Trizio Consulting

Studio: l’immunità di gregge Covid-19 non esiste

Studio: l’immunità di gregge Covid-19 non esiste
Trizio Consulting

Un nuovo studio avrebbe trovato prove che l’immunità al Covid-19 può diminuire nel tempo in modo simile alle infezioni stagionali da coronavirus, alcune delle quali causano il comune raffreddore: i risultati infliggono un nuovo colpo alle controverse proposte di immunità di gregge e sollevano lo spettro di una infezione Covid-19 senza fine.

I ricercatori dell’Imperial College di Londra hanno scoperto che i livelli di anticorpi protettivi diminuiscono rapidamente dopo l’infezione da Covid-19, più di un quarto tra l’estate e l’autunno.

I risultati, che si basano su uno studio di oltre 365.000 partecipanti e devono ancora essere sottoposti a revisione paritaria, suggeriscono che potrebbe esserci un calo dell’immunità a livello di popolazione nel tempo, potenzialmente in linea con altre infezioni stagionali da coronavirus, alcune delle quali possono causare il comune raffreddore.

Il calo degli anticorpi è stato studiato in tutta la popolazione, ad eccezione degli operatori sanitari, con un calo maggiore nelle persone di età superiore ai 75 anni.

Sebbene il declino degli anticorpi non significhi necessariamente un calo dell’immunità – ci sono altre parti del sistema immunitario che potrebbero essere coinvolte – il professor Wendy Barclay, uno degli autori dello studio, ha detto che tendono ad essere altamente predittivi dell’immunità.

Barclay ha detto che, sulla base delle prove, “sembrerebbe che l’immunità diminuisca alla stessa velocità con cui diminuiscono gli anticorpi, e che questa è un’indicazione del declino dell’immunità“.

Comprendere la natura dell’immunità da Covid-19 è la chiave per controllare la pandemia. La prova che l’immunità diminuisce nel tempo, e soprattutto così rapidamente, assesta un duro colpo a coloro che sostengono un approccio di immunità di gregge acquisito naturalmente per domare la pandemia. Sfortunatamente, tali risultati infliggono un colpo potenzialmente catastrofico a qualsiasi tentativo di controllare anche il Covid-19, a seconda di quanto possa essere difficile indurre l’immunità.

Questa ricerca si basa su osservazioni e ricerche esistenti secondo cui l’immunità si affievolisce nel tempo.

Sono noti casi di seconda infezione da Covid-19, sebbene attualmente rari, con gli Stati Uniti che hanno recentemente documentato il suo primo caso in cui la seconda infezione dell’uomo era peggiore della prima. Ci sono anche una serie di studi che suggeriscono anche che l’immunità può svanire rapidamente. Con il progredire della pandemia e il passare del tempo, è possibile che ci saranno molti più risultati simili all’orizzonte.

Puoi contrarre il coronavirus Covid-19 due volte?

I ricercatori hanno cercato di capire se puoi essere infettato dal coronavirus Covid-19 più di una volta. Inoltre, la risposta a questa domanda può aiutare ad affrontare tante altre cose, ad esempio se è sicuro tornare alle attività regolari, quanto può essere efficace un vaccino e quanto a lungo può durare questa pandemia.

Allora qual è la risposta ora? Ebbene, le cose non sono ancora del tutto chiare. In effetti, possono sembrare decisamente confuse. Tuttavia, alcuni studi scientifici pubblicati di recente hanno offerto ulteriori prove.

Ad esempio, ci sono i pezzi di Rhesus tratti da uno studio pubblicato sulla rivista Science. Questo studio ha comportato l’infezione deliberata di una serie di macachi Rhesus con la sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV2) e quindi vedere se potevano essere infettati di nuovo deliberatamente. Questa specie ha molte somiglianze con gli umani.

Per lo studio, un gruppo di ricerca del Peking Union Medical College di Pechino, in Cina, guidato da Chuan Qin, ha infettato per via intratracheale sei macachi con SARS-CoV-2.

Il team di ricerca ha quindi confermato che i macachi si sono ammalati a causa del virus. Hanno controllato regolarmente la temperatura rettale dei macachi, la gola e cavità nasali per il virus. Inoltre, il team di ricerca ha seguito i sintomi dei macachi e ha eseguito radiografie del torace che hanno rivelato segni di polmonite.

I test sul sangue dei macachi hanno mostrato che durante il decorso dell’infezione hanno sviluppato anticorpi contro i picchi proteici sulla superficie del SARS-CoV2. Il coronavirus Covid-19 sembra una piccola palla e usa le punte per attaccarsi ed entrare nelle tue cellule. Questa era la prova che il sistema immunitario dei macachi stava rispondendo contro il virus.

Alla fine, i sei macachi sono sopravvissuti alle infezioni e si sono ripresi dai loro sintomi. Tuttavia, le sfide non sono finite qui per quattro dei macachi. Ventotto giorni dopo la loro prima sfida intratracheale, hanno avuto un’altra sfida simile. Gli altri due macachi sono stati risparmiati da questa seconda infezione e sono stati utilizzati per il confronto.

Dopo essere stati nuovamente infettati, i quattro macachi hanno sviluppato febbri per brevi periodi di tempo, ma per il resto non hanno mostrato altri segni di reinfezione nelle due settimane successive, sulla base delle radiografie del torace e dei test. In effetti, i quattro macachi riesposti hanno raccolto livelli ancora più elevati di anticorpi contro le proteine ​​spike rispetto a quelli che avevano durante la prima infezione.

Quindi sembrava che 28 giorni dopo l’infezione iniziale, i macachi avessero ancora un certo tipo di immunità contro il virus.

Purtroppo, non sono stati ancora condotti studi simili sugli esseri umani. Un documento dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) del 6 maggio ha esposto una serie di rischi e sfide etiche nel fare studi sugli umani in cui i volontari sarebbero stati deliberatamente esposti alla SARS-CoV2. Ci sono reali rischi immediati.

Un gruppo di scienziati ha avviato una petizione a Frances Collins, MD , il direttore del National Institute of Health (NIH), per “intraprendere i preparativi immediati per i test umani”, sostenendo che questo aiuterà a sviluppare e testare un vaccino Covid-19 . Da un punto di vista scientifico, gli studi umani aiuterebbero sicuramente a rispondere a molte domande sull’immunità in modo molto più diretto e rapido. Ma come accennato in precedenza, condurre tali studi in modo sicuro ed etico non è così facile.

Niccolò Giraudo

Niccolò Giraudo

Torino è una città fantastica, specialmente per chi ama il design in tutte le sue forme. Chi non ci credesse può venire a casa mia: matite e pennelli non mancano. Si può anche suonare il violoncello. È l’ambiente ideale anche per recensire un film, un blog o un nuovo tostapane. Provare per credere.