Trizio Consulting

Impronte del Cremlino hanno intensificato la guerra in Libia

Impronte del Cremlino hanno intensificato la guerra in Libia
ilBuonsenso

Quando i mercenari russi legati al Cremlino sono arrivati in prima linea nella guerra della Libia a settembre, con la loro esperienza militare e le armi avanzate hanno cambiato il campo di battaglia. Ma quello era solo l’inizio.

Il loro arrivo, per aiutare Khalifa Hifter, ha messo in moto una catena di eventi che hanno intensificato il conflitto a Tripoli e ha minacciato una potenziale guerra regionale con obiettivo riserve di petrolio e gas naturale redditizie. Un embargo sulle armi delle Nazioni Unite ha sollevato lo spettro di altre vittime civili.

Ora, il conflitto in Libia, più che mai, è guidato dall’ultima divisione del Medio Oriente, mettendo gli Emirati Arabi Uniti, l’Egitto e l’Arabia Saudita contro la Turchia e il Qatar. Negli ultimi quattro mesi, la Turchia, l’Egitto e gli Emirati Arabi Uniti hanno approfondito il loro coinvolgimento, militare e retorico, mettendo a nudo le rivalità e le animosità della regione.

Le mosse degli Usa

Gli Stati Uniti, dopo anni in cui hanno trascurato la Libia, si stanno affrettando per trovare un modo per ridurre il peso del Cremlino in Libia. Ma in assenza di una forte diplomazia e politiche statunitensi, Russia e Turchia sembrano pronti a sfruttare la sicurezza e il vuoto diplomatico e a controllare il destino della Libia, come hanno fatto in Siria.

Si dice che oltre 1.000 mercenari russi stiano operando in Libia. La maggior parte lavora per il gruppo Wagner, un esercito privato legato al Cremlino e al presidente russo Vladimir Putin. Ha anche combattuto in Siria, Ucraina e altre nazioni che Mosca considera strategiche per i suoi interessi.

Il Cremlino nega qualsiasi rapporto con i mercenari. L’esercito nazionale libico di Hifter afferma che schiera solo combattenti libici, nonostante i segni schiaccianti della presenza dei mercenari.

Man mano che la guerra si è intensificata, anche l’odio, la disinformazione e le notizie false hanno fatto il loro percorso, poiché entrambe le parti cercano di usare la propaganda come arma. Sta dividendo tribù e comunità e spezzando gli sforzi per una riconciliazione. Le preoccupazioni crescono anche per un numero sempre maggiore di rifugiati che fuggono dalla violenza, si riversano oltre i confini e tentano pericolosi viaggi in mare verso l’Europa. E i resti dello Stato islamico sconfitto stanno cercando di trarre vantaggio dall’instabilità.

Ostacolo alle Nazioni Unite

Le nuove tensioni stanno ostacolando gli sforzi delle Nazioni Unite e dei paesi europei per arrivare ad un accordo di cessate il fuoco e di pace, incentrato su una conferenza a Berlino che è stata rinviata più volte.

La marea si è spostata e questo ha riverberato diplomaticamente e geopoliticamente“, ha detto Frederic Wehrey, uno studioso della Libia con il Carnegie Endowment for International Peace. “La nuova leva dei russi è un ulteriore colpo all’approccio degli europei alla Libia e al processo di Berlino. Adesso ci sono altri chef in cucina.

Le fortune di Hifter cambiano

Mentre il 76enne Hifter, un cittadino americano-libico che ha vissuto per anni nella Virginia del Nord, marciava in tutto il paese dalla sua roccaforte orientale, Mosca lo assiste diplomaticamente e finanziariamente. Tra gli altri aiuti, la Russia ha stampato miliardi di dinari libici affinché Hifter potesse pagare le sue truppe e cooptasse le tribù per sostenere il suo progresso.

La Russia spera di riguadagnare miliardi di dollari in contratti petroliferi e militari persi da quando il dittatore libico Moammar Gheddafi è stato estromesso e ucciso dalle forze ribelli durante le rivolte della primavera araba del 2011 e l’intervento della NATO. Per Mosca, anche la Libia fa parte di una strategia per estendere la propria l’influenza in Medio Oriente e Africa.

Hifter ha dichiarato ad aprile di voler conquistare rapidamente Tripoli e di cacciare il governo di accordo nazionale delle Nazioni Unite. Ma le milizie pro-GNA in tutta la Libia occidentale hanno lanciato una controffensiva. Alla fine dell’estate si è arrivati ad una situazione di stallo militare, anche se entrambe le parti hanno schierato droni armati. Le tribù orientali non seguivano più a Hifter e molte brigate sono tornate a casa.

Alla fine di agosto, l’esercito del Hifter si trovava in una situazione molto pericolosa“, ha detto Jalel Harchaoui, ricercatore in Libia presso l’Istituto Clingendael a L’Aia.

Arrivo dei mercenari russi

Quindi, i mercenari russi sono arrivati in prima linea su Tripoli.

Con i loro cecchini esperti, le armi ad alta tecnologia e la disciplina di combattimento, i russi hanno inflitto un pesante colpo alle milizie pro-GNA, sia in termini di vittime che di morale, i comandanti e combattenti libici lo hanno dichiarato in una recente visita in prima linea a Tripoli.

A fine novembre, poiché la comunità internazionale non ha intrapreso alcuna azione contro le interferenze russe, il GNA si è rivolto al suo principale benefattore, la Turchia, che le ha fornito droni armati, veicoli corazzati e consiglieri militari.

Il governo di Tripoli e Ankara hanno firmato un accordo per ritagliarsi i diritti di perforazione del gas nel Mar Mediterraneo. Ciò ha fatto arrabbiare la Grecia, l’Egitto, Cipro e l’Unione Europea, che hanno visto il patto come uno sforzo per impedire ad altri di partecipare. La Grecia ha poi espulso l’ambasciatore della Libia e ha presentato una denuncia al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Firma del patto di sicurezza

Giorni dopo, il GNA e la Turchia hanno firmato un patto di sicurezza e il presidente Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato che avrebbe inviato truppe turche in Libia, se il GNA le avesse richieste. Ciò ha suscitato il timore che altre potenze regionali potessero inviare truppe, scatenando una guerra regionale di scala indefinita.

Ora, le linee della battaglia si sono accentuate proprio attraverso il Mediterraneo“, ha detto Wehrey.

Le tensioni sui crescenti legami della Turchia con il GNA hanno spinto il presidente egiziano Abdel Fatah al-Sissi a concludere l’accordo. Il ministero degli Esteri egiziano li ha denunciati come “illegittimi”.

Non permetteremo a nessuno di controllare la Libia“, ha detto Sissi ai giornalisti. “È una questione di sicurezza nazionale egiziana“.

La Turchia ha quasi 18 miliardi di dollari di contratti di costruzione in Libia. Ma la competizione per la Libia è anche, in una certa misura, dovuta alle diverse visioni dell’Islam politico. Sia la Turchia che il Qatar hanno appoggiato il presidente islamista eletto in Egitto, Mohamed Morsi, e il suo movimento dei Fratelli Musulmani. Sissi estromise Morsi in un colpo di stato del 2013.

L’Egitto, gli Emirati Arabi Uniti e l’Arabia Saudita, insieme a Hifter, considerano la Fratellanza come dominante nel governo di Tripoli e delle milizie che la sostengono. Gli islamisti stanno combattendo da entrambe le parti, anche se la loro influenza sembra limitata, secondo gli analisti.

L’Islam politico moderato che esercita un po’ di potere in un ricco paese del Nord Africa funge da simbolo per una forma populista di politica partecipativa, che gli Emirati Arabi Uniti, l’Arabia Saudita e l’Egitto vorrebbero sradicare del tutto dal Medio Oriente e dalla regione del Nord Africa“, ha affermato Harchaoui . “Quei regimi preferiscono una forma rigorosa di dittatura“.

Gli Stati Uniti sono preoccupati

L’arrivo dei mercenari russi ha fatto sussultare diplomatici e politici americani.

Da aprile, l’amministrazione Trump ha inviato segnali contrastanti. Mentre il Dipartimento di Stato ha esortato Hifter a fermare la sua offensiva, il presidente Trump ha parlato al comandante per telefono, approvando la sua campagna militare.

Ma a novembre, a seguito di notizie sui mercenari russi, il governo degli Stati Uniti e il GNA hanno rilasciato una dichiarazione congiunta in cui si chiedeva a Hifter di porre fine all’offensiva di Tripoli. Gli Stati Uniti hanno dichiarato di dare il proprio sostegno “per la sovranità e l’integrità territoriale della Libia di fronte ai tentativi della Russia di sfruttare il conflitto contro la volontà del popolo libico“.

Alti funzionari statunitensi si sono quindi incontrati con Hifter ad Amman nel tentativo di convincerlo ad accettare un cessate il fuoco. Un disegno di legge bipartisan si sta creando attraverso il Congresso degli Stati Uniti cercando di sanzionare la Russia per lo spiegamento dei mercenari in Libia.

La sorpresa della Russia

Una portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, ha dichiarato che Mosca è stata sorpresa dal disegno di legge su “una presunta presenza militare russa in Libia“, aggiungendo che la Russia vede il dialogo come l’unico modo per porre fine alla guerra.

Il segretario di Stato Usa Mike Pompeo ha detto ai giornalisti che gli Stati Uniti sono disposti a lavorare con Mosca per negoziare la fine delle ostilità. Pompeo ha anche messo in guardia dall’invio di armi in Libia, in violazione dell’embargo delle Nazioni Unite.

Ma le armi hanno continuato a fluire dall’esterno verso entrambe le parti. Gli Emirati Arabi Uniti, un alleato chiave degli Stati Uniti, stanno schierando droni armati e ora stanno lavorando con i mercenari russi per sostenere Hifter. Il 12 dicembre, incoraggiato dal sostegno della Russia, Hifter ha annunciato una battaglia decisiva a “ora zero” per Tripoli.

Abbiamo visto molte espressioni di preoccupazione da parte degli Stati Uniti per l’accresciuto coinvolgimento russo, ma nessun vero impegno a fare qualcosa al riguardo“, ha dichiarato Wolfram Lacher , analista della Libia presso l’Istituto tedesco per gli affari internazionali e di sicurezza. “L’attacco offensivosi è in realtà intensificato dopo il recente incontro di funzionari statunitensi con Hifter ad Amman.

La resa dei conti di Tripoli

Questa è la quarta dichiarazione di “ora zero” di Hifter per prendere Tripoli, ma la prima con la presenza dei russi. Scontri intensi sono stati segnalati su diverse linee del fronte. La città di Misurata, le cui milizie formano la maggior parte delle forze pro-GNA, hanno dichiarato una mobilitazione di massa dei suoi combattenti per inviarli a Tripoli per respingere Hifter.

Stanno inoltre emergendo rapporti secondo cui rifugiati libici in fuga dalle battaglie si stanno riversando verso il confine occidentale per attraversare la vicina Tunisia.

Ciò che è anche aumentato è il livello di disinformazione attraverso i social media, i notiziari locali e arabi, in particolare quelli anti-islamisti, hanno detto gli analisti.

L’obiettivo è quello di instillare lo scompiglio in un nemico che è già stato abbastanza demoralizzato ed esaurito questo autunno“, ha detto Harchaoui. “Un altro scopo è quello di cercare di proiettare nel mondo occidentale questa percezione secondo cui il GNA è completamente isolato e dovrebbe davvero essere abbandonato dalle Nazioni Unite e dalle potenze occidentali“.

Anche il discorso dell’odio è aumentato. Su Facebook, Twitter e altri social media, i leader tribali e politici pro-Hifter hanno denunciato i residenti di Misurata come lacchè dei turchi – e hanno chiesto il loro sterminio.

Intere strade saranno spazzate via“, ha dichiarato una figura Pro Hifter in un video distribuito tramite Twitter. “Bruceremo e schiacceremo Misurata.

Le figure del Pro-GNA hanno denigrato le comunità orientali con insulti umilianti, descrivendole come barbari o incivili.

Il pericoloso modello di incitamento all’odio in Libia è recentemente andato di male in peggio”, ha dichiarato Mohamed Dayri, ex ministro degli Esteri del governo orientale. “La riconciliazione nazionale sarà di fondamentale importanza per ricostruire la Libia alla quale il nostro popolo aspira fondamentalmente.