Siria. Scontri a Saraqeb dopo gli attacchi turchi

Siria. Scontri a Saraqeb dopo gli attacchi turchi

Le forze governative siriane hanno combattuto per riconquistare una città strategica ribelle nella provincia di Idlib e un funzionario turco ha detto che Ankara continuerà a colpire le truppe del presidente Bashar al-Assad dopo aver intensificato le sue operazioni militari nel fine settimana.

La televisione di stato siriana ha trasmesso filmati in diretta dall’interno di Saraqeb, che si trova sulla principale autostrada nord-sud del paese, e ha affermato che era sotto il controllo del governo. I ribelli hanno negato questa affermazione, dicendo che avevano ancora la città nonostante i pesanti bombardamenti.

Saraqeb ha già cambiato mano due volte in meno di un mese, riflettendo così la sua importanza sia come porta di accesso alla città settentrionale di Aleppo controllata dal governo che alla città di Idlib tenuta dai ribelli a ovest.

I ribelli hanno detto che i droni turchi hanno colpito le posizioni dell’esercito siriano in prima linea a Saraqeb, centrando almeno due lanciarazzi.

La Turchia, che ha appoggiato i ribelli che combattono contro Assad per gran parte del conflitto di nove anni in Siria, ha intensificato il suo intervento nei giorni scorsi in risposta all’uccisione di 34 soldati turchi a Idlib.

Sono stati abbattuti due aerei siriani a Idlib e colpito almeno un aeroporto militare nella provincia di Aleppo, portando la battaglia in profondità nel territorio controllato da forze fedeli ad Assad.

Il ministro della Difesa Hulusi Akar ha affermato che anche le forze turche hanno distrutto otto elicotteri, decine di carri armati e cinque sistemi di difesa aerea.

Tutti gli attacchi (siriani) sono stati oggetto di ritorsioni da parte delle forze armate turche nel modo più pesante senza esitazioni e continueranno a essere oggetto di ritorsioni“, ha affermato l’agenzia di stampa statale Anadolu.

Il presidente Tayyip Erdogan e il suo omologo russo Vladimir Putin, il cui sostegno ad Assad ha cambiato le sorti della guerra cinque anni fa, dovrebbero incontrarsi in Russia per cercare un accordo su Idlib.

La Turchia ha insistito sul fatto che non cerca alcun conflitto con Mosca, ma la sua raffica di attacchi contro le forze sostenute dalla Russia attorno a Idlib ha aumentato il rischio di uno scontro diretto.

Giorgio Muscas

Giorgio Muscas

Esperto in criptovalute mi dedico all'economia e alla politica. Il giornalismo è la mia vera passione