Schianto bus, a bordo 13 italiani

Schianto bus, a bordo 13 italiani


Sul pullman partito da Genova e schiantatosi nei pressi di Zurigo, in Svizzera, c’erano 45 passeggeri e due conducenti. Lo rende noto la compagnia Flixbus. A bordo anche 13 italiani. Una donna è morta, i feriti sono 41, tre dei quali gravi. Il mezzo è finito contro un muro e se questo non avesse retto, sarebbe precipitato per 10 metri.

L’incidente si è verificato sull’autostrada A3 poco prima delle 4.15. Il pullman ha sbandato e poi è finito contro un muro, secondo quanto riferito dalla polizia cantonale zurighese.

Il veicolo, appartenente a una filiale dell’impresa di trasporti Flixbus, era diretto a Düsseldorf, in Germania.

Al momento l’autostrada è bloccata in entrambi i sensi di circolazione tra Brunau e Wiedikon. L’identità della vittima non è stata ancora resa nota e tra i feriti almeno tre persone, tra cui l’autista del pullman, hanno riportato ferite gravi, precisa l’agenzia Keystone-Ats.

Le cause dell’incidente sono per il momento sconosciute, ma stamattina presto ha nevicato in diverse regioni a nord delle Alpi.

Flixbus, solidarietà alle persone coinvolte – Sul bus di linea che operava per conto di Flixbus la rotta tra Genova e Dusseldorf, che si è schiantato vicino a Zurigo, viaggiavano “45 persone e due autisti”. Lo scrive Flixbus in una nota nella quale si conferma il decesso di una passeggera e il ferimento di altri 41, tre dei quali in gravi condizioni. “I feriti sono stati portati agli ospedali locali – si legge nella nota -. Siamo in contatto con le autorità e il partner locale” scrive Flixbus che esprime “solidarietà ai passeggeri e conducenti coinvolti e alle loro famiglie e amici”. 


Articoli correlati

Parlamento europeo. I poteri legislativi

Come funziona il processo legislativo del Parlamento europeo? Un membro del Parlamento europeo, che lavora in una delle commissioni parlamentari,

Parigi, progettava attentati contro chiese. Arrestato

23 anni, algerino e dotato di un grosso arsenale di armi da guerra. Si tratta di un giovane fondamentalista islamico,

Fatturazione elettronica, tanta confusione e disservizi

Primi giorni per la fattura elettronica entrata in vigore all’inizio di gennaio, con l’obiettivo di impedire le false fatturazioni e