Siria: attacchi aerei colpiscono ospedali e campi profughi

Siria: attacchi aerei colpiscono ospedali e campi profughi

Attacchi aerei governativi hanno colpito ospedali e sfollati nei campi nel nord-ovest della Siria e ucciso circa 300 civili mentre le forze del presidente Bashar al-Assad stanno attuando un assalto contro l’ultima roccaforte ribelle.

Funzionari delle Nazioni Unite hanno affermato che le agenzie di soccorso sono state sopraffatte dalla crisi umanitaria poiché quasi un milione di civili, la maggior parte dei quali donne e bambini, sono fuggiti verso il confine turco in aspre condizioni invernali per sfuggire all’assalto.

I civili in fuga dai combattimenti vengono spinti in aree senza riparo sicuro che si riducono di dimensioni di ora in ora. Inoltre vengono bombardati. Semplicemente non hanno un posto dove andare”, ha dichiarato Michelle Bachelet, responsabile delle Nazioni Unite per i diritti umani.

Gli aerei da guerra siriani e russi nel frattempo hanno continuato le incursioni nella città di Darat Izza nella provincia di Aleppo e due ospedali sono stati gravemente danneggiati.

All’ospedale Al Kinana, muri spaccati, mezzi medici coperti di polvere e forniture sono state sparpagliate intorno all’ospedale dopo che due membri del personale sono stati feriti.

Assad ha detto che i rapidi successi militari hanno avvicinato la sconfitta dell’insurrezione che da nove anni è in azione contro di lui, anche se ci potrebbe volere del tempo. Le fazioni ribelli includono ribelli appoggiati dalla Turchia e militanti jihadisti.

L’offensiva ha anche interrotto una fragile cooperazione tra Ankara e Mosca, che sostengono fazioni opposte nella guerra. Hanno iniziato un nuovo ciclo di colloqui a Mosca dopo Ankara ha richiesto l’arretramento dell’esercito siriano e attuare un cessate il fuoco.

Possibili crimini di guerra

Il portavoce delle Nazioni Unite per i diritti umani Rupert Colville, chiedendo se la Siria e la sua alleata Russia stessero deliberatamente prendendo di mira civili e edifici protetti, ha dichiarato: “L’enorme quantità di attacchi contro ospedali, strutture mediche e scuole suggerirebbe che non tutti siano casuali“.

Gli attacchi potrebbero costituire crimini di guerra, ha detto Colville a un briefing a Ginevra.

L’ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha dichiarato di aver registrato 299 morti civili dal 1 ° gennaio, circa il 93% causato dal governo siriano e dai suoi alleati.

Niccolò Giraudo

Niccolò Giraudo

Torino è una città fantastica, specialmente per chi ama il design in tutte le sue forme. Chi non ci credesse può venire a casa mia: matite e pennelli non mancano. Si può anche suonare il violoncello. È l’ambiente ideale anche per recensire un film, un blog o un nuovo tostapane. Provare per credere.