Stati Uniti in allerta per possibile "regalo di Natale" dalla Corea del Nord

Stati Uniti in allerta per possibile "regalo di Natale" dalla Corea del Nord

Gli Stati Uniti sono in allerta per i segnali di un possibile lancio di missili dalla Corea del Nord nei prossimi giorni che i funzionari hanno definito un “regalo di Natale”.

Un lancio o un test nucleare porterebbe alla fine della moratoria autoimposta della Corea del Nord sui lanci e sui test missilistici. Sarebbe anche un duro colpo per uno dei principali obiettivi della politica estera del presidente Trump riportare la Corea del Nord al tavolo dei negoziati per eliminare le sue armi nucleari.

La Corea del Nord ha condotto ciò che i funzionari statunitensi ritengono essere un test del motore. Gli esperti ritengono che potrebbe aver coinvolto un motore per un missile a lungo raggio.

La Corea del Nord ha fatto progressi. Ha sviluppato nuove capacità“, ha dichiarato Anthony Wier, ex funzionario del Dipartimento di Stato che segue il disarmo nucleare. “Fintanto che continua, acquisiscono nuove capacità per provare nuovi missili per minacciare noi e i nostri alleati in nuovi modi“.

La Corea del Nord ha avvertito di un possibile “regalo di Natale” all’inizio di dicembre, affermando che l’amministrazione Trump stava esaurendo il tempo per i negoziati sul nucleare, e spettava agli Stati Uniti scegliere quale “regalo di Natale” ricevesse da Pyongyang.

Victor Cha, un esperto della Corea presso il Center for Strategic and International Studies, ha dichiarato che una revisione dei possibili siti di lancio nella Corea del Nord mostra che sono “sostanzialmente pronti a partire“.

Il segretario alla Difesa Mark Esper ha detto ai giornalisti che gli Stati Uniti hanno ascoltato tutte le voci di un possibile test imminente intorno a Natale.

Ormai osservo la penisola coreana da un quarto di secolo. Ho familiarità con le loro tattiche, con la loro furia“, ha detto. “Dobbiamo prenderli sul serio, sederci e discutere di un accordo politico che denuclearizza la penisola. Questa è la migliore strada da percorrere e probabilmente l’unica via da seguire se vogliamo fare qualcosa di costruttivo“.

Il generale dell’esercito Mark Milley, il presidente del Joint Chiefs of Staff americano, ha detto ai giornalisti che gli Stati Uniti, il Giappone e la Corea del Sud sono pronti a difendersi da qualsiasi mossa del Nord.

Manteniamo sempre livelli molto elevati di prontezza“, ha affermato.

Durante una riunione a Singapore nel giugno 2018, Trump e il leader nordcoreano Kim Jong Un hanno rilasciato una dichiarazione congiunta secondo cui il Nord “si impegna a lavorare per la completa denuclearizzazione della penisola coreana“. Ma i negoziati si sono arrestati a febbraio dopo che gli Stati Uniti hanno respinto le richieste della Corea del Nord in cambio di una parziale rinuncia alle capacità nucleari del Nord.

Secondo l’esercito americano, quest’anno la Corea del Nord ha lanciato oltre 20 missili. Hanno incluso nuovi tipi di missili e un missile balistico lanciato dai sottomarini, in violazione delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza dell’ONU.

Nel 2017, la Corea del Nord ha condotto una lunga serie di test missilistici, tra cui due missili a raggio intermedio sul Giappone e minacciando di sparare verso il territorio americano di Guam. Ha anche testato tre ICBM di sviluppo, tra cui l’Hwasong-15, e ha dimostrato la portata potenziale per raggiungere in profondità la terraferma degli Stati Uniti.

Ma quei test ICBM non hanno mostrato alcun segno chiaro che il Nord avesse perfezionato la tecnologia necessaria per garantire che una testata potesse sopravvivere al rientro atmosferico. Gli esperti hanno affermato che la Corea del Nord aveva bisogno di ulteriori test di volo per determinare l’affidabilità e l’accuratezza dei suoi ICBM e stabilire un sistema di protezione in grado di rientrare.

I test missilistici della Corea del Nord nel 2017 hanno scatenato una forte reazione americana. Trump disse che avrebbe portato “fuoco e furia” nella Corea del Nord e ha scambiato minacce di distruzione totale con il leader coreano. Kim ha successivamente sospeso ICBM e test nucleari, consentendo a Trump di pubblicizzare la mossa come una vittoria di politica estera.

Esper, che ha visitato la Corea due volte quest’anno da quando ha prestato giuramento come capo della difesa, ha affermato che gli Stati Uniti hanno ora una squadra sulla penisola coreana che ha chiesto incontri al Nord. Allo stesso tempo, ha affermato che le forze armate statunitensi rimangono ad alto livello di attenzione.

Un punto di discussione chiave è stata la riduzione delle esercitazioni militari statunitensi con la Corea del Sud – una mossa da parte dell’amministrazione Trump per placare la Corea del Nord e portarli al tavolo dei negoziati per i colloqui sulla denuclearizzazione. Gli Stati Uniti hanno circa 28.000 truppe nella Corea del Sud.

Giorgio Muscas

Giorgio Muscas

Esperto in criptovalute mi dedico all'economia e alla politica. Il giornalismo è la mia vera passione