Trizio Consulting

San Fruttuoso, scolmatore incompiuto: ancora presente rischio alluvioni

San Fruttuoso, scolmatore incompiuto: ancora presente rischio alluvioni
ilBuonsenso

San Fruttosio ancora a rischio alluvioni per via dello scolmatore incompiuto: ma a preoccupare non è il Bisagno quanto i rii definiti “fantasma” provenienti da Camaldoli e Santa Tecla.

La loro particolarità infatti è quella di infilarsi sotto le case e quando le piogge si fanno insistenti non si riesce a contenerli e ad evitare che creino danni importanti.

Settembre, mese piovoso per antonomasia in zona, si avvicina e la popolazione del quartiere è preoccupata dalle possibile conseguenze che una forte pioggia autunnale potrebbe avere. Soprattutto perché come anticipato, lo scolmatore del Ferreggiano, che dovrebbe mettere in sicurezza San Fruttosio, ancora non è completato.

La galleria che  porta l’acqua di Quezzi in corso Italia, va ricordato, è la stessa pensata per ricevere il flusso del rio Rovare e del rio Noce: il primo scorre sotto via Berno, poco distante dal capolinea del 46 mentre il secondo scorre accanto alle fondamenta dell’ospedale San Martino e tende a esondare ogni volta che il suo canale non riesce a contenere la piena.

Il mini–scolmatore del Rovare, è quasi del tutto completato, la presa a monte di via Berno, il pozzo di dissipazione e la galleria di raccordo sarebbero pronte ma mancano ancora alcuni lavori e un canale di superficie per rendere tutto il sistema operativo.

I soldi per completare il lavoro sarebbero già disponibili ma attualmente bloccati perché il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti non ha ancora avviato la gara tramite Invitalia. E’ stato stimato, tenendo conto della burocrazia, la probabile assegnazione del progetto e i lavori da eseguire, che la zona non sarà protetta dallo scolmatore prima del 2022.

Senza contare che sul rio Noce, oltre al tunnel che convoglierà l’acqua nella galleria principale vi sarà bisogno di creare un bypass in grado di intercettarlo e renderlo inoffensivo in salita Superiore della Noce.

Quest’ultimi sono lavori i cui fondi devono ancora essere sbloccati.