Trizio Consulting

Bielorussia in subbuglio. La Russia espande la sua influenza

Bielorussia in subbuglio. La Russia espande la sua influenza
ilBuonsenso

Mentre la rabbia cresce in Bielorussia per la gestione delle elezioni presidenziali, la Russia si è mossa rapidamente per congratularsi con il presidente Alexander Lukashenko per la sua vittoria elettorale e per avere legami più forti con il suo vicino in vista di una seconda notte di proteste.

La Russia e la Bielorussia sono strettamente legate dalla lingua e dalla cultura. La Bielorussia una volta era uno stato sovietico ed è strategicamente situata nel centro dell’Europa orientale, sul fianco occidentale della Russia. Negli ultimi anni, il signor Lukashenko ha cercato un rapporto più stretto con l’Europa e gli Stati Uniti, infastidendo il Cremlino.

Ma ora il presidente russo Vladimir Putin sembra individuare un’opportunità per ristabilire la sua influenza in Bielorussia sostenendo Lukashenko dopo un’ondata di proteste senza precedenti dopo il voto di domenica. Nel suo messaggio al leader bielorusso, Putin ha affermato di sperare che i due paesi espandano la loro integrazione, basandosi su legami economici e di sicurezza già forti.

Il calcolo di Putin è che mentre Lukashenko affronta una sfida crescente da parte della popolazione bielorussa … non ha altro posto a cui rivolgersi se non Mosca“, ha detto Dmitri Trenin, direttore del Carnegie Moscow Center. Gli Stati Uniti finora sembrano voler rimanere in disparte. Alcuni dei sostenitori di Lukashenko potrebbero essere disposti a lasciarlo cadere dopo 26 anni al potere, ha detto Trenin.

Un conteggio preliminare ha assegnato al leader bielorusso l’80% dei voti, nonostante la crescente rabbia per la sua gestione dell’economia in difficoltà e un elenco crescente di presunte violazioni dei diritti umani. Decine di migliaia di persone si sono riversate nelle strade della capitale, Minsk e in altre città, scontrandosi con la polizia antisommossa, dopo che gli exit poll hanno proiettato una vittoria schiacciante per il signor Lukashenko.

La polizia si è nuovamente mossa per arrestare i manifestanti a Minsk e in altre città a livello nazionale. I filmati caricati sui social media hanno mostrato la polizia antisommossa mascherata che insegue i manifestanti con i manganelli mentre scappavano. Altre immagini hanno mostrato la polizia che utilizzava gas lacrimogeni, proiettili di gomma e granate assordanti per disperdere la folla in aumento, mentre sono emerse notizie di dimostranti che costruivano barricate.

Molti manifestanti hanno affermato che i risultati delle elezioni sono stati manipolati, così come il principale avversario di Lukashenko, Svetlana Tikhanovskaya. Una donna di 37 anni salita sul ring per unire l’opposizione dopo che suo marito, un popolare YouTuber, è stato arrestato per presunta istigazione ai disordini, ha raccolto poco meno del 10% dei voti.

La Tikhanovskaya non è stata raggiunta per un commento, ma lunedì ha detto ai giornalisti a Minsk di essere la legittima vincitrice delle elezioni di domenica e ha sollecitato una transizione pacifica del potere. I media locali hanno riferito che aveva presentato una denuncia alla commissione elettorale chiedendo che i risultati fossero invalidati e le schede elettorali fossero ricontate.

Gli Stati Uniti hanno esortato il governo bielorusso ad astenersi dall’uso della forza. “Gravi restrizioni all’accesso alle schede elettorali per i candidati, il divieto di osservatori locali indipendenti e seggi elettorali, intimidazioni di candidati dell’opposizione e poi la detenzione di manifestanti pacifici e giornalisti hanno rovinato il processo, e chiediamo al governo bielorusso di rispettare il diritto di riunirsi pacificamente e di astenersi dall’uso della forza “, ha detto il segretario stampa della Casa Bianca Kayleigh McEnamy in un briefing.

In una dichiarazione congiunta, il presidente polacco Andrzej Duda e il suo omologo lituano, Gitanas Nauseda, hanno invitato le autorità bielorusse a sostenere gli standard democratici di base.

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha affermato che la Bielorussia deve proteggere i diritti fondamentali, compresa la libertà di parola e il diritto alla protesta pacifica.

Lukashenko sarà una figura molto più debole anche se rimarrà presidente“, ha detto Daragh McDowell, capo dell’Europa e principale analista russo presso Verisk Maplecroft, una società di ricerca specializzata in rischio globale con sede nel Regno Unito. “Senza una base di appoggio nella società, il suo regime diventerà interamente dipendente da una forte presenza di polizia militarizzata che isolerà la Bielorussia dal resto dell’Europa e aumenterà la sua dipendenza da Mosca“.

Se Lukashenko dovesse cadere, gli analisti politici hanno detto che la Russia sarebbe ansiosa di vedere un partner conforme installato a Minsk.

La Bielorussia è troppo importante per la Russia per rinunciarvi“, ha detto Trenin.