Usa. William Barr ordina le prime esecuzioni federali in quasi due decenni

Usa. William Barr ordina le prime esecuzioni federali in quasi due decenni

Il governo federale riprenderà le esecuzioni sui detenuti nel braccio della morte dopo quasi due decenni di pausa, lo ha annunciato il Dipartimento di giustizia americano.

Il procuratore generale William Barr ha ordinato all’Ufficio delle carceri di programmare le esecuzioni di cinque detenuti condannati per omicidio e altri crimini. Le esecuzioni sono state programmate per dicembre 2019 e gennaio 2020.

Il dipartimento ha anche annunciato un nuovo protocollo di esecuzione, sostituendo il cocktail a tre farmaci precedentemente utilizzato nelle esecuzioni federali con il singolo farmaco, pentobarbital.

L’ultima esecuzione federale è stata effettuata nel 2003. Ci sono 62 persone nel braccio della morte federale, secondo un tracker gestito dal Centro informazioni sulla pena di morte.

La Corte Suprema ha messo al bando le leggi statali e federali sulla pena di morte nella decisione del 1972 Furman contro Georgia. La sentenza ha quindi invalidato le leggi in teoria, ma non ha vietato la pena di morte, portando gli Stati e il governo federale a redigere una nuova legislazione.

La pena di morte federale è stata ripristinata nel 1988 e ampliata dal Congresso nel 1994. Tuttavia, fino al 2001 non vi furono esecuzioni federali.

Il Congresso ha espressamente autorizzato la pena di morte attraverso la legislazione adottata dai rappresentanti del popolo in entrambe le Camere del Congresso e firmata dal Presidente”, ha dichiarato Barr in una nota. “Sotto le Amministrazioni di entrambe le parti, il Dipartimento di Giustizia ha chiesto la pena di morte contro i peggiori criminali, compresi questi cinque assassini, ognuno dei quali è stato condannato da una giuria dei suoi pari dopo un procedimento completo ed equo”.

“Il Dipartimento di Giustizia sostiene lo stato di diritto, e lo dobbiamo alle vittime e alle loro famiglie per portare avanti la pena imposta dal nostro sistema giudiziario”, ha affermato.

Le esecuzioni sono state programmate per Daniel Lewis Lee, Lezmond Mitchell, Wesley Ira Purkey, Alfred Bourgeois e Dustin Lee Honken, secondo il Dipartimento di Giustizia.

In una dichiarazione, Ruth Friedman, direttore del Federal Capital Habeas Project, ha affermato che era un “mito pervasivo” che la pena di morte federale fosse applicata solo ai peggiori trasgressori che commettevano una ristretta classe di crimini.

In effetti, la pena di morte federale è arbitraria, distorta dal punto di vista razziale e piena di scarsa legislazione e da scienza spazzatura. I problemi specifici della pena di morte federale comprendono l’eccessiva federalizzazione dei crimini di stato e il controllo giurisdizionale limitato ” ha affermato Friedman. “Queste e altre preoccupazioni, tra cui domande preoccupanti sul nuovo protocollo di esecuzione, sono il motivo per cui ci deve essere un ulteriore controllo del tribunale prima che il governo federale possa procedere con qualsiasi esecuzione”.

Il Dipartimento di Giustizia ha dichiarato che ciascuno dei detenuti “ha esaurito i propri mezzi di appello e post-condanna e attualmente nessun impedimento legale blocca le loro esecuzioni”. Le esecuzioni avranno luogo presso il penitenziario americano Terre Haute, a Terre Haute, Indiana.

Il dipartimento di giustizia ha dichiarato che ulteriori esecuzioni saranno programmate in un secondo momento.


Articoli correlati

Vaccini, nuovo emendamento sdogana l’autocertificazione

Nuova puntata del capitolo sui vaccini. Dopo che il governo aveva negato di procedere in tal senso, un nuovo emendamento

Piano nazionale per la sicurezza del territorio “ProteggItalia”

ProteggItalia è un Piano nazionale contro il dissesto idrogeologico, per la messa in sicurezza del territorio e per opere di

L’Italia è fuori dalla recessione. Il PIL torna a crescere

L’Italia è uscita dalla recessione con un’espansione economica dello 0.3% nei primi tre mesi del 2015, comparati con il quadrimestre