Trump ritira truppe dalla Siria settentrionale mentre la Turchia si prepara all’offensiva

Trump ritira truppe dalla Siria settentrionale mentre la Turchia si prepara all’offensiva

Gli Stati Uniti hanno iniziato a ritirare le truppe dal confine siriano con la Turchia, un chiaro segno che l’amministrazione Trump si sta lavando le mani di una situazione esplosiva tra l’esercito turco e i combattenti curdi alleati degli Stati Uniti.

Il presidente Trump, in una serie di messaggi su Twitter, ha dichiarato che gli Stati Uniti si stanno assumendo troppi oneri e costi della lotta allo Stato islamico. Ha rimproverato le nazioni europee per non aver rimpatriato i cittadini che si erano uniti al gruppo estremista. E rimprovera i suoi stessi alleati curdi, che secondo lui erano “pagati con enormi quantità di denaro e attrezzature” per combattere i militanti.

È tempo per noi di uscire da queste ridicole guerre senza fine, molte delle quali tribali, e riportare a casa i nostri soldati. Combatteremo dov’è il nostro vantaggio, e combatteremo solo per vincere “, ha twittato.

Trump: gli Usa sono fantastici

Trump in seguito ha dato un avvertimento alla Turchia. “Come ho affermato con forza prima, e solo per ribadire, se la Turchia fa qualcosa che io, nella mia grande e ineguagliata saggezza, considero off limits, distruggerò e cancellerò totalmente l’Economia della Turchia (l’ho già fatto prima! ) “, ha twittato.

Devono, con l’Europa, sorvegliare i combattenti e le famiglie dell’ISIS che sono stati catturati“, ha continuato Trump. “Gli Stati Uniti hanno fatto molto di più di quanto chiunque potesse aspettarsi, inclusa la cattura del 100% del califfato ISIS. È giunto il momento per gli altri nella regione, alcuni di grande ricchezza, di proteggere il proprio territorio. GLI USA SONO FANTASTICI!

Il ritiro è seguito a una dichiarazione di qualche giorno prima della Casa Bianca secondo cui gli Stati Uniti non sarebbero intervenuti in un’offensiva turca a lungo minacciata nel nord della Siria. L’annuncio, che ha segnato la brusca fine di un mese di sforzi americani per mediare la pace tra due importanti alleati, è arrivato dopo una telefonata tra Trump e il presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

Recep Tayyip Erdogan
Recep Tayyip Erdogan

Erdogan ha dichiarato che il ritiro è iniziato subito dopo la loro telefonata.

Un funzionario americano ha confermato che le truppe americane hanno lasciato i posti di osservazione nei villaggi di confine di Tel Abyad e Ras al-Ayn.

In una prima reazione alla notizia del ritiro, il senatore Lindsey O. Graham, un forte sostenitore di Trump, ha detto su Twitter che stava cercando maggiori informazioni sulla decisione del presidente. Ma ha aggiunto: “Se i resoconti della stampa sono accurati, questo è un disastro in corso di realizzazione“.

La situazione minaccia una nuova deflagrazione militare in un’ampia fascia della Siria settentrionale, che si estende da est del fiume Eufrate al confine con l’Iraq. I curdi siriani avevano istituito una zona autonoma nell’area durante più di otto anni di guerra civile siriana.

La situazione delle truppe in Siria

Ankara, tuttavia, è stata sempre infastidita dalla presenza curda e dagli stretti legami tra combattenti curdi siriani alleati degli Stati Uniti e il Partito dei lavoratori del Kurdistan, o PKK, un gruppo militante che ha combattuto una lunga battaglia contro lo stato turco.

Per mesi Erdogan ha minacciato una imminente invasione. I funzionari dell’amministrazione Trump hanno tentato di trovare un sistema in grado di soddisfare le richieste turche di sicurezza delle frontiere e allo stesso tempo una misura di protezione alle forze siriana-curda alleate degli Stati Uniti.

Ma ora gli Stati Uniti sembrano alzare le mani. L’addetta stampa della Casa Bianca Stephanie Grisham ha dichiarato che il leader turco “presto si muoverà in Siria” con l’invio di truppe per combattere le forze curde, note come forze democratiche siriane o SDF. Ankara vede il gruppo come un’entità collegata al terrorismo, ma l’SDF ha combattuto a stretto contatto con l’esercito americano come partner principale contro lo Stato islamico.

Le forze armate degli Stati Uniti non sosterranno o saranno coinvolte nell’operazione e le forze degli Stati Uniti, avendo sconfitto il califfato territoriale dell’ISIS, non saranno più nelle immediate vicinanze“, ha detto Grisham in una nota.

L’SDF in una dichiarazione critica gli Stati Uniti

Le forze armate statunitensi non hanno adempiuto ai loro obblighi e hanno ritirato le loro forze dalla zona di confine con la Turchia“, ha affermato l’Sdf. “Questa operazione militare turca nella Siria settentrionale e orientale avrà un grande impatto negativo sulla nostra guerra contro Daesh e distruggerà tutta la stabilità raggiunta negli ultimi anni“. Daesh è un acronimo arabo per lo Stato islamico.

Erdogan, che ha descritto un’incursione turca come necessaria per proteggere i confini del suo paese, nelle ultime settimane ha parlato di reinsediamento di milioni di rifugiati siriani in Turchia in una “zona sicura” nel nord della Siria, un piano che è stato criticato anche dai difensori dei rifugiati come curdi siriani locali che potrebbero essere danneggiati da una simile proposta.

Erdogan ha soprannominato l’attacco come Operazione Peace Fountain.

Funzionari statunitensi descrivono l’imminente offensiva e il ritiro delle truppe Usa, come una svolta drammatica dopo il loro tentativo prolungato e difficile di mettere a punto un accordo che avrebbe alleviato le preoccupazioni dei turchi riguardo alle forze curde siriane vicino al loro confine, evitando allo stesso tempo una battaglia che temono sarà sanguinosa per i combattenti curdi.

I militari sottolineano che è ancora necessaria l’assistenza curda per evitare il ritorno dello Stato islamico in Siria e per proteggere le strutture in cui sono detenuti militanti dello Stato islamico e le loro famiglie.

Un alto funzionario americano, che ha parlato a condizione di rimanere anonimo ha affermato che il governo degli Stati Uniti “non ha idea” di come sarà l’operazione turca, che si tratti di una piccola incursione simbolica o di un’importante offensiva destinata a spingersi fino a 50 km dentro il territorio siriano.

I rifugiati siriani in Turchia

Il piano di Erdogan di inviare fino a 3 milioni di rifugiati siriani nella striscia di 140 miglia contrasta anche con quello che gli Stati Uniti dicono essere parte dell’accordo che avevano raggiunto per consentire solo a 700.000 / 800.000 rifugiati che inizialmente erano fuggiti dalla zona di reinsediarsi. La Turchia attualmente ospita oltre 3,6 milioni di rifugiati siriani, ma il governo ha recentemente iniziato a deportare centinaia di rifugiati in Siria.

Ibrahim Kalin, portavoce di Erdogan, ha scritto su Twitter che la Turchia non ha alcun interesse ad occupare o modificare i dati demografici nella Siria nord-orientale e che la “zona sicura” servirebbe a due scopi: proteggere i confini della Turchia e consentire ai rifugiati di tornare a casa.

Dopo mesi di allerta per le turbolenze che una tale mossa potrebbe creare, i funzionari statunitensi hanno dichiarato che ora stanno osservando attentamente le azioni della Turchia per calcolare la rapidità con cui devono spostarsi le centinaia di truppe che dovrebbero essere colpite.

I detenuti dell’Isis

L’SDF ha previsto che i combattenti dello Stato Islamico usciranno dai campi di prigionia che l’SDF gestisce in diverse aree della Siria.

Il rischio maggiore per le carceri e i campi dello Stato Islamico arriva dopo mesi di sforzi infruttuosi da parte dell’amministrazione Trump di convincere i paesi in Europa e altrove a rimpatriare i loro cittadini.

La dichiarazione della Casa Bianca afferma che “la Turchia sarà ora responsabile di tutti i combattenti dell’ISIS” in quella zona. “Gli Stati Uniti non li terranno per quelli che potrebbero essere molti anni e un grande costo per i contribuenti degli Stati Uniti“, ha detto Grisham.

Le Nazioni Unite forniscono già servizi a circa 700.000 persone ogni mese nel nord-est. Si è sottolineata l’importanza della libera circolazione dei civili e di garantire la continuazione dell’accesso ai gruppi umanitari. Qualsiasi movimento di siriani deve essere fatto volontariamente e con sicurezza e dignità.


Articoli correlati

Ecco come abbiamo preso Battisti

Mail e telefonate, così è stato beccato Cesare Battisti, dopo la sua fuga in Bolivia, dagli uomini della polizia di Milano che erano

Israele. Muore un giornalista, altri 31 uccisi negli scontri

Un giornalista palestinese è deceduto con altre nove persone negli scontri tra i manifestanti palestinesi e le forze israeliane lungo

L’account Twitter di Donald Trump disattivato per 11 minuti da un impiegato

L’ACCOUNT Twitter più famoso del mondo, quello del presidente americano Donald Trump, è temporaneamente scomparso intorno alle 19 di giovedì