Esplosione ad un posto di blocco a Mogadiscio oltre 60 morti

Esplosione ad un posto di blocco a Mogadiscio oltre 60 morti

Un’esplosione ad un posto di blocco nella capitale della Somalia Mogadiscio ha ucciso almeno 61 persone e ferito decine di persone, questo è l’ultimo di una serie di attacchi mortali.

I soccorritori arrivati a decine sul posto hanno trovato corpi ovunque e tra le lamiere contorte di un veicolo e un taxi minibus.

Finora abbiamo portato 61 morti e 51 feriti. Ci sono più vittime e il bilancio delle vittime aumenterà sicuramente ”, ha detto Abdikadir Abdirahman Haji Aden, fondatore del servizio di ambulanze di Aamin.

Non è stata ancora rivendicata la responsabilità dell’esplosione sebbene il gruppo islamista al Shabaab, legato ad Al Qaeda, che sta cercando di rovesciare il governo sostenuto dalle Nazioni Unite, compia regolarmente tali attacchi.

Il paese del Corno d’Africa è stato devastato dal conflitto dal 1991, quando i signori della guerra del clan rovesciarono il dittatore Siad Barre.

Dopo il boato di una forte esplosione al checkpoint il 55enne Sabdow Ali, che vive nelle vicinanze, ha lasciato la sua casa essere corso verso il luogo della strage e di aver contato almeno 13 morti.

Dozzine di feriti chiedevano aiuto, ma la polizia ha immediatamente aperto il fuoco e io mi sono precipitato di nuovo a casa mia“, ha detto Sabdow.

I feriti sono stati trasportati all’ospedale di Medina.

Parlando con i giornalisti sul luogo dell’esplosione, il sindaco di Mogadiscio Omar Muhamoud ha affermato che il governo ha confermato che almeno 90 civili, in gran parte studenti, sono rimasti feriti nell’esplosione.