Schianto bus, a bordo 13 italiani

Schianto bus, a bordo 13 italiani


Sul pullman partito da Genova e schiantatosi nei pressi di Zurigo, in Svizzera, c’erano 45 passeggeri e due conducenti. Lo rende noto la compagnia Flixbus. A bordo anche 13 italiani. Una donna è morta, i feriti sono 41, tre dei quali gravi. Il mezzo è finito contro un muro e se questo non avesse retto, sarebbe precipitato per 10 metri.

L’incidente si è verificato sull’autostrada A3 poco prima delle 4.15. Il pullman ha sbandato e poi è finito contro un muro, secondo quanto riferito dalla polizia cantonale zurighese.

Il veicolo, appartenente a una filiale dell’impresa di trasporti Flixbus, era diretto a Düsseldorf, in Germania.

Al momento l’autostrada è bloccata in entrambi i sensi di circolazione tra Brunau e Wiedikon. L’identità della vittima non è stata ancora resa nota e tra i feriti almeno tre persone, tra cui l’autista del pullman, hanno riportato ferite gravi, precisa l’agenzia Keystone-Ats.

Le cause dell’incidente sono per il momento sconosciute, ma stamattina presto ha nevicato in diverse regioni a nord delle Alpi.

Flixbus, solidarietà alle persone coinvolte – Sul bus di linea che operava per conto di Flixbus la rotta tra Genova e Dusseldorf, che si è schiantato vicino a Zurigo, viaggiavano “45 persone e due autisti”. Lo scrive Flixbus in una nota nella quale si conferma il decesso di una passeggera e il ferimento di altri 41, tre dei quali in gravi condizioni. “I feriti sono stati portati agli ospedali locali – si legge nella nota -. Siamo in contatto con le autorità e il partner locale” scrive Flixbus che esprime “solidarietà ai passeggeri e conducenti coinvolti e alle loro famiglie e amici”. 


Articoli correlati

Imposta sostitutiva finanziamenti. Ecco il nuovo software dell’Agenzia delle Entrate

A partire dal mese di gennaio 2018, le banche e gli altri enti che effettuano le operazioni di finanziamento (articoli

Skopje: incontro tra aziende italiane e locali

Il Governo di Skopje vuole migliorare le infrastrutture del Paese ed investire in energia e ambiente. Per cogliere queste opportunità,

Zuckerberg alla Ue: ci scusiamo per gli errori commessi

Audizione al Parlamento europeo del fondatore di Facebook, Zuckerberg, sull’ utilizzo dei dati degli utenti, dopo lo scandalo Cambridge Analytica.