sulla distribuzione dei seggi“.

È difficile prevedere come questa elezione porti fuori dalla crisi in cui ci troviamo“, ha detto Pablo Simón, professore di politica all’università Carlos III di Madrid. “Potrebbe benissimo produrre un governo di breve durata e molto debole“. I sondaggi indicano anche che i partiti di destra hanno beneficiato di una reazione in gran parte della Spagna alle proteste per l’indipendenza in Catalogna che inizialmente a volte si sono trasformate in violenza.

Mentre Sánchez ha cercato di sostenere una risposta “ferma, proporzionata” alle proteste – che sono state scatenate dalle pene detentive per nove politici catalani a favore dell’indipendenza – i partiti di estrema destra hanno chiesto un’azione più dura. “Sánchez ha commesso un errore di base che è molto difficile da capire apparentemente non conoscendo che i verdetti nel caso catalano andrebbero a beneficio del diritto“, ha affermato Torreblanca. “La grande domanda per Vox è quanti voti della classe operaia ottiene“, ha aggiunto, sottolineando che gran parte del supporto iniziale del gruppo di estrema destra è stato tra i gruppi a reddito più elevato. Prima del voto, Santiago Abascal, leader di Vox, ha chiesto il sostegno degli elettori di sinistra tradizionali che si sono sentiti “abbandonati” dai socialisti e ha affermato che altri partiti erano “in preda al panico” per l’ascesa del suo partito di estrema destra.

Giorgio Muscas

Giorgio Muscas

Esperto in criptovalute mi dedico all'economia e alla politica. Il giornalismo è la mia vera passione