Trizio Consulting

Von der Leyen umiliata. Charles Michel non si scusa

Von der Leyen umiliata. Charles Michel non si scusa
Trizio Consulting

Charles Michel dell’UE si dice triste per la gaffe che ha lasciato Ursula von der Leyen senza un posto adeguato durante una riunione ad alto livello in Turchia, ma non si scusa.

E’ su tutti i media del mondo il momento imbarazzante dove Michel e il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan hanno preso i due posti principali, lasciando von der Leyen a chiedersi dove dovesse sedersi. Alla fine, si è dovuta sedere su un divano, a una certa distanza dai due uomini.

L’incidente arriva in un momento in cui la Turchia è sotto i riflettori sui diritti delle donne dopo il ritiro dalla Convenzione di Istanbul, un trattato internazionale sulla prevenzione della violenza domestica.

Ma Michel, presidente del Consiglio europeo, non è sfuggito alle critiche. Non ha offerto il suo posto a von der Leyen – la prima donna presidente della Commissione europea – nonostante entrambi fossero di pari rango.


Michel, difendendosi poi su Facebook, ha scritto: “La rigida interpretazione delle regole di protocollo da parte dei servizi turchi ha prodotto una situazione angosciante: il trattamento differenziato, se non ridotto, del presidente della Commissione europea

Le poche immagini che sono state mostrate hanno dato l’impressione che io sia stato insensibile a questa situazione. Niente è più lontano né dalla realtà né dai miei sentimenti profondi. Né dai principi di rispetto che mi sembrano essenziali“.

Usando la prima persona plurale, Michel ha detto che sia lui che von der Leyen hanno preferito concentrarsi sulla sostanza della discussione con il presidente Erdoğan, che includeva i diritti delle donne, invece di aggravare l’incidente.

Sono triste per due motivi“, ha detto Michel alla fine della sua dichiarazione.

“In primo luogo, dall’impressione data nei confronti di Ursula. Tanto più che sono onorato di partecipare a questo progetto europeo, di cui fanno capo due grandi istituzioni su quattro donne, Ursula von der Leyen e Christine Lagarde.

“Infine, sono rattristato, perché questa situazione ha messo in ombra l’importante e benefico lavoro geopolitico che abbiamo svolto insieme ad Ankara e di cui spero che l’Europa raccolga i frutti”.

“Le richieste da parte dell’UE sono state soddisfatte”, ha detto il ministro degli esteri turco Mevlüt Çavuşoğlu. “Ciò significa che la disposizione dei posti a sedere è stata effettuata secondo i loro suggerimenti. Le nostre unità di protocollo si sono riunite in precedenza e le loro richieste sono state soddisfatte”.

La gaffe ha toccato un nervo scoperto tra i deputati, che, a differenza dei governi nazionali, sono più inclini a criticare la Turchia in termini espliciti.

Le eurodeputate erano particolarmente arrabbiate. Sophie in ‘t Veld, del gruppo liberale Renew Europe, ha condiviso su Twitter le foto di precedenti riunioni UE-Turchia, in cui l’allora presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker è seduto su un piano di parità con l’allora presidente del Consiglio europeo Donald Tusk .

Il Partito popolare europeo (PPE), il gruppo più numeroso al Parlamento europeo, ha dichiarato giovedì mattina che richiederà un dibattito – alla presenza di Michel e von der Leyen – per scoprire cosa è successo esattamente ad Ankara.

La visita ad Ankara dei Presidenti von der Leyen e Michel avrebbe dovuto essere un messaggio di fermezza e di unità dell’approccio dell’Europa alla Turchia. Sfortunatamente, si è tradotta in un simbolo di divisione in quanto i presidenti non sono riusciti a stare insieme quando era necessario. più dalla politica estera europea “, ha affermato il presidente del PPE Manfred Weber.

Il PPE, di cui la stessa von der Leyen appartiene in quanto membro dell’Unione Democratica Cristiana (CDU) tedesca, vuole anche discutere gli impegni dell’UE presi con la Turchia in materia di visti e unione doganale, le tensioni nel Mediterraneo orientale e le relazioni con Cipro.

Iratxe García Pérez, presidente del gruppo Socialisti e Democratici (S&D), ha detto che il suo gruppo chiederà anche che un dibattito sulla visita ad Ankara sia incluso nell’ordine del giorno della prossima tornata del Parlamento, prevista per la settimana di lunedì, aprile 26. Il leader socialista aveva precedentemente affermato che l’episodio “sofagate” era “vergognoso”.