Boris Johnson potrebbe concludere un accordo sulla Brexit con stretto allineamento dell’UE

Boris Johnson potrebbe concludere un accordo sulla Brexit con stretto allineamento dell’UE

Gli oppositori parlamentari di una Brexit radicale non hanno rinunciato alla speranza che Boris Johnson alla fine firmasse un accordo commerciale con uno stretto allineamento con l’UE.

La maggioranza conservatrice che ha ottenuto 80 seggi alle elezioni di dicembre ha portato a un marcato inasprimento della posizione del Regno Unito sui colloqui commerciali, con il primo ministro che dichiara di ritenere che la Gran Bretagna “prospererà” in una Brexit senza accordi – che ora definisce un “Insediamento in stile australiano” – e abbandonare le ambizioni per un commercio senza attriti con la restante UE.

Ma l’ex ministro pensa che molti in parlamento si aspettano che torni indietro su questa decisione, in realtà la possibilità di un accordo nullo si avvicina, gettando le basi per una decisione “do-or-die” per Johnson tra il fatto di infliggere gravi danni all’economia o portare avanti la sua idea.

Con lo shock economico della partenza senza un accordo commerciale che potrebbe far aumentare la pressione per l’indipendenza scozzese e la riunificazione irlandese – e con euroscettici accresciuti dalla sua parte che spingono per la Brexit più dura possibile – Johnson potrebbe dover fare affidamento sui voti dell’opposizione per ottenere un risultato più morbido se vuole evitare di entrare nella storia come il Primo Ministro che ha fatto schiantare l’economia ha detto l’ex ministro.

E l’esperienza dello scorso ottobre, quando Johnson ha abbandonato i suoi alleati del DUP e ha accettato le richieste dell’UE di una frontiera doganale lungo il Mare d’Irlanda per salvare il suo “accordo di divorzio”, suggerisce che potrebbe fare di nuovo la stessa cosa.

Nonostante tutto, penso che lo stretto allineamento con la Ue sia ancora il risultato più probabile“, ha affermato il parlamentare. “Se c’è un accordo da concludere con Bruxelles, si tratterà di un allineamento su ogni genere di cose: protezione sociale, ambientale e sul posto di lavoro.”

Quell’accordo è lì per essere raggiunto e l’alternativa non è un affare. Non esiste un accordo che offra al Regno Unito un facile accesso al mercato unico senza alcun allineamento.”

Le previsioni del Ministero del Tesoro del 2018 focalizzano il danno all’economia del Regno Unito rispetto al più morbido accordo Brexit di Theresa May, che ha accettato un grado di allineamento con le regole di Bruxelles come mezzo per raggiungere il miglior accordo senza attrito, al 3,9 per cento del PIL in 15 anni. Al contrario, una Brexit senza accordi potrebbe colpire l’economia fino al 9,3 per cento nello stesso periodo, rispetto al risultato del rimanere nell’UE.

Nel frattempo, i presunti vantaggi della libertà dall’allineamento della “parità di condizioni” con l’Europa sembrano svanire, poiché la prospettiva di un accordo commerciale degli Stati Uniti diventa più remota a causa delle differenze con Washington sull’accesso delle società statunitensi al SSN, le restrizioni di sanità pubblica su alimenti come il pollo e la decisione del Primo Ministro di consentire a Huawei un ruolo nella rete di telecomunicazioni 5G del Regno Unito.

È probabile che questi fattori si traducano in forti pressioni da parte delle imprese affinché si firmi un accordo di libero scambio di qualche tipo con il cronometro che scatta al 31 dicembre.

Niccolò Giraudo

Niccolò Giraudo

Torino è una città fantastica, specialmente per chi ama il design in tutte le sue forme. Chi non ci credesse può venire a casa mia: matite e pennelli non mancano. Si può anche suonare il violoncello. È l’ambiente ideale anche per recensire un film, un blog o un nuovo tostapane. Provare per credere.