Unghia Hi-Tech per comandare smartphone e pc

Unghia Hi-Tech per comandare smartphone e pc

Usare i polpastrelli delle dita per comandare i nostri dispositivi mobili sarà presto una pratica obsoleta. Arriva direttamente dal MIT (il Massachusetts Institute of Technology) un nuovo dispositivo indossabile, stavolta sull’unghia.

Stiamo parlando di NailO, un tappetino tattile in miniatura, facilmente confondibile con un adesivo utilizzato per la Nail Art, la decorazione delle unghie. Sfiorando il tappetino sarà possibile comandare a distanza smartphone e pc per eseguire azioni come rispondere al telefono o inviare messaggi.

Presentato alla conferenza di Seul sull’interazione tra uomo e macchina, questo prototipo è un mix di altissima tecnologia. Nello spazio di pochi mm quadrati sono racchiusi, infatti, senso per il rilevamento del contatto, batteria di alimentazione, chip radio Bluetooth e un chip per la raccolta delle informazioni.

 

Il tocco femminile al progetto è stato dato da Cindy Hsin-Liu Kao, ricercatrice taiwanese molto appassionata di nail art che ha proposto di attaccare questo innovativo dispositivo sulla superficie dell’unghia, rivestendolo in modo colorato e accattivante.

L’idea di per sé molto originale e simpatica, ha però trovato subito riscontri pratici: l’unghia del pollice è quella con superficie maggiore tra tutte le dita e quindi la più adatta per supportare un trackpad, inoltre essendo priva di terminazioni nervose non percepisce il device come un elemento di fastidio ed è facilmente raggiungibile da tutte le altre dita.

NailO ”è molto discreto”, spiega Kao. ”Quando lo indosso diventa una parte del mio corpo, ma posso toglierlo quando voglio, quindi mantengo il pieno controllo”.


Articoli correlati

Londra. Cosa vedere, dove andare

Viaggio a Londra. Un sogno per molti che ora diventa realtà. Avete deciso ma non sapete quali attrazioni vedere? Ecco

Spagna. Elezioni confermano il successo di Podemos

La Spagna sta voltando pagina. Dopo molti anni di bipartitismo tra PP e Psoe che hanno incentrato in loro tutto

Continuare II

Di Massimo Vittorio Fadini  Ora che ci siamo accorti di quest’urgenza; è nostro dovere dare un significato anche alle nostre