Lazio in lutto: è morto Felice Pulici

Lazio in lutto: è morto Felice Pulici



E’ scomparso Felice Pulici, portiere dello storico scudetto 1974 della Lazio, il primo vinto dai biancocelesti. Da tempo malato, avrebbe compiuto 73 anni il prossimo 22 dicembre.Una volta conclusa la carriera da portiere, prima entra a far parte dello staff della Primavera, per poi diventare dirigente nel 1983 con il ritorno di Chinaglia. E’ con Sergio Cragnotti che, però,tocca il suo massimo. Il club lo ricorda in una nota: “La Lazio, il suo presidente, l’allenatore, i giocatori e tutto lo staff esprimono profondo cordoglio”.

Una vita a testa alta, con una carica eccezionale , chi ha conosciuto Felice Pulici lo ricorda così, sempre pronto a dire la sua e a parlare della sua squadra, la Lazio. Con lui vinse lo Scudetto del ’74, il primo della storia biancoceleste, con Maestrelli in panchina e Giorgio Chinaglia in avanti. Re Cecconi a centrocampo e Wilson in difesa. Uno squadrone che scrisse la storia. E tra i pali c’era lui, Felice Pulici, arrivato a Roma soltanto due anni prima, nel 1972. Il portiere che “parava anche l’aria”. Pulici è scomparso a 72 anni a causa di una lunga malattia, la Lazio ha pubblicato un tweet per rendere omaggio alla sua memoria e alla sua carriera: circa 200 gare con i biancocelesti, ha giocato anche con Ascoli, Monza, Novara e Lecco. Nel 1983, con l’arrivo di Giorgio Chinaglia alla presidenza della Lazio, diventò direttore generale. Mentre tra il 1994 e il 1998 è stato responsabile del settore giovanile (anche dal 2003 al 2004). Una bandiera.


Articoli correlati

Salvini: sono pronto a fare il premier

“Io sono pronto a guidare il Paese con una coalizione alternativa a Renzi e a Grillo e senza raccattare quelli

Berna. Strage familiare. Morti tre napoletani

La tragedia si è consumata in un attimo, poco prima dell’alba. Alle 5,15 di ieri qualcuno ha chiamato il numero

Libia. Centinaia fuggono al carcere tra scontri mortali a Tripoli

Circa 400 prigionieri sono fuggiti da una struttura vicino alla capitale libica, Tripoli, tra violenze e scontri mortali tra gruppi